Headlight -Timeline 

l’album d’esordio della giovane band.
Un viaggio interiore per conoscersi

 

Timeline è un viaggio interiore, la conoscenza di sé.
Ciò che eravamo, ciò che ora siamo diventati ,i nostri errori e linesperienza delle prime volte.

La musica che ascoltiamo con i suoi cambiamenti. Il nostro modo di vederli.

Un viaggio che è soltanto all inizio. Una lampadina che si accende e le sue idee

 

Il singolo estratto dall’album in promozione radiofonica è This love

Sentimenti contrastanti. L'accecamento provocato dall'amore che veste la consapevolezza e la rassegnazione alla supremazia dello stesso.

Ma è la speranza a fare da contorno al tutto e a ricordarci che a volte basta alzare semplicemente gli occhi al cielo per sentirsi meno soli.

La band si forma ufficialmente nel tardo inverno del 2016 ad Ortona, piccola città della costa abruzzese dopo un fortuito incontro musicale.

I quattro giovani ragazzi:

Domenico D’Alessandro (piano, vocals).

Riccardo Grumelli (bass, vocals).

Luca Iurisci (guitar).

Stefano Berarducci (drum).

Iniziano sin da subito a esibirsi in molti locali, eventi e contest anche al di fuori dei confini di regione dove riscontrano giudizi positivi da giurie di un notevole spessore artistico musicale.

 

Nel Novembre 2018 vengono invitati ad esibirsi alla Milano Music Week (MMW18), un’iniziativa promossa dal Comune di Milano,SIAE ,FIMI ,ASSOMUSICA, NUOVOIMAIE e MiBAC dove la giovane band ha potuto esibirsi sullo stesso palco di grandi nomi della musica italiana tra cui Elisa, Irene Fornaciari e tanti altri, onorati dalla presenza del Maestro Mogol.

Nel 2020 pubblicano il loro primo singolo “This Love”, brano il cui videoclip vanta la collaborazione con il noto regista italiano Giovanni Bufalini, direttore della Sezione Cinema alla Scuola Romana di Fotografia e Cinema e successivamente l’album d’esordio dal titolo Timeline.

 

Instagram:

link:https://www.instagram.com/headlight_official_ig/?hl=it

Facebook:

https://www.facebook.com/HeadlightOfficial/?ref=bookmarks

Spotify
https://open.spotify.com/album/4BVQrJNjFTOc2zL1dAgTtr

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

Ale & Matti, Emi ed Egidio"Vieni in Italia"

Quattro giovani si uniscono ed invitano a suon di musica, a visitare ed amare il nostro grande paese.

Sulle note di Rap targato '80, la spensierata Hit estiva di giovani emergenti con la musica nel sangue. Un brano che ci farà cantare sulla spiaggia, impreziosito da un ritornello accattivante, magistralmente interpretato dalla splendida voce di Emi.

ALE & MATTI: è un duo composto da Alessio Dezi e Matteo Melandri .
Il Duo si forma dalla voglia di emergere tra una rete di creator a colpi di like sulla nuova piattaforma TIK TOK. In un solo mese dalla prima uscita sul Social  superano i 50mila Followers e oltre 3milioni di visualizzazioni.  Ma non solo: I giovani Tiktokers cominciano la loro carriera con un boom di collaborazioni con attori e TikTokers  già affermati nel mondo televisivo e web. 

Ale & Matti pur avendo da poco debuttato sui social sembrano essere la rivelazione web del 2020. I due sognano per il futuro una carriera da Creators digitali, ma anche con passioni estranee dall'ambito, infatti il più giovane, Alessio aspira anche ad un futuro calcistico. 

Egidio Ruggeri, classe 92, è un giovane cantante, spinto dalla passione inizia a studiare canto all'età di 10 anni. Sulla scia di professionisti italiani e stranieri, comincia la sua crescita artistica.

Emanuela Di Leo (in arte Emi) cantautrice, nasce nella capitale 23 anni fa. La musica è sempre stata la sua più grande passione, tanto che inizia a imitare la cantante Emila sulle note della canzone “Big Big World” ancora prima di saper parlare.

 

Interbeat
mail@interbeat.it

www.interbeat.it

https://www.facebook.com/interbeatrecords

 

 Un omaggio in musica per il ritorno alla normalità

Emilia Zamuner  presenta il singolo “Torneremo al mare”

 

 

Un omaggio musicale al tanto auspicato ritorno alla “normalità” che durante il lockdown tutti noi attendevamo. Alzi la mano chi non pensava in quei momenti al periodo estivo, a come sarebbe stato bello rivedere il mare, riabbracciarsi e respirare liberamente. Per fortuna la creatività di molti artisti non si è fermata e tra questi troviamo Emilia Zamuner, raffinata cantante di origini napoletane, che ha realizzato il singolo “Torneremo al mare”, uscito giovedì 9 Luglio

 

Spronata fortemente dal noto manager e produttore Dino Vitola, Emilia ha tirato fuori un brano elegante, senza utilizzare facili e scontate metafore sul periodo della pandemia. Il brano dal sottile e sfumato sound jazz, è interpretato dal tono di voce delicato di Emilia, che recita un testo le cui parole sono piene di bellezza e speranza, nelle quali tutti noi ci riconosciamo: “Abbiamo tanta voglia di abbracciarci, torneremo al mare, a respirare il vento.......torneremo a dire com’è bello il mondo”. Insieme al singolo è già stato prodotto il videoclip, il primo girato con l’uso della mascherina. 

 

Pur avendo solo 26 anni, Emilia ha alle spalle un curriculum notevole, sia come studi che come esperienze dal vivo. Artista raffinata e riservata, ha nell’anima una pura passione per la musica, sopratutto per quella in chiave jazz, che mette a servizio di una pubblico di nicchia. A pochi anni inizia lo studio del pianoforte con la nonna Laura Lamagna, ma la sua propensione è il canto. Per questo motivo nel 2009 inizia lo studio del vocale lirico sotto la guida del soprano Marilena Laurenza, presso il Conservatorio “Martucci” di Salerno.

Nell’estate 2010 è la voce solista della suite Disney del compositore Scardicchio, accompagnata dall’Orchestra Sinfonica della Magna Grecia nell’ambito del prestigioso Festival “Dal Barocco al Jazz” che si svolge ad Anacapri. Nel 2012 inizia a studiare canto jazz, conseguendo la laurea triennale nell’anno accademico 2014/2015 con votazione di 110 e lode. A partire dal 2011 comincia un’intensa attività concertistica che l’ha portata ad esibirsi  in alcune delle principali città italiane come Milano, Firenze, Bologna, Roma, Napoli, Palermo e Catania e tante altre, ma anche in paesi europei con tourneè in Spagna, Portogallo, Germania, Belgio e Macedonia.

Nel 2016 si classifica al primo posto al “Premio Internazionale Massimo Urbani”, prestigioso concorso per giovani talenti del jazz. Con la discrezione che la caratterizza, e con perseveranza, Emilia ha già realizzato un percorso che le ha regalato grandi soddisfazioni. La dedizione e l’impegno che mette nei sui lavori, nonché  la gioia di trasferire al pubblico la sua arte, le hanno dato lo slancio giusto per fare qualcosa di utile e dare coraggio in un momento così difficile per l’Italia intera.

 

 Tutto quello che è successo le ha fatto ricordare che nonostante tutto si ritiene una persona molto fortunata, che ama la sua terra ed il suo Paese, pronta con la sua arte a dare il suo contributo quando serve. E con “Torneremo al mare” Emilia è riuscita perfettamente nel suo intento.

 

Contatti e social

https://www.facebook.com/emiliazamuner1/

https://www.instagram.com/emiliazamuner/?hl=it

Info e booking: dinovitola@bolerotv.tv

-- 

 

Isabel Zolli Promotion Agency

Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

 

 

Annarè, Gluten Free
Musica, energia, amore e intolleranze alimentari.
In promozione radiofonica il nuovo singolo della cantautrice 

 

Gluten Free è il primo singolo del secondo album di Annarè, un mix di energia, musica, amore e intolleranze alimentari; fresco e genuino da canticchiare in macchina, sotto la doccia, per strada..impossibile non lasciarsi coinvolgere. 

Un modo semplice e diretto di raccontare l'amore al tempo del gluten free.

Il titolo del nuovo album è Mezzanotte , dodici tracce di passione, intimità, provocazioni e sound tipicamente italiano. 

Da uno stile prettamente cantautoriale dei testi ad un suono estremamente attuale pop, indie-pop che, in alcuni casi, sfrutta anche la sensualità del blues e la grinta del rock.
Una miscela inconfondibile dal sapore unico..dal sapore di Annarè.
Di  prevista in autunno 2020 è anticipato dal nuovo singolo “Gluten Free” 

Anna Persiano, in arte Annarè, nasce a Napoli l'11/01/1989 e si trasferisce con la famiglia a Lucca all'età di 3 anni.
Diplomata al Liceo Classico e iscritta al DAMS dell’Università di Firenze, nel 2011 intraprende lo studio del canto con metodo VMS-Loretta Martinez, intensifica il suo lavoro di scrittura e composizione, intraprendendo lo studio di chitarra e pianoforte; nascono subito tre inediti: "Io Prometto", "Non lascio spazio" e "E ti senti uomo”. 

Il brano "Io Prometto” riscuote subito un gran successo sia a livello mediatico, sui social e sul canale YouTube, sia a nelle numerose manifestazioni a cui la cantautrice partecipa.
Parte così la sua carriera artistica, tra esibizioni, live e apparizioni televisive. 

Finalista del prestigioso Festival di Ghedi, del Festival di Castrocaro e dell’importante concorso per autori Genova per voi.
Nel 2016 inizia la stesura dell'album "Prometto", anticipato dall'uscita del singolo che dà il nome al disco, "Io Prometto”. 

Nel 2017 Annarè ottiene altri importanti piazzamenti in festival di rilievo come Premio Lunezia (semifinalista) e ancora una volta semifinalista del Festival  di Castrocaro.
Nel 2019  è finalista  al Pistoia Blues, Premio Miglior Testo Warner Chappel.
Si distingue subito per la sua forte emotività, che la porta ad interpretare le canzoni in modo molto intenso e personale. 

“Prometto”, il primo album di esordio della cantautrice, esce nel dicembre 2017 e dà inizio ad una serie di interviste, concerti in tutta Italia e promozione sia del disco che dell’artista.
Sono otto le tracce presenti nell’album, brani scritti in musica e testo dalla cantautrice stessa. 

Dice Annarè:  “Ogni volta che vado a suonare, in qualsiasi posto io sia, dal palco più bello al circolo sotto casa, lascio ogni tipo di inibizione e mi perdo nel mio mondo..e la cosa bella ed incredibile è che anche chi mi ascolta si avvicina piano piano a questo buco nero per poi esserne piacevolmente travolto.. si perde con me in queste indecifrabili emozioni.
I live sono la porta d’ingresso della perdizione.” 

https://www.facebook.com/annareofficial/
https://www.youtube.com/user/AnnarePersiano
https://www.instagram.com/annareofficial/

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Salba , Come x Sempre”
il nuovo singolo dalle sonorità Synth Pop

Il cantautore siciliano Salba, che durante la quarantena ha composto l’emozionante “Canzone sul balcone”e  “Vivo solo”, torna alla ribalta, più grintoso che mai, con il suo nuovo singolo “Come x Sempre”.

Come x Sempre” è il nuovo singolo di Salba, pubblicato da Sonos Music Records e disponibile su tutte le piattaforme digitali e in rotazione radiofonica da venerdì 3 luglio.

Dopo il grande successo avvenuto con “Canzone sul balcone” e “Vivo Solo”, quest’ultima selezionata dalla commissione di Musicultura 2020 per le Audizioni Live a Macerata, Salba torna a far parlare di sé e della sua musica. Oggi il cantautore siciliano porta un nuovo messaggio al grande pubblico, e lo fa con una vera Hit estiva dalle sonorità SynthPop.

Il brano è stato prodotto e registrato da Antonio Polidoro al Blap studio di Milano che ha ospitato artisti come Francesco Gabbani, Arisa, Elodie, Fast animal and slow Kids.

Come x Sempre” è il risultato di un’attenta ricerca di suoni da parte dell’artista che, in maniera sempre più concreta, tende a un progressivo perfezionamento del proprio stile, mescolando il cantautorato alla musica elettronica.

La musica di Salba è in evoluzione, come afferma l’artista: “è principio e fine dei molteplici mondi esplorati nel corso della mia carriera sino ad oggi”. Il nuovo brano nasce in un momento di profonda riflessione e introspezione del cantante che, prima e durante il lockdown affina il proprio modo di scrivere e raccontarsi, puntando a regalare immagini che possano colpire chi ascolta, facendo vivere i viaggi del cantautore. Cambia anche il rapporto di Salba con i sintetizzatori e le drum machine, che adesso si rivelano elementi centrali nella sua produzione musicale.

La vita mi spinge ad esprimermi, e la musica mi aiuta a farlo – afferma il cantante – voglio arrivare lontano e, passo dopo passo, mi rendo conto di essere sempre più vicino a chi mi ascolta. Ho fatto un viaggio dentro me stesso, il tempo giusto per dedicarvi un’altra parte di me. “Come x Sempre” è una danza, è vita vissuta, è magia”.

https://www.instagram.com/salbasonoio/?hl=it
www.sonosmusicrecords.com

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

Chiara Crystal, Namacissi”

su tutti i Digital Stores ed in promozione radiofonica 

 

 

Il brano è un viaggio attraverso la propria camera, il nostro luogo di comfort, che non è altro che la metafora del nostro mondo interiore e di quel “mood” che ci ha accompagnati in questo ultimo periodo.

Il periodo di lockdown ci ha lasciati tutti un pò stravolti, soprattutto i giovani che sono abituati a viversi le emozioni e a condividerle in maniera forte e spontanea. Il brano “Namacissi” (parola che a volte viene utilizzata nel linguaggio giovanile) parla proprio di questo: della vita vissuta in quarantena dai ragazzi.
Tutto questo in chiave ironica, leggera, ma che lascia comunque spazio ad una sottile vena malinconica, legata alla situazione.
Ragazzi che si sono trovati a vivere tra la pigrizia, rinchiusi nelle proprie stanze, tra le preoccupazioni, le difficoltà nello stare per molto tempo a casa, bloccando un pò le energie e lo stile di vita che li caratterizzano di solito.
Il modo per “sentirsi” più vicini è stato quello delle video-chiamate e, ovviamente le serie TV che non sono mai mancate a farli compagnia, un pò anche per non pensare di continuo al bombardamento sui socials, causato dalle notizie relative al Covid-19, che ha contribuito ad aumentare fenomeni di “cyberipocondria” e ansia generale. 

 

Edizioni Musicali MAFFUCCI MUSIC
MAFFUCCI MUSIC through its “SONOS MUSIC records” Label under direct License by the Producer

https://www.facebook.com/chiara.patalano.3

https://www.instagram.com/chiara_crystal/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

FUNK u
in promozione il singolo di Marco Pernice 

Il singolo nasce dalla contaminazione sonora tipica dello stile compositivo dell’autore, tra funk, elettronica e la cultura pop/rock alternativa. Il brano è stato prodotto interamente da Marco Pernice nel suo studio privato incidendo chitarre e voce, elaborando basi elettroniche e campionamenti, nell’intenzione di dar vita ad un sound che sia gradevole all’ascolto e ballabile allo stesso tempo. 

Chitarrista, autore/compositore, cantante, produttore.
Approda allo studio della chitarra a fine anni 80 ascoltando grandi musicisti come Jimi Hendrix, Eric Clapton, Pat Metheny, John Scoffield, Vernon Reid, Steve Vai e tanti altri. 

Inizia la carriera musicale a Bari tra scuola di musica, bands, concerti, festivals e produzioni discografiche nei primi anni '90.
Nel corso degli anni ha suonato in prestigiosi festival italiani come Time Zones, Taranta Power, Bari Jazz Festival, Summer Festival, ecc ... in programmi artistici che includevano artisti come Lou Reed, John Cale, Popol Whu, Uri Caine, Vernon Reid, Eugenio Bennato, Antonella Ruggiero, percorso che lo porta a seguire un master del chitarrista Mike Stern (collaboratore di Miles Davis e Jaco Pastorious negli anni 80) nel 2005. 

Numerosi i passaggi radiofonici locali e nazionali, recensioni e apparizioni in TV. 

La discografia di Marco Pernice è piuttosto varia in termini di stili e "generi" di musica, dal pop/rock inglese/italiano, episodi funk, suoni elettronici/house, rock strumentale.
Sempre alla ricerca di un linguaggio musicale che potesse in qualche modo unificare tutto ciò che ha ascoltato, suonato e apprezzato. 

Per due mesi da Gennaio 2020 il singolo DJ KILLER è stato in classifica indie Italia e in heavy rotation nel circuito indie internazionale, soprattutto in Usa, Uk e Germania. 

 

 

https://linktr.ee/marcopernicemusic
https://twitter.com/VOXPOPULIlive

https://open.spotify.com/album/4qWqUIGCzT6CsCxGDy8LHZ

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 “Mare Blu”

Il colore dell’estate nel singolo di Jennifer Stella

 

Se l’estate fosse un colore di sicuro sarebbe il blu in tutte le sue sfumature marine. E la giovanissima artista Jennifer Stella ne ha colto lo spunto per intitolare il suo nuovo singolo “Mare Blu” uscito lunedì 6 Luglio sui circuiti radiofonici e sulle principali piattaforme digitali.

Il brano ha dentro l’energia fresca e ritmata che richiama il tipico senso dell’estate e il moto delle onde sulla spiaggia, lasciando una sensazione di libertà e leggerezza. Il testo strizza l’occhio al linguaggio della nuova generazione e si unisce ad un ritmo equilibrato, senza eccessi, che mescola pop & sound reggae con un risultato orecchiabile all’ascolto e ideale per tutti i momenti vissuti in compagnia. Una ventata di ottimismo pensando ad una storia d’amore che lega il mare ed il suo colore all’amore.

La voce pulita e ben calibrata di Jennifer rimane in testa fin dal primo ascolto e oltre a far emergere il suo talento, ci rivela già una preparazione professionale non comune per una ragazza diciannovenne, che ama misurarsi in vari ambiti. Jennifer infatti canta, balla e presenta; studia come una vera showgirl tutte le discipline che accompagnano questa professione come la dizione, il portamento, il ballo ed il canto. L’obiettivo è quello di avvicinarsi ai modelli di soubrette complete e professioniste, che hanno caratterizzato il  nostro panorama televisivo nazionale; i suoi idoli sono infatti Raffaella Carrà, Lorella Cuccarini, Heather Parisi e Loretta Goggi dalle quali prende ispirazione ed insegnamento ascoltando e rivedendo alcuni dei programmi storici che hanno reso famose queste signore della tv. Oltreoceano lo sguardo va a grandi performer come Madonna, Jennifer Lopez e Beyonce, senza tralasciare Christina Aguilera e Shakira o la più recente Ariana Grande. Sono tutte artiste che la guidano e la motivano nelle scelte e nello studio, così come nel raggiungere il suo obiettivo. Jennifer punta a diventare il nuovo volto della musica, dello spettacolo e della televisione; ed in questo il talento precoce unito ad una bellezza oggettiva indiscutibile, sono le doti che le permettono di avere le premesse giuste per arrivare a questo traguardo. 

Jennifer Stella è una ragazza che possiede la stoffa del fuoriclasse, di chi comincia una sfida e sa di portarla fino in fondo. Quindi augurandoci di trovare in lei una nuova Raffaella Carrà nel futuro della nostra tv, godiamoci nel frattempo la sua voce con questa hit estiva. Ed il blu, di sicuro le porterà fortuna!

 

Management: 
dinovitolaeditore@libero.it
 
roccogentile@libero.it

Social 

https://www.facebook.com/JENNY-A-PAGE

https://www.instagram.com/jennifer_stella_official_/

 

Isabel Zolli Promotion Agency

Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

Hype "Mood Latino"
Tanta voglia di sole e di libertà nel nuovo singolo del giovanissimo artista

 

Hype, alias il giovanissimo Marco Epicoco, presenta al pubblico il suo nuovo singolo “Mood latino”.
L’estate ormai cominciata, il desiderio di lasciarsi andare e di dedicarsi alle persone amate, è il mood alla base di questo singolo dal sound ritmato. Nel brano si respira un’atmosfera positiva con tanta voglia di sole e libertà tipica delle calde serate estive. La voce pulita ma allo stesso tempo calda e matura di Marco rompe il silenzio e ci invita a ballare. Il sound melodico - latino è trascinante fin dal primo ascolto e il ritornello ti entra in testa con la leggerezza tipica delle canzoni estive. Impossibile non farsi trascinare!

 

Hype (Marco) è un cantante che coniuga perfettamente la leggerezza e lo spirito di un ragazzo diciottenne nato in provincia di Brindisi, unito ad un talento innato e prepotente per la musica che lo rapisce fin da piccolissimo; all’età di appena 5 anni comincia a studiare canto e da quel momento non si ferma più. Con gli anni perfeziona vocalità e tecnica e vince il primo concorso canoro all’età di otto anni, spiazzando la giuria con la sua interpretazione. Forte delle sue capacità Marco partecipa a tanti altri concorsi, come ad esempio il Cantagiro,  fino ad arrivare a 12 anni  al programma “Ti Lascio Una Canzone” di Antonella Clerici su Rai Uno, un’esperienza per lui davvero meravigliosa e ricca di soddisfazioni. Questo traguardo, come quello delle audizioni per X Factor, sono stati due momenti significativi  per il percorso di Marco che comincia a “vedere” e respirare realtà più importanti. Allo stesso tempo impara a non mollare gli studi ed il perfezionamento, e si chiude in camera accompagnato dal suo fidato pianoforte per scrivere i testi delle sue canzoni, ispirate spesso a storie d’amore vissute in prima persona. Attento osservatore della realtà che lo circonda, sia guardando la gente che dentro se stesso, Marco ricava continui stimoli e sensazioni che trasferisce nei testi e nel suono. Il suo artista di riferimento è Tommaso Paradiso, cantautore tra i più eclettici e geniali al quale si ispira soprattutto per la composizione dei testi. Sul versante internazionale invece artisti dai quali trova ispirazione per il sound sono Bruno Mars e Charlie Puth, due fuoriclasse della panorama musicale mondiale. Ottimi punti di riferimento per un ragazzo che sta cercando di convogliare le sue esperienze trovando un identità musicale ben precisa. Hype (Marco)  procede alla scoperta della vita, in tutte le sue sfaccettature, e non si ferma alle apparenze preconfezionate. “Ama andare oltre”, cercando di trovare secondo il suo punto di vista i significati alle cose che lo circondano. Come afferma in una sua dichiarazione “senza la musica le persone sarebbero diverse”, perché tramite le canzoni si ha la possibilità di rivelare grandi aspetti della vita, come l’Amore e gli altri sentimenti che animano l’essere umano, fissandoli per sempre.

 

Per Marco non c’è mai stato un piano B nella vita, ma solo il desiderio forte e impetuoso di essere quello che oggi è. Un cantante ed un ragazzo semplice e vero, con ancora tante cose da raccontare.

 

 

https://www.instagram.com/marco__hype/
https://www.facebook.com/marcoepicocomusic/

 

Pietro Daniele, Mani Libere
in radio il nuovo singolo dell’artista napoletano

“Mani libere” esprime la voglia di stare insieme e di gioire delle cose semplici. Tutti all'unisono alziamo le mani, seguiamo il ritmo del nostro cuore e lasciamoci travolgere dal ballo della vita

 che non smette mai di sorprenderci nonostante il buio di questi giorni indimenticabili che hanno minato la nostra stessa umanità nella sua più intima essenza: il contatto e la prossimità”.

 

Pietro Daniele, 48 anni, cantautore, nato a Napoli, vive a Napoli. Laurea magistrale in scienze religiose. Poco più che ventenne inizia la sua esperienza musicale partecipando a concorsi canori. Il più importante: Accademia di Sanremo nel 1994. Fa piano-bar, partecipa a qualche festa di piazza esibendosi con le proprie canzoni sul palco, partecipa ad alcuni programmi su reti televisive locali, cerca di mettere su una band ma con scarsi risultati poi ripone il suo sogno nel cassetto cercando nuove strade per la propria realizzazione e autonomia. La passione per il canto e per lo scrivere però non lo abbandona mai, la coltiva in privato fino a quando nel 2013 scrive un testo sul suo rapporto difficile e conflittuale col padre, testo che viene letto da una sua amica, cantautrice napoletana, la quale gli consiglia di musicarlo perché a suo parere è un buon testo. Quando poi nel 2016 trovato l’arrangiatore quel testo diventa la canzone “L’assenza” decide di farlo ascoltare al team del Tour Music Fest che lo invita a partecipare al campo di formazione per musicisti e cantautori tenuto al C.E.T. In quel contesto capisce che qualcosa manca nella sua vita e che è una parte fondamentale del proprio essere: la Musica. Allora si rimette in gioco partendo da se stesso e dalle proprie mancanze. Realizza per “L’assenza” un video-clip che gira su Youtube, continua a scrivere testi e riprende lo studio del canto e della chitarra. Il 24 marzo 2017 esce su tutti i negozi digitali il suo secondo singolo “L’uomo che lavora”, canzone che attraverso la figura romantica di un uomo che lavora duramente e si sacrifica per dare un futuro ai propri figli, sottolinea l’importanza del lavoro come fondamento della nostra società. Alla fine dello stesso anno esce il suo terzo singolo “Elettrica(mente)” insieme al video-clip, una canzone sui social che se usati male paradossalmente possono diventare una prigione dorata e non più la possibilità di allargare i nostri orizzonti. Nel 2018 esce su Youtube il video-clip “Non posso averti” primo estratto dell’Album “Questo tempo”, che suona su molte radio locali FM italiane e alcune radio nazionali estere. Il suo primo album Questo tempo contiene 12 brani inediti in cui l’artista tratta diversi temi: l’amore bello, l’amore perduto, l’amore violato, la voglia di vivere e farcela, il senso di abbandono degli adolescenti, la dipendenza da droghe e soprattutto dall’alcol, il tema del lavoro, la fuga dei cervelli in una società per niente meritocratica, la necessità di una collaborazione mondiale per la risoluzione dei grandi problemi che affliggono l’umanità. Qualche mese dopo esce un altro singolo “Cattivo amante”, che racconta l’amore fugace che si consuma in una stanza fuori dal mondo in cui per un attimo i protagonisti ritrovano quella passione e quel coinvolgimento ormai persi nella routine delle loro vite.  Anche per questo singolo viene realizzato il videoclip e il brano suona su molte radio locali FM in tutta Italia. Il suo penultimo singolo è Verso te che suona su molte radio FM italiane e il cui videoclip supera il milione di views su Youtube. Fruttuosa la collaborazione con Alessandro Galdieri, musicista di Vallo della Lucania, con cui collabora ormai da tre anni e con cui ha scritto tutte le canzoni del suo repertorio tranne L’assenza. Tutte le canzoni nascono dai testi di Pietro Daniele che poi vengono musicati e arrangiati da Alessandro Galdieri con una sinergia spontanea e quasi magica. Attualmente il suo ultimo singolo C’è la musica uscito il 06/03/2020 su tutti i digital stores insieme al videoclip su Youtube suona su molte radio fm italiane.

www.facebook.com/PietDani/

www.instagram.com/pietdani/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

Angelo Villani, Fino in fondo
in promozione il singolo orecchiabile e coinvolgente  de cantautore 

 

Il passato è solitario, tanti pensieri e poche esperienze, quindi il tentativo è uscire dal guscio per vedere se c'è qualcosa o qualcuno in grado di scalfire le certezze pessimistiche in cui si rifugia il protagonista il quale è stanco dei timori e dei tormenti che cerca inutilmente di sconfiggere che faranno sempre parte di lui ma, l'obiettivo è riuscire a conviverci. Accettare il giudizio degli altri e di se stessi è il primo passo. La melodia del brano  è coinvolgente ed orecchiabile perché tenta di vivere il dramma del protagonista che cerca con voce potente e decisa di dare un taglio alla propria pigrizia mentale e provare a cambiare

 

Angelo Villani nasce a Bologna da genitori pugliesi nel 1989. Da bambino ama il calcio coltivando il sogno di diventare un professionista ma la solitudine e il bisogno di esprimersi lo portano ad appassionarsi ad un mondo più interiore, quello della musica e in particolare del canto senza trascurare lo studio che lo porterà a conseguire la laurea magistrale in Italianistica e scienze linguistiche. Trascorre un lungo periodo esercitandosi a casa da autodidatta avvalendosi di cover prevalentemente pop. Ammira le doti interpretative di Ferro, l’estro di Mengoni e il controllo vocale di Baglioni e col tempo si avvicina anche al pianoforte per migliorare le sue conoscenze musicali apprendendone  le basi tramite lezioni private fornite da un maestro che lo farà esibire in teatro con spettacoli a tema in cui partecipano cantanti e ballerini per ricordare musical e canzoni famose. Continua  a lavorare sulla sua voce ma è sempre più forte il desiderio di mettersi in proprio cercando uno stile riconoscibile. Studia testi e melodie per poi costruire i primi inediti. L’intento è scrivere qualcosa di profondo senza però tralasciare l’orecchiabilità e quindi la possibilità di arrivare ad un pubblico il più vasto possibile. Questo vuol dire anche una maggiore apertura verso gli altri, seppur mantenendo una certa dose di riservatezza che lo conduce ad una vita privata e mondana ancora avara di emozioni. Ma è proprio questo che lo spinge a raccontare il malessere ma anche la speranza che lo hanno attraversato e che continueranno a farlo in virtù della sua indole molto riflessiva. Oggi ha un progetto discografico indipendente e nel frattempo lavora come ha sempre fatto anche ai tempi dell’università..

 

https://www.facebook.com/angelo.villani.108

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

À Rebours , “Méliès”

la libertà di immaginare il futuro.
In promozione il singolo d’esordio della band pugliese

Tutti sognano di volar via verso la luna e allo stesso modo tutti sognano un amore come quello nei film.
La timidezza, la paura di fallire, il senso di inadeguatezza sono fattori che concorrono al fallimento, ma una cosa che non fallirà mai è proprio il sogno, l’idealizzazione.
Così tutti diventiamo dei visionari. Come Méliès immaginava un proiettile sulla luna, siamo sempre liberi di immaginare il futuro e le aspettative come le vogliamo noi…solo noi! 

Gli À Rebours nascono nell’autunno 2018 dalle ceneri di altri progetti musicali.

Per casi fortuiti, Angelo Fierro, Antonio Morgese, Salvatore Monaco e Antonio Caporale, formano la band con l’intenzione univoca di creare musica inedita, sfruttando le diversissime influenze che li caratterizzava.

Fra idee precise e occhio attento al panorama musicale italiano, si indirizzano sull’indie/alternative Rock, uscendo allo scoperto fra club e festival dando vita a una lunga serie di live. 

All’inizio del 2020 si affidano alla Dcod Communication, importante agenzia di promozione e decidono di lanciare il loro primo singolo “Méliès”, con un videoclip firmato dal regista Davide Lupi.

Nell’attesa di riprendere l’attività dei live, stanno lavorando al loro primo album. 

https://www.facebook.com/ARebours.music.italy/

 

https://instagram.com/arebours.music?igshid=9y4izcqnccfm

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

Shirley, La tua stretta
in promozione radiofonica il nuovo singolo della cantautrice 

 

Shirley Di Vincenzo nasce a Gattinara un piccolo paese in collina.
La musica la rapisce fin dalla più tenera età coinvolta  all’ascolto anche dal padre con i  dischi dei Queen, degli Scorpions, Toto e tanti altri.
Crescendo aumenta sempre di più la sua passione per la musica e come spesso accade, per proporsi, inizia a partecipare a piccoli concorsi canori.
Ma il paese di provincia è piccolo, ha poco spazio per le esigenze artistiche di Shirley e allora il pensiero alle grandi città come Milano e Torino diventa costante.

La compagnia dell’olmo mette a disposizione dell’artista un palcoscenico per esibirsi in spettacoli di musical e da il via ad un radicale cambiamento oltre che artistico anche di vita.
I The vox rock band  rappresentano un’altra esperienza della cantante, ma la voglia di emergere e di essere inequivocabilmente se stessa e tanta. Shirley ha bisogno di esprimersi e vuole essere leader di se stessa e delle sue aspettative artistiche.

L’incontro con il produttore musicale David Marchetti gli apre una ulteriore  porta per farsi conoscere e dare inizio ad una operazione discografica e mediatica con la canzone #nobully che l’artista definisce la sua bambina. 

Un esperienza diretta con il bullismo e un inno a ribellarsi, ad essere sempre se stessi comunque, anche quando ti dicono di essere uno zero.
#nobully è una chiave per aprire il lucchetto che il bullo impone alla sua vittima. #nobully  e un grido per dire basta.
 

Attualmente in promozione con il nuovo singolo dal titolo “La tua stretta” scritta da Shirley con la collaborazione di Luigi Cerin  anche regista dell’interessante videoclip. 

 

 

https://www.facebook.com/mammashy

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

La maskerina, Riccardo Trovato

 Il rimedio funk anti covid del cantautore siciliano 

La maskerina è un brano fra serio e faceto, scritto di getto dal cantautore siciliano, Riccardo Trovato, durante il periodo di lockdown in Italia. Cosa c’è più importante della libertà? Probabilmente nulla. Abbandoniamo le diatribe su chi ha ragione e chi torto, tra fake news e complotti, spesso l’essenziale è sotto ai nostri occhi e non ce ne rendiamo conto. Quella normalità così tanto noiosa, dovrebbe essere rivista sotto un’ottica differente, così come la libertà, oggi data troppo spesso per scontata. Il brano è un frullato di messaggi positivi, racchiuso in un involucro di sonorità rock, funk e pop. Vede la collaborazione di Herry Found (ex Karbonica) alla batteria, mentre le restanti tracce sono state suonate dallo stesso cantautore, presso Apollo11 studio, struttura creata da Riccardo per la realizzazione delle proprie produzioni.

 

Riccardo Trovato è un cantautore siciliano, nato a Catania e cresciuto musicalmente, beneficiando del fermento culturale e artistico sviluppatosi tra gli anni 90 e i primi anni 2000.

Inizia il suo percorso musicale nel 2004, dando poi concretamente forma alle sue idee artistiche con i Karbonica, band con cui ha pubblicato due album e partecipato a svariate manifestazioni e festival musicali nazionali.

Il suo percorso solista è la vera novità, fortemente radicato in un sound figlio del rock più classico, ha deciso di rendere pubbliche le sue idee, senza filtri e ragionamenti pubblicitari, dichiarandosi in modo verginale parte di una scuola musicale nota agli addetti ai lavori e ai non. Il suo obiettivo principale è suonare ciò che più lo diverte e il suo primo step è rappresentato dalla pubblicazione del brano “La maskerina”, su tutte le piattaforme di streaming audio e video.

 

 

 

 

 

 

 

Pagina Facebook

https://www.facebook.com/RiccardoTrovatoOfficialPage/  

Pagina Instagram

https://www.instagram.com/riccardotrovato_official/?hl=it

Canale Spotify

https://open.spotify.com/album/2zJuSe5i5oPtHAW6GInukg?si=3BSIpAEZQMaqt6gzkRvirA

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

Valentina Falcone, In fondo alla strategia 

la strategia empatica che ognuno adotta per sopravvivere.
In promozione il singolo della cantautrice. 

In Fondo alla Strategia” è un brano acustico, che evoca forti emozioni come la fragilità, la presa di coscienza e l'energia di una rinnovata consapevolezza, è uno status dell'anima, un percorso, la strategia empatica che ognuno di noi adotta per sopravvivere. 

Valentina Falcone, cantautrice Italiana, scrive da quando ha quattordici anni.
Da sempre alla ricerca di un’espressione che la renda singolare e totalmente personale, negli anni scopre nuove identità sonore che le permettono di sperimentare molto vacillando tra molteplici progetti discografici.
Premio Della Critica al Festival Dell’Alto Milanese, semifinalista all’Accademia Della Canzone Di San Remo, ha partecipato a molti concorsi canori, Rock Targato Italia (Radio Italia), Brand New Talent (MTV) Phenomenon Music Contest, Festival dei talenti etc...etc... Molti i consensi da parte di personaggi dello spettacolo ed Enti Artistici.
Riceve subito un bel riscontro, un passaggio televisivo su “U zone” (Mediaset italia2) in rotazione radiofonica nelle radio locali italiane del circuito “My Chance” e “Meet’in Radio” (Meeting Degli Indipendenti), secondo posto annuale sul web tv (Uno tv) e Commusik, Recensioni giornalistiche su Oca Nera, GengiSkunk,Almax, theRockBlog.net . Valentina Falcone è Premio Speciale al MEI di Faenza (2015).

 

Facebook Official : https://www.facebook.com/valentinafalconeofficial/
Youtube Official : http://www.youtube.com/c/VALENTINAFALCONE
Instagram Official :
https://www.instagram.com/valentinafalconeofficial/
Digital Store
: https://promotion.lnk.to/p5sDqOgM/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Giovanni Luca Valea, Osanna
in radio il singolo del cantautore toscano 

Osanna è una canzone d’amore sin dai primi versi, con la voce di Angela De Luca che introduce una melodia semplice e parole precise, curate. Osanna nasce da un momento di dolore: una storia d’amore volge al termine e, sullo sfondo, un Maestro sta entrando in città. In origine, Osanna significava “Salvaci”: era l’invito rivolto a Gesù che entrava in città. Nella canzone, la preghiera è quella di un giovane uomo che vede la sua donna allontanarsi, prendere un’altra direzione. Le strade si dividono: il protagonista accoglie la luce che arriva, la donna si nega, rendendo più forti le distanze e le differenze tra i due.

L’uomo, dunque, è insieme rassegnato e orgoglioso. Ammette di avere un solo talento – chiaro il riferimento alla parabola – e confessa di vedere in quella luce un’occasione per rendere poesia le sue parole. Non dimentica le sue origini: l’aspetto da zingaro, la scaltrezza.

Nel procedere, la canzone svela la sua venatura erotica: “Un tempo sono stato / tra gli eletti / entravo fiero / in uno scrigno / come in un regno”, quasi a ricordare con voluttà la carne di cui ha potuto godere.

I versi successivi smarcano la canzone da ogni tipo di pregiudizio: “Dio non lo conosco / so questo canto / mentre rinasco”. Il giovane non cerca Dio, non è Lui il limite: rimpiange la donna, il suo corpo e si consola questo canto che lo potrà riportare alla vita.

La strofa conclusiva, tra le più significative delle canzone, è un filo sottile. Quale che sia la sorte della storia con la donna – la luce, la tenebra – l’uomo sa che esisterà comunque un altro amore, di natura forse diversa ma egualmente intenso, forte.

L’ultimo verso “Canto soltanto / per un po’ di calore” è forse la dichiarazione più plateale di una canzone ricca di simbolismi, allegorie. Il talento dell’uomo, la sua ricerca della poesia sono soltanto uno strumento  per arginare il rischio della solitudine, del dolore infinito della sconfitta.

Giovanni Luca Valea nasce a Firenze il 27 dicembre 1988. Professore di lettere, ha all’attivo due pubblicazioni: Canzoni di rabbia, poesie d’amore (Carmignani editrice, 2016) e Una storia che credevo di aver dimenticato (Porto Seguro, 2019). Vicino all’arte della canzone sin da giovanissimo, con una straordinaria passione per il cantautorato francese, Osanna è il suo singolo d’esordio. 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

EEF – Early Ettringite Formation  Just For Fun 

in radio su Spotify e su tutte le principali piattaforme digitali

Just For Fun è il nuovo singolo degli EEF, sestetto marchigiano formato da giovanissimi super-solisti capitanati dalla front woman Cecilia Rossini. Just For Fun, estratto dal loro debut album Horror Vacui, è un concentrato di energia e gusto per il funky, la fusion e il rock.  Ma attenzione, il pezzo “spinge” anche sull’airplay radiofonico con la voce di Cecilia che, in alcuni momenti, ci riporta alla migliore Lisa Stansfield. Gli EEF, che nel 2018, sono stati terzi assoluti (primi tra i gruppi) al Tour Music Fest presieduto da Mogol, hanno idee precise, stile e tecnica superlativa. Un gruppo proiettato nel mondo ma con un’anima italiana.

 

EEF Early Ettringite Formation è un sestetto di giovani musicisti marchigiani. Il gruppo propone un progetto di musica inedita dalle sonorità originali, decisamente Rock ma con molteplici influenze, dal Jazz, Funk alla Fusion. Nella primavera del 2018 registrano la prima demo contenente tre brani originali al Nufabric Basement Studio Recording di Fermo e prendono parte al Tour Music Fest 2018 arrivando in finale a Roma e posizionandosi 3° in tutta Italia. Partecipano al Forum Jazz Live di Forlì con Dave Weckl e Mike Stern giungendo sino alla semifinale. Ad oggi, hanno completato la registrazione del loro primo disco “Horror Vacui” presso Astronave Recording Studio di Recanati. L'album esprime perfettamente il concetto del “terrore del vuoto” che da sempre si è presentato in diverse forme artistiche dalla pittura, alla scultura, all’architettura, che si avvale dell’atto del riempimento di un’intera superficie di un’opera con dei particolari finemente dettagliati. Così come nell’arte bizantina, gotica, barocca o quella di M.C Escher, anche il concetto di Rock può prendere forma attraverso un “esuberanza decorativa”. 

 

Il nome EEF Early Ettringite Formation prende invece spunto dal mondo della chimica: l'ettringite primaria è un composto che si forma nella fase di presa del cemento ed è ciò che conferisce ad esso la compattezza e il tipico carattere lapideo. Il progetto nasce da questa spiegazione puramente scientifica, dove ne è stato colto il senso più filosofico: EEF Early Ettringite Formation è il connubio tra sei elementi di estrazioni differenti che, miscelati insieme, danno origine ad un composto solido come il cemento.

Gli EEF sono:

Cecilia Rossini -Voce 

Umberto Ferretti -Chitarra 

Mattia Leoni -Batteria 

Giovanni Golaschi -Basso 

Leonardo Rosselli -Sax 

Matteo Paggi -Trombone

 

Link di riferimento
Facebook
https://www.facebook.com/EEFproject/
Instagram
https://www.instagram.com/eefproject_6/
Spotify
https://open.spotify.com/album/6tl96U59u0zPu32jf3VWG1?si=focS4YQTTW6AARLyhK5OCA 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

I Vendrame Postalmarket

 

in radio e sui principali digital store il singolo che anticipa l’album d’esordio

 

Postalmarket é la trasposizione del brano d’amore, un amore da dedicare a se stessi.

Un intimo e allegorico viaggio nelle fantasie quotidiane di ognuno di noi, che riavvolge  i frame delle nostre giornate adolescenziali. Un nostalgico approccio alla masturbazione analogica, prima dell’avvento dell’era digitale, racchiusa nell’ iconografica lettura della mia dimenticata rivista per mamme Postalmarket.

 

Chi sono questi Vendrame

Il progetto I Vendrame nasce a Pescara all’inizio del 2014, da un’idea di Riccardo Di Virgilio Mambella, Francesco Giammarino e Paolo Facondi. I Vendrame raccontano il quotidiano con ironia, giocando con storie e personaggi improbabili, spesso contraddittori, che si materializzano nei brani e nei concerti, messi in scena con grande attenzione all’impatto teatrale dello show. Grazie alle molteplici influenze che spaziano dal rock al samba, dal blues alla psichedelia e a tutto ciò che c’è nel mezzo, la musica dei Vendrame varia in qualsiasi emisfero musicale, sfociando in sonorità che toccano estremi talvolta inetichettabili, dietro un’apparente semplicità compositiva. 

 

MalOrigine 

I Vendrame sono una “grande rappresentazione di Malcomplesso”. Sono tutto ciò che rappresenta un presunto talento mai espresso, mai valorizzato o, al contrario, sopravvalutato. Sono i finti portavoce di una sindrome sociale incline a “tarpare le ali” al prossimo e ad idolatrare pupazzi, una sindrome che diventa, appunto, malcomplesso. 

I Vendrame: il nome stesso è un tributo a Ezio Vendrame, calciatore degli anni ‘70, vero talento inespresso. Un poeta del pallone e delle parole, Ezio, il George Best italiano. Genio e sregolatezza, ricco di poesia e contenuti mai emersi in un mondo malato di occasioni perse; caro amico di altri grandi talenti incompresi tra cui Piero Ciampi, cantautore toscano scomparso e finito nel dimenticatoio. 

La nascita dei Vedrame (o il loro sbarco sulla Terra) è sancita dalla pubblicazione del loro primo EP sul sito www.ivendrame.com nella notte di Natale del 2014. Il lancio è stato supportato da una campagna teaser di un mese. In contemporanea alla nascita la band rilascia vari contenuti promo tra cui il video “Live at Cappelle (sul Tavo)”, un lungometraggio che comprende 6 brani suonati dal vivo in una location degradante e incontaminata, con cambi d’abito e “strane presenze” che compaiono in un backstage-onstage che non risparmia nessun addetto ai lavori. Un gioco di concetti che cita ironicamente il famoso “Live at Pompei” dei Pink Floyd, monumento della storia della musica non ancora vittima... di malcomplessi. 

 

www.ivendrame.com

https://www.facebook.com/malcomplesso...

https://www.instagram.com/i_vendrame

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

Aneurisma “Never Say”

in radio e sulle piattaforme digitali il singolo d’esordio dell’alternative rock band 

 

La canzone è stata scritta dopo un’esperienza sentimentale negativa in cui le tue emozioni vengono fatte a pezzi, ma nonostante tutto trovi la forza di rialzarti. Infatti il tema principale è la rinascita. È la voglia di buttarsi il passato alle spalle e di mettersi nuovamente in gioco… perché la vita è meravigliosamente imprevedibile e tutto deve essere ancora scritto. Siamo noi a decidere del nostro destino!

 

Gli Aneurisma sono una band Grunge/Alternative-Rock pescarese formatasi nel 2011 dall’incontro tra Antonio Orlando (voce e chitarra) e Luca Degl’Innocenti (basso e cori).

La band raggiunge la sua formazione completa con l’arrivo del batterista Ettore Saluci, consolidando un sound duro, aggressivo e psichedelico che contraddistingue le loro composizioni.

In seguito alla pubblicazione del loro primo omonimo Ep, calcano i palchi di numerosi festival e club italiani, ricevendo recensioni e accoglienze positive.

Nel 2016 sono ospiti di una edizione del “Bussi Rock Festival”, dove condividono il palco con gli IWolf, reduci dal successo del talent show The Voice of Italy.

Nell’Aprile del 2017 partecipano al premio nazione “Brano Inedito” suonando nello storico locale romano la “Locanda Blues”, evento seguito on line da oltre 30.000 spettatori.

Nel 2018 la band entra a far parte nell’associazione musicale nazionale #nonsiamosoli e viene selezionata la loro canzone “Insanity” per il primo volume di una compilation, in uscita nazionale discografica, rappresentativa dei gruppi emergenti della realtà musicale italiana. 

Nello stesso anno il gruppo si esibisce nell’anfiteatro del porto turistico di Pescara, in una tappa dell’Indipendente Festival”, condividendo il palco con alcuni dei maggiori gruppi della scena musicale nazionale, riscuotendo un notevole consenso da parte di pubblico e critica.

Nel 2019 la band si ferma per un breve periodo dall’attività live per dedicarsi alla registrazione in studio dell’album d’esordio in uscita prevista per Settembre/Ottobre 2020. 

Nel frattempo a lavoro per il lancio ufficiale nazionale del primo singolo con rispettivo videoclip.

 

https://www.facebook.com/aneurismarockband/

https://www.instagram.com/aneurisma.rock.band/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

The Bravo, “Che me ne fotte”
è un messaggio di speranza il brano in radio  del duo salentino 

I “The BRAVO” raccontano: E' una sintesi del nostro periodo adolescenziale vissuto nelle violenze verbali quotidiane di cui eravamo vittime da parte del nostro patrigno, l'orco delle nostre favole per bambini. “Che me ne fotte” erano le parole che ci venivano urlate contro in qualsiasi occasione. Non gliene fregava nulla dei nostri pianti, della disperazione causata dalle sue azioni e dalle parole violente che brutalmente ci scagliava addosso e che ci ferivano, umiliavano e sminuivano nel profondo... ogni giorno la minima piccolezza poteva scatenare un incubo ad occhi aperti. Lui era agli arresti domiciliari e noi eravamo fagocitati nelle sue stesse restrizioni di libertà, nelle sue stesse frustrazioni. La nostra unica boccata di libertà era la scuola. Il mare, d'estate, ci era precluso con la spiegazione che non ce lo meritavamo a causa “del nostro cognome”, corredata dall'offesa terribile a nostra madre, oltre che a noi stessi, di non essere suoi figli. La protezione della mamma è stata la nostra salvezza in quegli anni; seppur di nascosto, lei non ci ha mai privati della sua tenerezza, fino a quando non abbiamo potuto portare lontano da lui le nostre vite. Arriva sempre il momento del riscatto, il momento in cui si reagisce con determinazione per difendere se stessi e la propria famiglia. Non è mai semplice trovare il coraggio di reagire ed il brano “Che me ne fotte” vuole essere un messaggio di speranza per chi, purtroppo, vive situazioni come la nostra. Dopo aver raccolto i cocci della propria esistenza, si deve sempre ripartire con forza e dignità come abbiamo fatto noi”. 

 

Andrea Cassano e Simone Cassano, componenti del duo “The Bravo”, sono due giovani cantautori salentini che hanno iniziato a nutrire il loro curriculum artistico musicale sin dall’infanzia.

Hanno preso parte, insieme e/o singolarmente, a concorsi regionali e nazionali (con la presenza di personaggi illustri come Beppe Vessicchio, Luca Pitteri, Grazia Di Michele, Fabrizio Palma ecc). Sostenuto esibizioni in TV locali e nazionali, anche presso gli studi RAI di Torino (per il programma Social King 2.0 di Rai 2) e in "Amici Casting" su Canale 5, nonché parte organica (coro) dell'orchestra sinfonica Terra d'Otranto diretta dal Maestro Antonio Palazzo, in occasione della diretta RAI 1 del Premio TV 2015 (25 Maggio, prima serata, con la presenza di Maria De Filippi, Elisa Toffoli, Roby Facchinetti, Noemi, Massimo Ranieri, Emma Marrone, Arisa ecc).

Hanno frequentato stage con il maestro del jazz Bob Stoloff, Paolo di Sabatino, Marcello Balestra, Antonio Laino e Kikko Palmosi con il quale, in collaborazione con il cantautore Tony Maiello, hanno composto alcune canzoni ("I'm Sorry" è contenuta nel cd del vincitore di Sanremo Giovani 2019 Einar Ortiz).

Ex studenti presso il conservatorio Tito Schipa di Lecce, indirizzo canto jazz, hanno successivamente continuato gli studi privatamente con l'illustre cantante e cantautrice Jazz Elisabetta Guido, ancora oggi punto di riferimento per i due artisti. Semifinalisti di "Area Sanremo" 2018, hanno maturato negli corso degli anni numerose esperienze in ambito musicale, grazie alla partecipazione a eventi e meeting vari, esibizioni da Buskers, manifestazioni e Festival.

Label Sonos Music Records
Edizioni Musicali Maffucci Music .

 

 

Instagram  https://www.instagram.com/thebravo_official/
Facebook  https://www.facebook.com/thebravoduo/ 

 

In radio il singolo che dà il nome all’album del cantautore

Grazie a te” è una raccolta di brani dove si evince nella totalità l’essenza positiva dell’autore.
Una visione gioiosa della vita nonostante le prove che essa sottopone, sotto ogni punto di vista.

Un album che pone l’accento su diverse problematiche a sfondo sociale, trasformando in parole musicate pensieri, speranze e sfide.
Una ripresa.
Una sorta di punto e a capo.
La voglia, non di continuare, ma di decollare con brio e consapevolezza.

L’autore Nicola Stiso con questo suo lavoro discografico si rivolge al cuore e alla mente della gente, a coloro i quali occupano anche posizioni di comando e di prestigio, a chiunque abbia voglia di offrire un contributo per migliorare concretamente le condizioni di vita di ogni persona, dalla più piccola di età alla più anziana, a chi ha il coraggio di denunciare le ingiustizie, a chi non intende arrendersi alle stesse.

Per quantità e qualità il progetto è perlopiù un doppio album che tratta molteplici argomenti e spazia tra diversi stili musicali. A comporlo ci sono ben 18 brani inediti in cui il cantautore pone al centro la persona, i suoi problemi, le sue delusioni, i suoi sentimenti, le sue aspettative.
Brano dopo brano il connubio tra musica e parole suscita forti emozioni, ponendo attenzione al presente e riponendo fiducia nel futuro.
Ricco di canzoni d’amore, queste ultime si lasciano apprezzare anche per le melodie realizzate oltreché per l’originalità dei vari aspetti e tipi di amore esaltati, senza nascondere quello per Dio, per il prossimo e per la vita in generale.
Danno forma e sostanza all’album anche brani augurali, festosi, ballabili e orientati al sano divertimento.

Emblematico è il titolo che l’artista ha dato a questo ampio lavoro, a riprova del suo desiderio di ringraziare chi fa parte della sua vita o chi in qualche modo lo ispira.Il cantautore peraltro manifesta e soddisfa questo desiderio anche con una canzone specifica, terza traccia di questo suo nuovo album, che per l'appunto non poteva che intitolarsi: Grazie a te.

Nicola Stiso scopre la musica e il canto fin dà piccolo e a soli 6 anni comincia a prendere lezioni private di fisarmonica.

Crescendo si cimenta con diversi strumenti musicali, tra cui la batteria e il basso, ma è come fisarmonicista, tastierista e cantante che via via si afferma.
Adolescente, a metà degli anni 80, fonda una band con un gruppo di amici, "i Centaury", riuscendo a coltivare la sua passione fino al momento della laurea.

Le esigenze lavorative, più tardi, lo portano lontano da casa recidendo in tronco il suo rapporto con la musica in termini di esibizioni.
Quando si ha passione per l'arte però non la si può sottacere a lungo, perciò nel giro di pochi anni escono i suoi lavori:
Un sogno che vivo, 2008;
Finché ci sei tu, con cui partecipa e vince nel 2009 un concorso canoro organizzato dalla casa discografica torinese Note Pulite;
Fai la tua parte, 2009;
Fai del tuo meglio e prega, 2010;
Vieni, 2011;
Per niente facile, 2012;
Seguono anni di pausa a causa di veri e propri terremoti che sconvolgono la sua vita privata ma nel 2017, in ricordo del padre scomparso l'anno prima, incide il singolo "Ti sono accanto" e ha il privilegio di cantarlo insieme a sua sorella Teresa.

Sito web:

https://www.nicolastiso.com/ 

Social:

https://www.youtube.com/nicolastiso1

https://www.facebook.com/fbnicolastiso/ 

https://www.instagram.com/nicolastiso/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

Rockers in pigiama contest 

musica per aiutare gli ospedali

 

La musica non si ferma, figuriamoci il rock!!!

Partecipa al contest “Rockers in pigiama”. Dal  7 Aprile 2020 le prime esibizioni. 

 

Come fare? È molto semplice basta suonare da casa 4 pezzi dal vivo, che saranno votati da una giuria di professionisti della musica, non occorre essere per forza in pigiama (anche se il suonare in pigiama  darà un bonus di 5 punti sul totale). Si suona un live su Facebook, 4 pezzi di fila. Questi video saranno poi riproposti sulle pagine social dei locali aderenti  e su quelle di Anthill. Non ci sono limiti artistici che i pezzi siano cover o inediti, vogliamo solo che ci sia l’ anima, la vostra storia ed un vero spirito Rock senza compromessi. I voti che saranno contagiati come bonus saranno quelli delle condivisioni e dei commenti visualizzati  sulla nostra pagina Anthill. Più azione virale si produce più aumenteranno  i punti. Tutti questi bonus saranno sommati ai voti della giuria (con un  peso dei  2/3 del totale). Nei prossimi giorni sarà reso pubblico l'elenco dei componenti la giuria (responsabili dei locali, giornalisti e addetti ai lavori)

 

Costo? Partecipare non costa assolutamente nulla , chiediamo solo di fare una donazione attinente alla crisi Covid 19 ad  un ospedale di vostra preferenza. Non ci sono minimi e non sarà divulgata la cifra devoluta. Basta inviare la ricevuta della donazione e  ci  si accorda per il live.

 

Chi organizza? “Rockes in pigiama” è nato dalla collaborazione di Davide Motta direttore Booking di Red & Blue e di AntHill (Booking e Management) con alcuni amici di prestigiosi club italiani dove si suona musica dal vivo. A giudicare le esibizioni  il voto di una giuria di addetti ai lavori sommato ad i like sulle pagine social.
Tutte le esibizioni saranno trasmesse anche su Radio Atlanta Milano e condivisi sui canali social di Eventi Milanesi.

 

Cosa si vince? Di sicuro ci saranno in palio aperture di concerti per artisti di qualità. La possibilità di essere conosciuti dai club, ma stiamo anche pensando a come premiarvi ulteriormente. Di certo tanta visibilità, che in questo momento aiuta a restare connessi. Non male visto che non costa nulla.

 

Spacchiamo la chitarra in testa al virus e riprendiamoci i palchi!

 

Partner tecnici

Vision Tv

Radio Atlanta Milano

Eventi Milanesi

Per contatti scrivere a motta@redblue.it

 

https://www.facebook.com/ANTHILLItalia

 

Invisible Wave, Call my name

in promozione  radiofonica  il primo singolo estratto dall'EP "Stay safe

 

Call my name” è il brano " degli Invisible Wave.

Una canzone che si interroga sui temi dell'esistenza, con uno sguardo sul mistero della vita e sul suo senso. E' allo stesso tempo una dedica, in cui l'autore e cantante Guido Tonizzo (che è anche scrittore) parla della perdita della madre e dedica a lei questo brano. Una canzone emozionante, melodica, a cavallo tra il pop-rock e l'ambient-electro (richiama un po' certe atmosfere Coldplay e U2). Questa canzone, inoltre, è stata presentata in prestigiosi contesti, con gli Invisible Wave, in concomitanza con la presentazione dell'ultimo libro dello stesso Guido Tonizzo, "Vita, Conoscenza e Mistero"(Caosfera edizioni), dove sono trascritti interessantissimi scambi d'opinione tra lui e personalità che provengono dal mondo della scienza, della medicina, della spiritualità e della ricerca, con tema proprio il senso della vita.

 

Gli Invisible Wave (IW) sono un progetto artistico musicale il cui focus è la ricerca interiore, la spiritualità e, specularmente, l’attualità.
La loro musica è un viaggio, tra melodie e raffinate sonorità, tra pop, rock, ambient, indie ed elettronica. Possono ricordare da un lato grandissime band quali sono gli U2, i Coldplay, i Muse, i Depeche Mode e i The Killers, e al contempo richiamare atmosfere suggestive vicine ai Massive Attack e a Moby.
Oltre a richiamare alla mente questi grandi musicisti, gli IW esprimono con la musica una loro identità ed originalità tutta da scoprire, sia energica sia elegante, con inediti che rimangono in mente, alcuni di essi fanno riflettere, altri trasmettono emozioni, altri ancora fanno saltare e cantare. 

Gli IW sono stati fondati da Guido Tonizzo, scrittore e mental coach, oltre che cantante della band. I suoi testi sono la continuazione di quanto egli già propone con libri ed iniziative culturali e di miglioramento personale.
Uno dei forti messaggi degli Invisible Wave è questo: ognuno è speciale! Scoprire e valorizzare questa unicità può aiutarci a vivere autenticamente e aiutare chi ci sta intorno.
Si sono esibiti in festival di rilievo e in location suggestive, tra il 2018 ed il 2019, anche in accompagnamento al tour di presentazioni dell'ultimo libro di Guido Tonizzo: "Vita, Conoscenza e Mistero".
E’ appena uscito il loro nuovissimo EP intitolato “Stay Safe”, che porta con sé un auspicio per tutti per una vita autentica e stimolante e, proprio per questo, invita ognuno a darsi da fare (interiormente ed esteriormente) per Vivere con la V maiuscola e dare una mano al mondo che ci circonda. 

LA BAND:
Guido Tonizzo (cantante, pianista-synth, autore-compositore)
Cristina Spadotto (chitarrista)
Stefania Della Savia (bassista)
Alberto Zenarolla (batterista) 

https://www.facebook.com/ondainvisibile/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

Ivan Francesco Ballerini,” Gufo Grazioso”

In radio il brano estratto dall’album  d’esordio

 

Gufo Grazioso  è Il primo singolo estratto dall’album che  si intitola “Cavallo Pazzo” l'esordio discografico del cantautore toscano Ivan Francesco Ballerini pubblicato e distribuito da RadiciMusic Records.
Nel brano si narra dell’incontro avvenuto realmente tra Nuvola Rossa e Gufo Grazioso.

La canzone è frutto della fantasia dell’autore, che ha cercato di ricostruire a livello immaginario,quello che potrebbe essere stato lo scenario del primo incontro tra i due personaggi.

 

Sono 10 brani inediti. Si tratta sotto tutti gli aspetti di un concept album in cui si narra la storia di Cavallo Pazzo, leggendario nativo americano della tribù degli Oglala Lakota vissuto fin verso la fine dell’800.

Di nuovo un ricco artigianato d'autore come ci ha abituati la label di Aldo Coppola Neri, sempre attenta alle penne di spessore e di contenuto. Dalla maremma dei butteri, terra d'origine di Ballerini alle praterie sconfinate del centro America “fluttuando su un piano emotivo interiore di pace e contatto circolare con la natura” (F. Balestrelli). 

 

“Cavallo Pazzo” è anche la cultura e le tradizioni dei nativi d'America, di personaggi realmente esistiti... ma è soprattutto il racconto della terribile distruzione di un popolo, voluta dall'industrializzazione spietata  da chi si vantava di portare con se il futuro. Insomma, la storia che conosciamo tutti e che qui, in  forma di canzone diviene specchio e metafora di quella che vantiamo essere la nostra attuale (in)civiltà omologante e omologata, perpetrata dai poteri forti e da governi che puntano alla distruzione delle singole individualità. 

Canzoni morbide, canzoni di suoni puliti, canzoni di arie fresche e praterie al tramonto. Tutto come stare a cavallo, passeggiando tra la vera storia dei nativi americani, guardandoci le spalle ed il cuore, osservando il mondo come piano piano lo stiamo distruggendo... tutte sensazioni che si respirano fin dentro il bellissimo video di lancio del singolo “Gufo grazioso” diretto da Nedo Baglioni.

 

Nasce a Manciano, in provincia di Grosseto, il 15 Gennaio del 1967.

Sin dai primi mesi di vita, mostra un forte  interesse sia per la musica che per il canto.

Studia pianoforte appena finite le scuole elementari anche se poi sarà la chitarra la sua vera passione. Non essendoci un insegnante di chitarra nel paese in cui vive, decide di approfondire le sue conoscenze utilizzando il metodo di Franco Cerri e Mario Gangi.

Negli anni novanta inizia con le prime serate live, chitarra e pianoforte elettronico, girando un po’ in tutta la Toscana.

Nel 2013 forma un duo, chitarra e voce con l’amico chitarrista Oriano Marretti, con cui tutt’ora collabora.

Dopo numerosi live sul territorio nazionale arriva l'esordio nel 2017 con un primo disco di omaggi e di rivisitazioni personali dal titolo “Ivan & Oriano - canzoni d’autore”.

Nel Gennaio del 2019  inizia a scrivere alcuni brani propri, affrontando tematiche generali, di attualità e di accadimenti riguardanti gli indiani d’America.

Tra questi brani spiccano “Cavallo pazzo” e “Preghiera Navajo” per intensità della musica e dei testi. La canzone “Preghiera Navajo” inoltre partecipa ad un concorso di poesia della casa editrice Aletti – Mogol e sarà selezionata ed inserita in una loro antologia.

Con l’arrangiatore – chitarrista Alberto Checcacci decide di perseguire la strada del concept album, scrivendo ed arrangiando 10 brani inediti, tutti incentrati sulla vita degli indiani d’America. 

Esce così “Cavallo Pazzo” per la RadiciMusic Records di Aldo Coppola Neri che vede in rete il video ufficiale di “Gufo Grazioso” diretto da Nedo Baglioni.

 

Attualmente Ivan Ballerini sta lavorando per la produzione di un nuovo album che vedrà la luce nella seconda metà del 2020: tematiche sociali, dalla solitudine al desiderio di cambiare vita... anche l'amore viene trattato dall’autore, l’amore che è poi il vero motore che spinge un artista a comporre, sia che si tratti di amore verso una donna, o verso la musica.

 

https://www.facebook.com/ivanfrancesco.ballerini

 

RadiciMusic Records
http://www.radicimusicrecords.it/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 promostampa@dcodcommunication.it

 

Sylvia, Tra Sogno e Realtà

 In radio e  su tutte le  piattaforme digitali

 

Progetto d’esordio per Sylvia Meritano, la giovanissima cantante Piemontese, che inizia la sua carriera proprio dalle stupende colline dell’astigiano partecipando a diverse edizioni del Nastro D’argento.

 

Si trasferisce  per un periodo a Milano per studiare canto e si esibisce live a diverse manifestazioni e galà musicali. Proprio in un occasione  di queste,  al Teatro Vittorio Alfieri di Asti,  conosce il Maestro Piero Mazzocchetti, tenore crossover conosciuto in tutto il mondo, che la invita a studiare alla sua prestigiosa accademia di canto a Pescara la Crossover Accademy. Qui Sylvia, incontra tanti suoi coetanei innamorati del canto e della bella musica, patrimonio culturale della tradizione italiana.

 

Inizia un intenso e stimolante percorso di crescita artistica che sfocia in un singolo d’esordio “Tra Sogno e realtà” , un brano d’amore intenso e melodico che Sylvia interpreta con la sua voce cristallina.  Il brano è stato scritto e composto proprio da Piero Mazzocchetti e Flavio Mazzocchi  e prodotto da Marco De Antoniis per Flender Produzioni di Roma.

 

Il suo primo Videoclip è a firma del giovane regista Marco D’Andragora. 

 

https://www.facebook.com/sylviameritano/

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 promostampa@dcodcommunication.it

 

Emilio, Siamo ancora noi
in radio il nuovo singolo del cantautore palermitano 

 

 

Il brano si intitola "Siamo ancora noi"  ultimo singolo facente parte della raccolta di canzoni chiamata Amore 2.0, canzoni che raccontano l' inizio e la fine di una storia molto travagliata ma nello stesso tempo il pezzo esprime molto ottimismo voglia di rivincita trasmettendo dei messaggi positivi e incoraggianti .

Il Singolo  oltre che disponibile su tutti i Digital Store e piattaforme di streaming  è accompagnato da un videoclip molto curato nei dettagli per esprimere al meglio il messaggio del brano.

 

 

Emilio Bellina in arte Emilio nasce a Palermo (Sicilia) il 09/04/1982, la sua predisposizione per la musica e in particolare per il canto, si manifesta precocemente fin dai primi anni, comincia così la sua passione per la scrittura iniziando a creare i suoi primi testi.


La formazione è principalmente autodidatta solo in età più adulta decide di iniziare a prendere lezioni di canto.
Nel 2014 entra in contatto con un rappresentante dell’ etichetta discografica Trecords con cui inizia a collaborare e a novembre del 2015 esce il suo primo inedito “Stai con me”.
Nel maggio del 2016 esce il suo secondo inedito “Dove si va” un brano dal ritmo molto spedito, una strofa decisamente movimentata che sfocia un un ritornello solare e orecchiabile.


Nel 2017 il suo primo Album “Atomi” dove l’ artista si racconta in ogni singola traccia, Atomi brano che da titolo all’ album entra in classifica Airplay come più trasmesso dalle radio nei mesi di marzo/aprile dello stesso anno.
Il 2018 è l’ anno di due singoli e di collaborazioni per Emilio a febbraio esce “Tutto è possibile” in featuring con DoppiaElle rapper e amico.


Tutto è possibile è un brano molto solare in cui traspare tutta la voglia di“…non mollare mai…”,di lottare sempre per quello in cui si crede anche se questo sembra irraggiungibile.
A distanza di pochi mesi esce “Mi viaje y mi destino” in duetto con Carla Andaloro cantautrice di Messina, un brano dalle sonorità dance/pop con un’ influenza latina visto il ritornello in spagnolo.

Il 07 febbraio 2020 il cantautore si è esibito presso il Teatro del Casinò di Sanremo durante il Festival della Canzone Italiana.

 

https://www.facebook.com/Emiliofficial

https://open.spotify.com/artist/1tPf3QqWtJs2cvz77GMSSZ

https://www.instagram.com/emilio_ufficiale/?hl=it

https://www.youtube.com/channel/UCK7EUY9I4oma3t_NxHZeltg?view_as=subscriber

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Endovenia, Borotalco
il singolo d’esordio
in radio e sulle principali piattaforme digitali

Una gustosa distesa urbana dai toni americani, che di molto richiamano alla mente quell’incedere disordinato e sbarazzino che aveva il rock britannico dei The Verve.”

 

Così come il borotalco serve ad asciugare la pelle e ad eliminare i cattivi odori, questo brano agisce nel medesimo modo sulla vita: schiarisce la vista asciugandola ed elimina o meglio nasconde, per poco, i cattivi ricordi.

Il Borotalco è un rimando all’infanzia, quando le nostre madri lo utilizzavano su di noi, una metafora per dire che erano loro a proteggerci dalla realtà esterna, tenendoci per mano. Una realtà vera ed essenziale che subentra nel momento in cui diventiamo adulti.

Nel video infatti si può notare il passaggio dal primo palloncino felice al secondo triste, proprio per sottolineare questo cambiamento che va a determinare e rendere essenziale la vita.

Da una felicità inconsapevole si passa ad una tristezza razionale, la quale esplode, come si nota nella scena finale del video, nel momento in cui matura la propria personalità e si arriva alla conclusione che tutto questo fa parte della vita.

Tutto ruota in un clima di assoluta incomprensione, illustrata da uno scarabocchio di un bambino, il quale non solo rimanda ai colori della maglietta, unica parte visibile del soggetto, bensì anche al tema dell’infanzia.

 

Endovenia è Mimmo e Paolo che suonano insieme da quasi dieci anni, già membri dei Pig Scream, con cui hanno collezionato un album autoprodotto e una serie di live. 

Suona un rock completamente imbevuto di post punk, post rock e qualsiasi altra cosa sia post. 

Il progetto nasce nel 2019 tra Pescara e la provincia di Foggia e in pochi mesi realizza il singolo Borotalco, che anticiperà l’uscita del suo primo EP.

La sua musica è il risultato delle esperienze artistiche e di vita, che marcano una cruda consapevolezza, con la quale accettare la realtà che continua ad osservare. 

Instagram

https://www.instagram.com/aendovenia/?hl=it

Facebook

https://www.facebook.com/endovenia/

Youtube

https://www.youtube.com/channel/UC1gFN_GrsjCU4TkKVmYMqCw

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

 

Pietro Daniele, C’è la musica
il nuovo singolo in radio e sulle  principali piattaforme digitali 

 

Nonostante tutti i no e le sconfitte l’amore per la musica ti spinge ad andare oltre a superare i tuoi limiti perché non puoi spegnere un fuoco che ti brucia dentro devi lasciarlo bruciare e non puoi smettere di sognare perché la vita stessa è un sogno da realizzare.

 

Pietro Daniele, 48 anni, cantautore, nato a Napoli, vive a Napoli. Laurea magistrale in scienze religiose. Poco più che ventenne inizia la sua esperienza musicale partecipando a concorsi canori. Il più importante: Accademia di Sanremo nel 1994. Fa piano-bar, partecipa a qualche festa di piazza esibendosi con le proprie canzoni sul palco, partecipa ad alcuni programmi su reti televisive locali, cerca di mettere su una band ma con scarsi risultati poi ripone il suo sogno nel cassetto cercando nuove strade per la propria realizzazione e autonomia. La passione per il canto e per lo scrivere però non lo abbandona mai, la coltiva in privato fino a quando nel 2013 scrive un testo sul suo rapporto difficile e conflittuale col padre, testo che viene letto da una sua amica, cantautrice napoletana, la quale gli consiglia di musicarlo perché a suo parere è un buon testo. Quando poi nel 2016 trovato l’arrangiatore quel testo diventa la canzone “L’assenza” decide di farlo ascoltare al team del Tour Music Fest che lo invita a partecipare al campo di formazione per musicisti e cantautori tenuto al C.E.T. In quel contesto capisce che qualcosa manca nella sua vita e che è una parte fondamentale del proprio essere: la Musica. Allora si rimette in gioco partendo da se stesso e dalle proprie mancanze. Realizza per “L’assenza” un video-clip che gira su Youtube, continua a scrivere testi e riprende lo studio del canto e della chitarra. Il 24 marzo 2017 esce su tutti i negozi digitali il suo secondo singolo “L’uomo che lavora”, canzone che attraverso la figura romantica di un uomo che lavora duramente e si sacrifica per dare un futuro ai propri figli, sottolinea l’importanza del lavoro come fondamento della nostra società. Alla fine dello stesso anno esce il suo terzo singolo “Elettrica(mente)” insieme al video-clip, una canzone sui social che se usati male paradossalmente possono diventare una prigione dorata e non più la possibilità di allargare i nostri orizzonti. Nel 2018 esce su Youtube il video-clip “Non posso averti” primo estratto dell’Album “Questo tempo”, che suona su molte radio locali FM italiane e alcune radio nazionali estere. Il suo primo album Questo tempo contiene 12 brani inediti in cui l’artista tratta diversi temi: l’amore bello, l’amore perduto, l’amore violato, la voglia di vivere e farcela, il senso di abbandono degli adolescenti, la dipendenza da droghe e soprattutto dall’alcol, il tema del lavoro, la fuga dei cervelli in una società per niente meritocratica, la necessità di una collaborazione mondiale per la risoluzione dei grandi problemi che affliggono l’umanità. Qualche mese dopo esce un altro singolo “Cattivo amante”, che racconta l’amore fugace che si consuma in una stanza fuori dal mondo in cui per un attimo i protagonisti ritrovano quella passione e quel coinvolgimento ormai persi nella routine delle loro vite.  Anche per questo singolo viene realizzato il videoclip e il brano suona su molte radio locali FM in tutta Italia. Il suo ultimo singolo è Verso te che suona su molte radio FM italiane e il cui videoclip supera il milione di views su Youtube. Fruttuosa la collaborazione con Alessandro Galdieri, musicista di Vallo della Lucania, con cui collabora ormai da tre anni e con cui ha scritto tutte le canzoni del suo repertorio tranne L’assenza. Tutte le canzoni nascono dai testi di Pietro Daniele che poi vengono musicati e arrangiati da Alessandro Galdieri con una sinergia spontanea e quasi magica.

Facebook

www.facebook.com/PietDani/

Instagram

www.instagram.com/pietdani/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 promostampa@dcodcommunication.it

 

Luana D’Angelo  Io, l’ostaggio di me

in radio l’esordio discografico della cantautrice 

 

“Io, l'ostaggio di me”, nasce un po' come la maggior parte delle canzoni: da un sentimento. In questo caso ne troviamo due in costante lotta tra loro. Da una parte l’amore forte verso una persona e dall’altra l’odio vivace verso se stessi. Come si fa ad amare qualcuno se noi siamo il nostro primo nemico? E come si fa a credere che proprio quel qualcuno possa volerti davvero?

Ad ognuno, almeno una volta nella vita, spetta il compito di liberarsi dall'io che lo intrappola…o quantomeno di lasciarlo libero di poterci provare!

 

Timida, umile e sincera. Polistrumentista autodidatta, cantante da doccia, compositrice ed arrangiatrice improvvisata e un po' ignorante. Amante di tutte le sfumature musicali senza esclusione di genere, ma tendente al pop/indie “malinconico” nelle sue composizioni. Nel corso della sua vita, non ha mai avuto la possibilità di seguire corsi o studi musicali, né di “guarire” del tutto la sua “vulnerabilità” vocale. Attualmente lavora in un centro commerciale, ma continua a sognare di cambiare la sua vita, che presto o tardi, spera di poter dedicare interamente a fare ciò che ama e cioè scrivere e cantare la sua musica. Perché con pochissimo, si possono fare davvero cose bellissime. In fondo sette note sono sufficienti alla musica, no?! 

Biografia Completa
https://www.dcodcommunication.com/luana

Instagram

https://www.instagram.com/_luanadangelo.music/?hl=en

Youtube

https://www.youtube.com/channel/UCfpH_RYseLKrWkeWilpzepw?app=desktop

Facebook

https://www.facebook.com/noplacenowhere/

Spotify

https://open.spotify.com/artist/5XHvCJmgd3BvdDcDvFCvgL?si=xtAVywCRQAafSdTG7ET61g

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Alessia Annesi, Alza la testa 

in radio il singolo dell’artista dall’anima rock

 

Il brano racconta della fatica che le persone di oggi fanno  nel voler raggiungere una propria consapevolezza. Nella vita attuale, purtroppo, questa consapevolezza viene molto spesso a mancare visti gli eccessivi automatismi che le persone si ritrovano abitualmente, ogni giorno, ad eseguire. Un cocktel di concetti, grinta ed energia pura. 

 

 

Alessia cresce immersa nella buona musica soprattutto quella degli anni 60/70, grazie alla famiglia amante anche del teatro.

 

La nostra AnimaRock inizia il suo percorso proprio con il teatro di prosa, passando poi alle commedie teatrali, con la direzione artistica di grandi insegnanti come: Antonio Bilo Canella, Carlo Merlo; passa attraverso il cinema lavorando come protagonista con Franco Nero, copre piccoli ruoli con Gabriel Garko e Maurizio D'Agostino.

La moda, le passerelle di Sarli e di Abei e grandi aziende come la Jean Louis David l'hanno accompagnata per molto tempo. 

 

La passione per il canto si risveglia ma questa volta, la nostra Alessia si lancia senza l'aiuto del teatro, lascia la scena infatti qualche anno fa.

Inizia a studiare ad approfondire ciò che secondo la sua insegnante di teatro e di canto sanno essere il suo punto di forza; l'interpretazione. 

Attraversa tante sfumature di musica Pop/Rock e studia per approfondire l’interpretazione di grandi interpreti italiane come Mia Martini e Fiorella Mannoia con l insegnante Deborah Italia e poi con Stefano Zanchetti.

Segue musica straniera e ama Skunk Anensie e Janis Joplin. 

Fino ad arrivare ad oggi, dove a distanza di 5 anni, ha un progetto dedicato a Gianna Nannini della quale Alessia è grande fan, il tributo ha il nome di ProfumoRock. Una  avventura iniziata casualmente grazie ad un impresario.

 

Il rock che le vive dentro e la passione della musica anni 60/70, si risveglia e si ribella talmente tanto da portarla a promuovere il suo album "Rivoluzione 70"  grazie alla Macrì Productions e Lorenzo Sebastianelli che ne ha curato gli arrangiamenti.

La voce di Alessia in questo momento viene seguita da Lanfranco Carnacina che ne cura i dettagli.

In questo progetto Alessia parla del suo percorso intimo con la musica e con il "suo" Rock Grunge…

 

https://www.facebook.com/alessia.annesi.7
https://www.youtube.com/channel/UCoU02d8rKsyJYxTXmc7Uzuw

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Sole e Cenere è il singolo d’esordio di Costa 

in promozione radiofonica un brano d’autore di grande maturità

 

Sole e cenere sono le dimensioni di fronte cui si trova l'anima quando una  persona amata viene a mancare. Sono da un lato il tentativo di ricomporne l’immagine felice e dall'altro il suo sgretolarsi  in mille pezzi. 

Sono allo stesso momento l'occasione di rovesciare il senso dell'abbandono nella libertà di sbarazzarsi del suo peso e tornare a volare.

 

Angelo Costantini in arte Costa 

Vent’anni di canzoni. Vent’anni in cui le parole hanno percorso note per me indissolubili.

Affascinato dal canto lirico di mio padre, tenore e appassionato dei classici di musica napoletana, inizio adolescente a scrivere le prime canzoni di matrice romantica.

Ma presto l’inclinazione mi spinse a trattare tematiche filosofiche e interrogativi intimi tramite l’ormai inseparabile sei corde.

Iniziarono i primi concerti tra Pescara, Roma e Venezia. Concerti in cui potevo finalmente dare sfogo alla mia libera espressione. 

Dopo una prima demo registrata in uno studio di Venezia, aver partecipato a due edizioni dell’Indipendente Festival e aver vinto una edizione del “Porto Allegro Music Contest”, decido finalmente di intraprendere professionalmente l’avventura di cantautore con una vera produzione che darà vita al mio primo album in uscita per Marzo 2020. 

Ma a breve… ci saranno delle interessanti sorprese!

 

https://www.facebook.com/COSTAcantautore/

https://www.instagram.com/C__O__S__T__A/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it   promostampa@dcodcommunication.it

 

Luca Lastilla feat Ocra, In ogni attimo 

in radio il nuovo singolo del cantautore 

Si intitola ”In Ogni Attimo” il nuovo singolo del cantautore Luca Lastilla… ,prodotto da Franco Poggiali e cantato insieme ad Ocra, al suo esordio discografico. Disponibile in digital download e in rotazione radiofonica.

Nel brano  decisamente  pop, spicca la carica interpretativa di Lastilla che miscelata alla classe vocale e alla raffinatezza espressiva di Ocra trasmettono ed emozionano nel più profondo.

 I  due protagonisti cantano il coraggio di vivere la vita mettendoci amore ,in ogni attimo appunto convinti che sia l’unica strada percorribile per dare il giusto valore alla vita.

“l’amore è facile e non ha regole…ogni giorno t’amerò in ogni attimo del tempo che ho…”  questa è una parte dell’inciso;

Pubblicato  il 31 dicembre proprio per lanciare un messaggio…lasciamo alle spalle tutte le difficoltà che si sono vissute in questo ultimo anno e ripartiamo dai sentimenti come auspicio per il nuovo anno, perché “ si può” dice Lastilla.

Ocra invece per spiegare quello che ha “provato” registrando questo brano dice…

“Ma la tua persona non la dimentichi, mai.
E lei, la tua persona lo sa.
Sa che fa parte dei tuoi pensieri,
è i tuoi pensieri”

Un ottimo riassunto…ora non resta che ascoltare…

https://www.facebook.com/lucalastillaofficial/
https://music.apple.com/it/album/in-ogni-attimo-feat-ocra-single/1494751785

 

Biografia Luca Lastilla e Ocra
https://www.dcodcommunication.com/lastilla

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

Le Crisi Del Colle “Viola” 

in radio e sulle principali piattaforme digitali il singolo della band abruzzese

 

Viola è un brano che evidenzia, attraverso delle metafore, le difficoltà che abbiamo nell’approccio con la vita e nelle problematiche che siamo chiamati ad affrontare ogni giorno.

Il punto forte del brano indica che i momenti di difficoltà vanno affrontati perché saranno loro stessi che ci porteranno a crescere.
In particolare, la frase “ a me l’inverno piace con la neve” sta ad indicare che in presenza di un problema, è giusto affrontarlo in tutte le sue difficoltà perché anche la sofferenza ci porta a crescere e maturare.
Il brano, inoltre, vuole anche insegnarci a trovare sempre un fattore positivo all’interno delle negatività.
Questo aspetto viene evidenziato nell’arrangiamento musicale e nel video, dove gli attori associano movenze e gestualità allegre ad un testo prettamente triste. 

 

 

Il gruppo nasce a Silvi Marina (TE) nel 2017 da un incontro casuale di Matteo Colleluori Cantautore, Cristian Sorrenti Chitarrista e Simone Cerratti Bassista.

I tre iniziano a suonare insieme nei locali della costa abruzzese, riproponendo grandi classici di artisti Italiani.

Nel 2018, intraprendono un percorso discografico per il loro primo album con l’etichetta “Cantieri Sonori” di Roma, dove iniziano a comporre il loro primo disco.

In quell’anno viene definito il nome del gruppo “Le crisi del colle”.

Su tutti i digital store sono già disponibili due inediti: “Non Prendere In Giro Gli Incubi” e

“Frammenti” di cui sono autori ed interpreti.

La rock band abruzzese unisce la dolcezza dei testi di Matteo con l’energia del rock di Cristian e la precisione della scuola Jazz di Simone.

 

 

 

https://www.instagram.com/lecrisidelcolle_official/

https://open.spotify.com/artist/713T9Ttcu9kHvY69d1ZTBM

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Marea “Je regarde l’Ocean” 

In promozione radiofonica l’emozionante e coinvolgente brano dell’artista 

La canzone è stata scritta nel 2016 ispirata dai ricordi di uno dei  viaggi che ha portato Marea a scoprire le terre di Normandia: quella parte di Francia con le sue spiagge, le maree, il vento e l’Oceano che le ha  letteralmente rubato il cuore.
Una canzone d’amore rivolta a quei luoghi meravigliosi dove si è promessa di  tornare presto. Un brano che spera possa trasmettere almeno una parte di quelle emozioni, lasciandosi cullare dalle note come se fosse il susseguirsi delle onde. 

Marea  ama la Musica da sempre, sin da quando era nella culla!
I sui genitori l’ hanno cresciuta in una casa vibrante di musica: Mina, De Andrè, Puccini…
Non crede di aver mai lasciato trascorrere un solo giorno, senza ascoltare un po’ di Musica.
La Musica, a suo parere, ha il potere di creare un mondo parallelo dove potersi rifugiare sia quando si è allegri o felici che quando si è tristi o malinconici.
Ama ascoltare un po’ tutti i generi anche se predilige Maitre-Gims, James Blunt e da sempre è fan di Madonna e Laura Pausini.
Ha iniziato a studiare canto e chitarra da grande, ascoltare musica non gli bastava più.
Spinta dai sui stessi insegnanti, ha iniziato a comporre e scrivere su di un quaderno che porta  sempre con se… Alcune canzoni nascono in francese, altre in inglese ed altre ancora in italiano.

Je Regarde l’Ocean è una canzone d’amore che ha scritto ispirata da un suo viaggio in Normandia dove ama ogni volta tornare come se quella fosse casa sua… le spiagge del Calvados gli hanno davvero rubato il cuore. 

https://www.facebook.com/Marea-Cantautrice-102892314579712/

 

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

Giuseppe D’Alonzo, “Respiro”

in radio il singolo estratto dall’album Tornerà 

 

Una canzone d'amore, ispirata dalla donna della sua vita ma anche dalle sue grandi passioni.

Il videoclip e' ambientato nello studio dove Giuseppe scrive le sue canzoni.

Lo studio contiene parti importanti della sua vita, l'amore, il Blues, i viaggi , il lavoro.

Tutti elementi svelati delicatamente. E' come se l'ascoltatore guardasse attraverso uno spioncino fluttuante nella stanza, senza turbare la quiete e l'atmosfera indotta dalla musica.

 

Tornera' e' una fotografia che ritrae un periodo di vita di Giuseppe D'Alonzo.

Un Album  molto "intimo' in cui l'autore non indugia nel rivelare caratteristiche personali. 

Ne e' la conferma  i brano “Respiro” il singolo e videoclip che accompagnano l'uscita dell’album. 

 

“Tornerà è il brano che da il nome all’intero lavoro. Contiene una serie di riflessioni sui nostri tempi con un pizzico di nostalgia per quelli andati sicuramente più sereni e meno tormentati al confronto di quest’era troppo digitale.

 

Ma sono anche riflessioni sull’amore e nei tanti modi in cui si manifesta.

E’ un nudo resoconto che spinge l'ascoltatore a guardare avanti, oltre il cortile, per poi rendersi conto che in realtà la vita, lì fuori, non e' altro che una proiezione della nostra vita interiore.

Possiamo interferire con gli eventi, far si' che le cose accadano, da dentro o da fuori il cortile, ma possiamo anche subirli e soccombere ad essi...a noi la scelta!

 

Con il passare degli anni,  schiacciati dalla frenesia della vita, , veniamo salvati dall'amore.
Quella forza sovrumana che ci permette di respirare anche dove l'ossigeno è rarefatto , consumato dalle fiamme che bruciano ogni giorno ettari e ettari di animo umano, rendendo sempre più arido il terreno in cui nostro malgrado viviamo.

Ogni brano porta con se' un significato che e' bello scoprire scorrendo  rilassati le tracce dell’album.

 

Giuseppe D'Alonzo e' un cantautore chitarrista di Pescara, fondatore dei Crabby’s.

Innamorato da sempre della musica Rock/Blues ha esordito nel 2016 con il suo primo EP indipendente Bad Past, in lingua inglese. 

A seguire ha pubblicato Realize (2017) e Mistake (2018)

 

Tornerà e' il suo debutto in lingua Italiana, album da sonorità assai differenti dai precedenti pubblicati, con una caratteristica  prettamente cantautorale.

 

https://www.facebook.com/Crabbysmusic
https://www.instagram.com/crabbysmusic/

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Unibrido, Non c’è più tempo

In radio il singolo estratto dall’album d’esordio della band 

 

"Non C'è Più Tempo” è il singolo estratto dall’album P.I.G.S.

La decennale crisi economica e sociale che ancora attanaglia questa parte di occidente ci è entrata nel dna, ormai  è parte integrante dell'arredamento nella vita di tutti. 

Spietatamente matematica, ci costringe a fare i conti con le nostre più profonde miserie. Ma siamo fuori tempo massimo: Riusciremo a convertirle nel motore della reazione? Ne usciremo vivi?

 

P.I.G.S. è ognuno di noi quando incolpiamo gli "altri" della nostra vita di merda mentre guardiamo lo smartphone; 

quando realizziamo l'incapacità di dire quello che pensiamo davvero; 

quando abbiamo finalmente smesso di credere in dio ma ci lasciamo incantare dalle pubblicità.

E va tutto bene.

 

 

Prima ancora di essere Unibrido, Carlo (House Of Sound, Not Found) e Marvin (The Little House Blues Band, The Blues Stalkers, The Bluesness, No Panik Music, Not Found) sono due ragazzi della ormai defunta classe media italiana che vivono nell'entroterra abruzzese (Posti incantevoli, per carità, ma non c'è una libreria nel raggio di trenta chilometri). 

Costretti a lavorare in fabbrica per comprarsi gli strumenti e sopravvivere, nel 2018 uniscono idee e affinità per dare vita ad un progetto musicale viscerale ed urgente. 

 

Grazie alla collaborazione di Luigi Caprara del Lunchbox Studio registrano i primi brani del loro album d'esordio P.I.G.S., un personalissimo spaccato sulla società contemporanea, violenta, nichilista e coloratissima. 

 

https://www.facebook.com/unibrido/

https://instagram.com/unibrido

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Mezzalibbra, Cometa
in radio e sulle principali piattaforme digitali il singolo d’esordio del cantautore Davide Corneli in arte Mezzalibbra

 

Un brano che viaggia su sonorità fresche che definiscono il personaggio.
Testo dalla poetica moderna, parole semplici e belle con riferimenti efficaci ed un ritornello incisivo. 

 

Cometa è una canzone che ha come scopo quello di ricordare che nonostante tutte le avversità che la vita ci riserva, bisogna rialzarsi rendendosi conto che ogni giorno è unico proprio come ognuno di noi. 

Tutti noi siamo come delle stelle, ed ogni stella ha il diritto di splendere anche quando cade, senza preoccuparsi di chi o come la stia guardando. 

Le stelle sono semplicemente lì nel cielo che splendono indipendentemente da tutto.

Anche se intorno è tutto buio... bisogna continuare a brillare!

 

 

Davide Corneli, in arte Mezzalibbra, inizia gli studi di canto da bambino per poi appassionarsi al basso e infine anche alla chitarra. Nel corso degli anni ha suonato in vari gruppi, festival e club per poi iniziare ad avvicinarsi alla scrittura delle proprie canzoni all’età di 18 anni, appassionandosi anche alla poesia. Il nome d’arte Mezzalibbra ha un significato profondo che rimanda al suo legame con la natura e le sue origini in cui trova massima ispirazione per le sue composizioni. 

La sua musica si accosta al Soul nel quale inserisce anche elementi Rock creando un mix che esprime appieno le sue sensazioni, ricordi, emozioni e storie vissute. 

Attualmente al lavoro sul suo primo Ep in cui sarà accompagnato da una solida band di amici (Ciò che resta-CCR), continua con i live in giro per lo stivale, avventurandosi per la prima volta nella discografia italiana.

 

 

https://www.facebook.com/mezzalibbra/

https://www.instagram.com/_mezzalibbra_/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

David Benevento, Dimmi di te
in promozione radiofonica  il singolo del giovane artista

 

In radio il singolo di David Benevento dal titolo Dimmi di te. Un brano che mette in risalto le doti del giovane artista. Stile Pop, arrangiamento fluido e coinvolgente ed un ritornello che rimane nella testa. Tutte caratteristiche che danno sicuramente un tocco di professionalità e personalità al lavoro di David e che mette in evidenza tutte le sue doti canore.

 

David Benevento, 20 anni, nasce in  un piccolo paesino della  provincia di Vercelli studia architettura e design all’ accademia di belle arti a Brescia e canta dall'età di 7 anni. Inizia per gioco e pochissimi, lui compreso, credevano in questa passione. Inizia  a frequentare lezioni di canto in una scuola vicino casa dove conosce un'insegnante molto brava con la quale ha modo di acquisire più fiducia e di costruire le prime basi tecniche. Nel 2010 partecipa alla trasmissione televisiva "Ti lascio una canzone" condotta da Antonella Clerici su Rai Uno. Un’esperienza unica e stimolante soprattutto cantare fianco a fianco con Antonello Venditti.  Trova lo slancio per affrontare vari concorsi in tutta Italia vincendo diversi premi e numerose borse di studio. Nel 2011 partecipa e vince il festival di Saint Vincent con il suo primo inedito dal titolo "I love my life" e nello stesso anno scrive altri tre  brani in inglese e in italiano. 

 

L'anno seguente inizia a prendere lezioni di canto a Roma da uno dei più celebri vocal  coach italiani con il quale ha l'opportunità di migliorare moltissimo. Lo stesso anno partecipa al concorso di Montecatini Terme vincendo il premio della critica. Nel 2015 e per i successivi tre anni  frequenta  a Milano l'accademia di canto moderno, di licenza artistica. 

Nello scorso anno partecipa ad importanti festival della voce tra cui Area Sanremo dove si classificai nei primi sessanta. Attualmente partecipa al concorso canoro di Sanremo New Talent che prevede, nel prossimo mese di febbraio, una importante esibizione al Palafiori .

 

 

https://www.facebook.com/profile.php?id=100011346675585

 

 

 

Press, radio, Tv Agency

DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

Marco Bugatti, La mia ragazza
in radio il nuovo singolo dalle sonorità moderne e dai toni ironici 

Sempre alla ricerca di un registro linguistico e musicale che gli permetta di esprimere quello che sente con profondità e naturalezza, costruito con frasi di impatto e ritornelli orecchiabili che ti si stampano nel cervello, Marco Bugatti pubblica il suo nuovo singolo, un rock blues dalle sonorità moderne e dai toni fortemente ironici intitolato “La mia ragazza”.

Marco Bugatti nasce a Monza il 26 novembre del 1978 e trascorre la sua infanzia e la sua adolescenza in un paesino a 20 km da Milano. La musica ha sempre fatto parte della sua vita sin da quando, all’età di 6 anni, comincia a studiare pianoforte, rivelando da subito un precoce talento. Arrivata l’adolescenza abbandona gli studi di musica classica e si dedica come autodidatta alla chitarra acustica prima ed elettrica poi. Sono gli anni ’90 e la scena musicale, reduce da grossi nomi come Guns ‘n Roses e Aerosmith, viene sconvolta dal movimento Grunge, capitanato da gruppi come Nirvana, Pearl Jam ed Alice in Chains. L’animo tormentato di Marco ne rimane folgorato tanto che, da quel momento, comincia a scrivere canzoni ispirandosi al suo mito di quel periodo: Kurt Cobain. Da allora il suo obbiettivo sarà quello di formare una band che suoni musica rock originale ma, allo scopo di riuscire ad esprimersi al meglio e a farsi capire dal pubblico, scrive quello che sente in italiano.

A 18 anni, nella cantina di casa dei suoi genitori, compone la prima bozza di una canzone che diventerà poi la title track del suo primo disco ufficiale registrato con i Grenouille nel 2008: “Saltando dentro al fuoco”. La scena musicale alternativa lombarda rimane folgorata dall’energia scaturita de quel pezzo e dal suo testo poetico e comincia ad interessarsi al gruppo di Marco che, appoggiato da un etichetta locale, prende ad esibirsi aprendo i concerti a nomi come Diaframma, Tre Allegri Ragazzi morti e Punkreas. Un anno e mezzo dopo uscirà un EP dal titolo “In Italia non si puo’ fare la Rivoluzione (…perchè ci conosciamo tutti)” e nel 2012 il secondo disco ufficiale della band: Il Mondo Libero. Caratteristica di tutta la produzione dei Grenouille saranno sempre i testi intimisti e i pezzi graffianti, in cui Marco spesso urla al mondo la sua rabbia e la sua frustrazione. Dopo vari anni di attività il gruppo si scoglie a causa di tensioni interne e segue un periodo di silenzio in cui lui continuerà però a scrivere, ammorbidendo il suo stile ed ispirandosi anche ad autori italiani come Vasco Rossi e Vinicio Capossela e recuperando la musica rock degli anni 50 e 60.

Nell’aprile del 2016, grazie a Musicraiser e a un ristretto manipolo di fedeli seguaci, Marco raccoglie i fondi per registrare il primo disco autoprodotto uscito a suo nome: “Romantico”. Le tracce di questo lavoro spaziano da sonorità più acustiche e blues a nuove canzoni rock, la cui matrice rimane quella dell’alternative anni ’90. Dalla title track, in cui si sentono echi di Pete Doherty, si passa a “Io sto da Piero (..finchè sopravvivo)” dove i toni si fanno più accesi e si riconoscono sonorità anni ’80 alla Pixies, fino ad arrivare alla ballata folk di chiusura intitolata “La fabbrica”, in cui Marco racconta una storia di emigrazione dal sud al nord del paese, vista dagli occhi del protagonista, nel modo dei cantautori degli anni ’60.

https://www.facebook.com/bugatti.marco

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Paola Massoni “Alkemèlia”

un viaggio spirituale una finestra sul presente che guarda alle antiche tradizioni 

Preziosa si fa la contaminazione tra il pop contemporaneo e la musica classica.
Un insolito sentiero musicale che ripercorre con originalità e personalità quella cosiddetta “zona di confine”, dove trovano incontro e mutua contaminazione il pop contemporaneo e la musica classica. 

“Alkemèlia” è il primo disco di inediti di Paola Massoni, un prezioso lavoro iniziato nel 2012 e approdato alla pubblicazione per la RadiciMusic di Firenze e disponibile su tutti i canali fisici e digitali dal 9 Novembre 2019. Disponibile anche in una prestigiosa edizione limitata autografata su carta metallizzata, un vero artigianato Made in Italy da collezione.
“Alkemèlia” custodisce brani presentati per la prima volta dal vivo nell’ambito della “Trilogia di Mèlia”, ciclo teatrale con musica (Il Sogno, Il Viaggio, La Visione), il cui testo è stato pubblicato nel libro “I Misteriosi Mondi di Mèlia” edito da Ibiskos Ulivieri e vincitore del premio speciale “Scrivere per il teatro” al Concorso internazionale di Letteratura Città di Pontremoli

Paola Massoni, cantante, autrice e scrittrice, che come interprete si è fatta conoscere anche con i precedenti lavori “Songs for Christmas” e “Belcanto” (contenenti brani sacri e di Natale il primo e arie d’opera e canzoni napoletane il secondo), muovendosi con la sua voce di soprano pop-lirico dalle svariate sfumature in un singolare ensemble classico-elettronico, ci restituisce composizioni che spaziano dalla canzone d’arte alla musica classica e alle sonorità più astratte di quella contemporanea, con influenze dal mondo del cinema, del musical e della musica elettronica. Un viaggio culturale ed estetico dove il suono e la melodia non sono secondi ad una particolare ricerca poetica dei testi, dando così luogo ad uno stile personale, classico e al tempo stesso aperto alla sperimentazione.

Soprano lirico e pop, autrice di testi di spettacoli teatrali musicali, poesie, racconti, compositrice, pianista e attrice, artista dalla personalità eclettica, particolarmente apprezzata per la sua espressività e le sue doti attoriali e comunicative, svolge attività compositiva e concertistica sia in Italia che all’estero, coniugandola con l’attività didattica. Laureata con il massimo dei voti e la Lode in Canto e Discipline Musicali, Lettere Moderne ad indirizzo storico-musicale e in Pianoforte, è docente di Storia e Letteratura italiana nei Licei statali e di Canto, Rieducazione vocale (Metodo Barthélémy) e Pianoforte presso la Scuola di Musica Ass. Kalliope, Accademia della Voce Artistica, della quale è fondatrice e presidente. Duttile voce, il suo repertorio spazia dalla musica sacra, all’opera, dalla musica da film alle Canzoni d’Arte e alla musica contemporanea e world music; nelle sue composizioni, in cui spiccano dolcezza melodica e varietà armonica, ama sperimentare la commistione tra i vari generi musicali. 

Ha inciso alcuni album sia come interprete (Belcanto, Songs for Christmas) che come compositrice (Alkemèlia, contenente molti brani della Trilogia di Mèlia). Si è esibita con artisti di rinomata fama, tra cui Albertazzi, Albano, Bocelli, in Rai (Premio Bellisario "Donne ad alta quota") e in importanti festivals musicali. Vincitrice di borse di studio e concorsi nazionali e internazionali di canto lirico, ha ricevuto premi e menzioni speciali e d’onore per i suoi testi poetici e narrativi. È tra gli autori dell’Antologia dedicata al 50° anniversario del Premio Nobel Salvatore Quasimodo, curata da Aletti Editore, e dell’Antologia Omaggio a Leonardo dedicata ai 500 anni dell’anniversario di Leonardo da Vinci per la Ibiskos Ulivieri. Per la Trilogia I Misteriosi Mondi di Mèlia, sua prima pubblicazione, ha ottenuto al Concorso internazionale di Letteratura Città di Pontremoli 2018, il Premio Speciale “Scrivere per il teatro”. 

http://www.paolamassoni.com/HOME.html

 

 

Label 

RadiciMusic

http://www.radicimusicrecords.it/

 

 

Salame, Iacopo Ligorio & Le Canzoni Giuste

in radio il nuovo singolo della ironica band 

 

Salame è il nuovo singolo di Iacopo Ligorio & Le Canzoni Giuste, band che tra ironia grottesca e spettacoli teatrali sta trovando spazio nella scena musicale indipendente.

 

Il singolo è il terzo estratto dal disco “Per l’amor del cielo”, pubblicato a Maggio 2019 per l’etichetta World Fonogram Records e distribuito da Believe.

 

“Salame” si colloca all’interno del primo capitolo del disco, quello della Genesi: il protagonista inizia a “googlare” alla ricerca di risposte esistenziali, ma ben presto si annoia e abbandona la ricerca, finendo per mangiare.

 

Una metafora ironica sulla propensione delle persone a cercare la via più facile per trovare le risposte alle proprie domande; le stesse persone che poi, per pigrizia, lasciano il lavoro a metà, preferendo il cibo e altre distrazioni.

 

“Per l’amor del cielo” è un concept album grottesco e fortemente ironico che racconta le peripezie dell’uomo fra dialoghi immaginari con Dio, ipocrisie e situazioni paradossali, in una società che assume sempre più le sembianze di una barzelletta.

 

Il disco è basato su un immaginario dialogo tra Dio e il protagonista, un uomo mediocre, allo scopo di comprendere l’umanità odierna e di giudicarla. Un dialogo ironico e ricco di umorismo, che però porta a una riflessione amara sull’odierna condizione umana, tra social, pigrizia, odio, incoerenza e finto moralismo.

 




Biografia Iacopo Ligorio & Le Canzoni Giuste
https://www.dcodcommunication.com/ligorio

 

https://open.spotify.com/track/3pDDQETsWcEbKbCGtcKBtk?si=QaKqpmtMSryu0fxYQewU-A

https://www.facebook.com/Iacopoligorioellecg/

https://www.instagram.com/iacopoligorioellecg/

 

 

WORLD FONOGRAM (Label)
http://www.worldfonogram.com/world-fonogram/

 

“Vento di protesta ” La Tresca 

 

in radio il nuovo singolo de La Tresca.
Un canto, un commiato, il saluto ad un amico.



Storia di oggi è il nuovo singolo “Vento di protesta” a sancire una fresca collaborazione tra la band e la label toscana RadiciMusic di Aldo Coppola Neri. Un canto popolare ma anche una preghiera laica, un saluto di commiato ad un caro amico ma anche un ricordo rivoluzionario, uno sguardo alla verità di quel certo modo di stare al mondo. Melodie fresche, energie pure e quel tanto che basta per scolpire alla memoria la forza di una canzone dalle tante chiavi di lettura. Che sia l'inizio di un nuovo lavoro?

“Vento di protesta” a cui è seguito un video realizzato nella Tuscia Viterbese.

 

Folk-Band originaria della Tuscia, una zona geografica a cavallo di tre regioni (Toscana, Umbria, Lazio) dove si incrociano culture e tradizioni antichissime.

Fin dagli esordi, il loro sound si contraddistingue per la ricchezza di sonorità popolari, semplici, ma molto trascinanti e adatte a creare quell’atmosfera di festa che si respira nei loro concerti.

Quasi 20 anni di carriera e un lungo tour, iniziato e mai smesso, li hanno visti protagonisti nelle piazze italiane e nei grandi festival europei.

Irlanda, Olanda, Ungheria, Svizzera, Germania, Macedonia... le nazioni che i ragazzi de LA TRESCA hanno conquistato con la loro energia.

Ben cinque i dischi all’attivo (di cui uno LIVE), in cui spicca la produzione artistica di Massimo Giuntini, flautista e cornamusista in molte formazioni del panorama musicale italiano tra cui Casa Del Vento, Modena City Ramblers, Whisky Trail...

...senza trascurare le molteplici collaborazioni che in questi anni hanno accompagnato la musica de La Tresca: Cisco, Erriquez e Orla (Bandabardò), Francesco Moneti e Franco D’Aniello (Modena City Ramblers), Luca Lanzi (Casa Del Vento), fino a Geri cantante della rock-band ungherese degli Hollywoodoo.

 

 

 

https://www.facebook.com/latrescaofficial/

http://www.latresca.it/LaBand.html

 

Label RadiciMusic

 

http://www.radicimusicrecords.it/

 

Marcello Parrilli, La Resa 

Nuovo disco per il cantautore toscano Marcello Parrilli,
in radio il singolo “La resa”

 

L'amore come ricamo primordiale per le solitudini di questo nuovo millennio.

Nuovo lavoro, per l'esattezza il quarto come cantautore, per l'artista toscano Marcello Parrilli che torna in scena con un disco dal titolo “Moderne solitudini” pubblicato da RadiciMusic.

Una raccolta di canzoni d'amore, anticipato esattamente un anno fa circa dal singolo “Perso nei tuoi occhi”, un viaggio in cui proprio l'amore è il vero leitmotiv di questa società dell'era moderna, dove ad aggiornarsi sono anche le nuove frontiere della solitudine. Occasione ghiotta per Parrilli quella di ripescare dal suo personalissimo passato artistico, vecchio di anche dieci anni, brani che risuona oggi con nuovi arrangiamenti, con moderne soluzioni. Ma con esse anche nuove scritture dalla chiave pop rock, intime e crude che che sempre sanno conservare un certo potere intimo per il profilo di un cantautore che attinge dai classici i suoi riferimenti. Tra i brani inediti anche “La Resa”, secondo singolo estratto che si lancia in rete con un video ufficiale per la regia di Lucio Lepri. Unico filo conduttore di queste canzoni è l'amore, quello sognato, quello desiderato, quello mai consumato, quello perduto, quello vissuto una volta soltanto... quello che in fondo lascia dentro ognuno di noi un prezioso senso di eternità.

Tutto questo, in verità, si traduce anche in una purtroppo comune incapacità di relazionarsi in questo mondo, una modernità dentro la quale siamo sommersi da tecnologie e social, sommersi di comunicazione senza però saper parlare con chi abbiamo accanto. 

Una produzione artistica ancora una volta firmata da Gianfilippo Boni, ormai nome di riferimento per la classe cantautorale toscana e non solo, con la partecipazione al basso di Lorenzo Forti e alla Batteria di Fabrizio Morganti.


Marcello Parrilli è un cantautore fiorentino classe ’78.
Musicista polistrumentista, musicoterapeuta e docente di tecnologie musicali comincia a studiare violino nella sezione musicale alle scuole medie per poi proseguire al conservatorio “L. Cherubini” di Firenze dove oltre al violino studia anche pianoforte. Nello stesso periodo comincia a scrivere le prime canzoni, a suonare la chitarra e ad esibirsi in vari locali fiorentini con la sua prima band formata sui banchi di scuola dell’I.T.G. salvemini di Firenze. Successivamente si laurea in D.A.M.S. (Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) con un tesi in estetica musicale e si diploma al corso quadriennale di Musicoterapia di Assisi ed ancora si laurea in M.N.T. (Musica e Nuove Tecnologie) al conservatorio “L.Cherubini” di Firenze.
Nel 2009 pubblica “Identità” per SoundRecords (1° disco della trilogia dell’essere).
Nel 2011 pubblica “Elogio alla diversità" (secondo disco della trilogia dell’essere) sempre per SoundRecords. Entrambi i dischi ricevono buone recensioni su molte riviste on-line del settore.
Nel 2013 pubblica “Piano solo”, disponibile solo in digitale per RadiciMusic Records, disco che raccoglie tutte le composizioni musicali di solo pianoforte scritte da Parrilli. Anche questo disco viene accolto molto bene dalla critica.
Nel 2015 pubblica “Mendicanti di umanità” (terzo ed ultimo lavoro della trilogia dell’essere), pubblicato sempre in digitale per RadiciMusic Records, album che ha avuto la produzione artistica di Gianfilippo Boni e la partecipazione di importanti musicisti del panorama nazionale quali Lorenzo Forti ( Laura Pausini, Irene Grandi, Gianni Morandi, Paolo Vallesi ) al Basso e Fabrizio Morganti ( Biagio Antonacci, Irene Grandi ) alla batteria, e Giacomo Tosti alle fisarmoniche, oltre alla partecipazione di amici cantautori quali Marco Cantini, Massililiano Larocca e il Fano.
Sempre attivo nel panorama musicale italiano nel 2018 lavora ad un progetto di musica elettronica con l’eclettica violinista e Cantautrice Erma Pia Castriota (Lucio Dalla, Teresa de Sio, Franco Battiato, Donatella Rettore, Morrisey ecc…) in arte H.E.R. che diventa anche un disco pubblicato per l’etichetta romana Flipper Music dal titolo “Violins and Wires”.
Nello stesso anno comincia a lavorare al nuovo album e pubblica il primo singolo dal titolo “Perso nei tuoi occhi” con il video diretto da Lucio Lepri e che anticiperà il nuovo disco di inediti.

Il 15 Ottobre del 2019 esce per RadiciMusic Records “Moderne solitudini”
Quarto disco di canzoni e il quinto disco in studio di Marcello Parrilli, lancaito in rete dal video del secondo singolo estratto dal titolo “La resa” diretto ancora una volta da Lucio Lepri. Anche questo disco vede la produzione artistica di Gianfilippo Boni e la partecipazione al basso di Lorenzo Forti e alla Batteria di Fabrizio Morganti.

 

“La Resa” - OFFICIAL HD

https://www.youtube.com/watch?v=kbDTtyr1zxo&feature=youtu.be

https://music.apple.com/it/album/moderne-solitudini/1482287606

https://www.facebook.com/marcello.parrilli

Label RadiciMusic
www.radicimusic.it

 

 

Ance, “Anche se”
in radio il singolo del cantautore  “trasversale”

A sei anni dall'ultimo EP del 2013, Ance propone il brano "Anche se". Una carica di ispirazione funk, rock e blues. Il testo non si scosta da una buona dose di ironia che tocca varie tematiche e le sue contraddizioni; il pretesto della congiunzione-ponte qual è il titolo stesso, porta a paradossi e confronti diretti fra le due facce della stessa medaglia, volendo perpetuandosi all'infinito.

La produzione artistica è affidata a Gianfilippo Boni, e suonato dal suo team di tutto rispetto: 

Giuseppe Scarpato: chitarre
Lorenzo Forti: basso
Fabrizio Morganti: batteria
Gianfilippo Boni: tastiere
Claudio Giovagnoli: sassofoni
Nicola Cellai: tromba

Ance (Andrea Lovito) si definisce un cantautore “trasversale”. La sua musica non risponde ad un solo canone, ma attraversa stili e generi molteplici ed è caratterizzata da testi surreali, ironici, impegnati se non propriamente arrabbiati, i quali invitano talvolta a sorridere, altre volte a riflettere. Nato ad Empoli viene chiamato “Ance” praticamente fin da piccolo, per scherzo.

Fonda a soli 13 anni la sua prima band, gli Other Side, in cui si cimenta nel mondo del punk-rock, prima suonando cover di Ramones, Clash e Bad Religion, poi scrivendo i suoi primi brani in inglese. Dopo due demo, qualche concorso e tanti concerti, lascia il gruppo nel 1999. L’uscita dall’adolescenza lo porta infatti a sentire stretta l’etichetta “punk rock” ed a cercare una strada propria, indifferentemente dal genere. 

Fonda nello stesso anno una nuova band,“Ance & i BombaLiberaTutti”; scrive testi stavolta in italiano e musica con influenze folk-rock. 

Registra una Demo ed un disco autoprodotto: ”La festa del Rione”, che avrà critiche positive sia su riviste specializzate (Rocksound), che in rete (Bielle.org). Continua a partecipare ad importanti concorsi, e suona in giro per tutta la Toscana (con qualche tappa in Emilia Romagna). Partecipa al Rock Contest di Firenze nel 2003.

Ha aperto concerti di Niccolò Fabi, Bandabardò, Vallanzaska, Bugo, Bobo Rondelli, Gatti Mezzi)… L’avventura con i “BombaLiberaTutti” termina nel 2004. Continua comunque a suonare sia da solo che con gruppi improvvisati, proponendo brani propri e cover d’autore (dagli storici R.Gaetano, F.De André, L.Tenco, agli odierni D.Silvestri e M.Gazzé, B.Rondelli...)

Prova anche altre strade, prima tentando la particolare esperienza di interpretare la parte dello zingaro Clopin nel musical “Notre Dame de Paris” di R.Cocciante-P.Panella con la compagnia teatrale “Ananche”, poi con la compagnia cabarettistico-teatral-musicale “I Mestoloni”, in scena con “I Miracoli di Padre Pio” , tratto dall’omonimo libro di Federico Maria Sardelli, storico autore del Vernacoliere.
Nel 2006 torna al cantautorato ed alla preparazione di un nuovo disco.

Nel 2007 partecipa al concorso per la canzone d’autore “7Note Festival” dove si aggiudica il premio speciale della critica al miglior autore, col brano “Decorazioni”.

L'album “Lavoretto a catena” esce nel giugno 2008 sotto l’etichetta Snowdonia. Il disco rimane un variegato di generi stavolta con influenze volte verso il jazz ed è arrangiato con 19 artisti diversi tra tecnici del suono e musicisti, fra i quali spicca la collaborazione autorevole di Nico Gori (Stefano Bollani quintet) al clarinetto e sax soprano. Il disco è stato recensito su molti siti internet (OndaRock, BlowUp, SentireAscoltare, Mucchio). I brani “Media Vita” e “Clone” sono andati in onda nella trasmissione “Demo” di RadioRaiUno.

Nel 2009 viene selezionato tramite il concorso "T-Rumors" promosso dalla Regione Toscana per far parte all'omonima compilation prodotta da Materiali Sonori. I due brani "Mi piacerebbe dire (se fossi un giornalista)" e "Musicopoli", sono stati incisi con l'affiancamento di Arlo Bigazzi (Banda Improvvisa). Segue poi un corso di 4 mesi in composizione e arrangiamento con Francesco Magnelli (Litfiba, Consorsio Suonatori Indipendenti, Ginevra Di Marco).

 

Dal settembre 2010 partecipano al suo progetto i “Fatti Quotidiani”, band composta da: Daniele Bianconi (basso) – Dario Gozzini (piano) – Michele Trentacosti (batteria) – Massimiliano Lami (sax soprano) – Federica Amato (flauto traverso, cori).

L'album “Professionisti nel campo” esce l'11/11/2011. 

 

Segue l'EP “Tradizione Commerciale”, uscito il 9 luglio 2013, realizzato anche grazie ad una campagna di  crowdfunding  su “MusicRaiser”.

 

Vive dividendo la vita tra la musica e il lavoro come animatore di comunità per persone diversamente abili con disagio psichico.

Ritorna alla discografia con il singolo “Anche se” uscito il nell’aprile 2019.

Concorsi e Stage

Con gli Other Side:
1997 – Pagella Rock (Teatro tenda – Firenze) - 3°classificati
1999 – Trofeo Cencio’s (Prato) – Finalisti

Con i BombaLiberaTutti:
2001-i-Tim Tour (presentato da Red Ronnie – Portoferraio Elba) presentano il brano “Robertino Rasta”
2001-Concorso musicale “Ottobre Rosso” – 2°classificati e premio miglior Canzone “Robertino Rasta”
2002-i-Tim Tour (presentato da Red Ronnie – Livorno) presentano il brano “Skarantella”
2003 -Rock Contest  (Firenze) - Semifinalisti

Da Solista:
2004 – Premio Rino Gaetano (Termoli - CB) col brano “Surreale Dolcevita”
2007 – Premio Musica Controcorrente (Roma) col brano “Clone”
2007 – Premio Poggio Bustone (Ostra Vetere – AN) col brano “Il sasso nella scarpa”
2007 – Vincitore premio della critica al migliore autore al concorso nazionale della canzone italiana d’autore “7Note Festival” 2° Edizione (Pesaro) col brano “Decorazioni”
2009 - Premio Poggio Bustone– finalista col col brano “Media Vita”
2009 - “T-Rumors” - Toscana Musiche
2009 - Music Village (Montecampione - BS)
2010 – Musicultura (Macerata) 

Con i Fatti Quotidiani
2011- Tour Music Fest (Roma)

Videoclip:
2009 - Il sasso nella scarpa
2013 - Latifondista
2019 - Anche se

Partecipazioni extra e Progetti paralleli:
2000 - Co-autore e collaboratore al disco degli Other Side “Device” (Ed.Sottosopra)
Dal 2003 a oggi - Progetto parallelo: “Rino Gaetano tribute band” assieme al gruppo Echobeach
2005-06 – Corista nella compagnia “Umbre de muri”, con i quali esegue l’intera suite de “La Buona Novella” di Fabrizio De André
2006 – Collaborazione al disco dei DDR “Diritto Di Rivolta” (Ed.Indiebox -Arrangiamento dei cori e tastiere).
2009 – Partecipa al disco dei Maisie “Balera Metropolitana” (Snowdonia) cantando il brano “Amore in città”.
2010 – Progetto  parallelo: “Ivan Graziani tribute band”
2010 – Spettacolo “Toscani”, ideato e diretto da Francesco Magnelli.
2012 - Progetto “The Blues Brothers Revival Show”

2013 - Recita la parte di Gabriel nello spettacolo teatrale “Come Julian” scritto e diretto da Francesco Pucci
Dal 2015 a oggi– Suona il mandolino octave e canta brani tradizionali fiorentini nell’orchestrina a plettro “La Nuova Pippolese”

2018 Partecipa al disco dei Maisie “Maledette rockstar” (Snowdonia) cantando nel brano “Vincenzina e il call center”.

 

www.ancemusic.it 

https://www.instagram.com/andrealovito

https://www.youtube.com/user/Ancemusic

 

https://www.facebook.com/ANCE-111001802243244

 

“Oltre”, il nuovo singolo delle Dianime 

in promozione radiofonica “Oltre”, il nuovo lavoro della band 

 

Il singolo, pubblicato per ALTI Records, è presentato così dal gruppo:


Oltre è l’immaginazione che viaggia, libera dalle catene di un corpo che non può muoversi.

Un dialogo con se stessi che si muove tra elettronica e indie-pop.

 

Guardarsi dentro non è semplice. Non vorremmo mai fermarci. Ma ci sono momenti in cui la vita chiede un dialogo sincero con la nostra interiorità. Oltre è lo specchio dei sentimenti che non accettano di restare sotto la pelle, immobili. Oltre è uno sguardo che supera il vetro dell’incoscienza, la forza della mente che, anche se ancora lo sappiamo, è in grado di vincere qualsiasi battaglia. Oltre è dentro tutte le persone che in un momento di forte debolezza hanno trovato la forza di rinascere, di andare… oltre.

 

Le Dianime mettono in musica i loro mondi interiori sconfinati, tra istinto e ragione, grinta e introspezione. Usano la musica per nascondersi mostrandosi.

Dianime  è un progetto che fa il suo esordio nel 2015 con l'EP autoprodotto "Rivoluzione dell'anima", un primo lavoro con un sound metà tra rock ed elettronica.

 

Dopo aver mosso i primi passi nel circuito musicale abruzzese, il gruppo colleziona la vittoria di diversi contest musicali e oltre 50 concerti che li portano a condividere il palco con artisti di calibro nazionale (Diaframma, Umberto Maria Giardini, Giorgio Canali & Rossofuoco, Ex-Otago, Giuliano Palma, Margherita Vicario, Blastema, Sick Tamburo, Bugo, La Menade, Management del dolore post-operatorio) e internazionale (Alcest, Clan of Xymox).

L’intensa attività live li porta a suonare sugli stessi palchi di artisti come Lacuna Coil, Il Teatro degli Orrori, Marlene Kuntz, fino a raggiungere la finale regionale del festival Arezzo Wave (2017).

 

Nel 2018 ottengono il primo posto tra le migliori band emergenti selezionate dalla redazione di Classic Rock Italia e vincono il premio nazionale FIM (Fiera Internazionale della Musica) come miglior band emergente.

 

Il 31 maggio 2019, dopo una lunga pausa dovuta a un cambio di line up e all’ingresso di una nuova voce, pubblicano il singolo "Risposte", prodotto da Marco Di Nardo (Management del dolore post-operatorio).

 

A Settembre 2019 pubblicano per ALTI Records “Oltre”, il nuovo singolo dall’anima elettro-pop.

 

Credits: 

 

Produzione artistica: Stefania Ferrante, Luigi Tarquini e Federico Fontana

Testo e musica: Sara Berardinucci e Dianime

Mix e Mastering: Giampiero Ulacco

Label: ALTI Records

 

 

Link social:

Facebook: https://www.facebook.com/DianimeBand/

Instagram: https://www.instagram.com/dianime__/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Senza niente (con te) è il nuovo singolo di Bert

In rotazione radiofonica e su tutte le piattaforme digitali

 

“Senza niente (con te)” è il nuovo singolo di Bert, romantico cantautore figlio del nuovo pop italiano (Thegiornalisti, Cesare Cremonini).

Bert canta di emozioni e relazioni, dei cambiamenti e della fragilità nell’affrontarli. 

 

Ricordi rinchiusi in fotografie che sembrano non appartenerci più, la vita che va avanti e ci porta altrove, la consapevolezza che i momenti che amiamo tenere vivi nella memoria restano eterni soltanto in due luoghi: nei posti in cui nascono e dentro ognuno di noi.

 

Riferimenti musicali: Thegiornalisti, Cesare Cremonini

Label: ALTI Records

Credits:
Testo e musica: Massimo Bartolo (Bert)

Arrangiamento e produzione: Luigi Tarquini e Federico Fontana per ALTI Records

 

Massimo Bartolo, in arte BERT, è un cantautore classe 1988 nato in un piccolissimo paesino in provincia di Reggio Calabria e “migrato” a Cesena (FC) all’età di 12 anni.

 Ha sempre vissuto a stretto contatto con la musica sin da piccolo: a 3 anni riceve in regalo un “CantaTu” con la cassetta di Marco Masini; da adolescente passa i pomeriggi con sua zia ad ascoltare Bon Jovi, Vasco, Doors, Guns, Beatles e Pink Floyd.

Nel 2011 rimane totalmente stregato dal mondo dei concerti e dai musicisti, di cui dice“mi sembravano supereroi irraggiungibili e avrei voluto tantissimo essere come loro”.

Nel 2017 decide di aprire il suo cassetto più grande: inizia a suonare la chitarra, con l’obiettivo di scrivere canzoni per scacciare ogni pensiero e la stanchezza della solita routine quotidiana.

Nel 2018 partecipa alla 5^ edizione della Scuola per Autori al CET di Mogol e “Nei tuoi occhi” viene selezionata tra le opere pubblicate nell’antologia del Premio Scuola Autori di Mogol.
Nello stesso anno viene selezionato per il contest “Canzone circolare” di Legambiente, organizzato da Elio e le Storie tese e per il Premio Note D’autore, organizzato da Palbert Music.

Il 15 marzo 2019 pubblica il singolo d’esordio “Nei tuoi occhi”, accompagnato da un videoclip presentato in anteprima esclusiva su una popolare webzine di settore.
Il singolo viene selezionato tra le
10 canzoni vincenti del PAE 209 (Premio Autori Emergenti).

A Maggio 2019 pubblica il secondo singolo “Crederai”, in rotazione radio e su tutte le piattaforme digitali. Il testo viene selezionato per la finale del 6° corso autori CET di Mogol.
A Giugno 2019 è finalista del Premio Lunezia nella sezione Nuove proposte con “Nei tuoi occhi”.

In occasione della finale di Aulla si esibisce sullo stesso palco di Motta, Nada,Negrita, Paolo Belli , Simone Cristicchi, Francesco Renga, Gianluca Grignani e molti altri.

A Settembre 2019 viene selezionato tra i semifinalisti nazionali dell’undicesima edizione del Premio Valentina Giovagnini.

 

Il 9 Settembre 2019 è uscito il terzo singolo “Senza niente (con te)”.

Spotify
https://open.spotify.com/artist/7wxhJ0JcngwTu4VWxARCMn
Facebook
https://www.facebook.com/bertinmusica/
Instagram
https://www.instagram.com/bertmusica/

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

ALTI Records

press@altirecords.com

cristinatalanca@gmail.com

 

www.altirecords.com 

 

Quello che non ti ho detto, The Wrath (Giuseppe Binetti)
il nuovo singolo in promozione radiofonica  

"Quello che non ti ho detto" è il nuovo singolo pop rock di Giuseppe Binetti, in arte "The Wrath", che torna sulle scene con un brano esplosivo ed incentrato su un tema di estrema attualità, il tradimento all'interno di una coppia.  
Il brano è stato registrato nella sua amata terra d'origine (Bari) e nello stesso studio dove tutto ebbe inizio, con la costante collaborazione del suo arrangiatore M. Barracane

Questo nuovo singolo, che conferma lo stile rock di Giuseppe Binetti, racconta una storia comune a tanti di noi, un tradimento protratto nel tempo e venuto alla luce dopo una serie di indizi che hanno portato alla rivelazione della verità con un finale del tutto inaspettato. 

La bellezza del testo, la voce graffiante del cantautore rock e la ricerca dei dettagli che si fondono in un suono semplicemente armonioso hanno portato ad un risultato sorprendente.

 

Sono state realizzate due versioni del brano, una radio edit molto più soft mentre la versione più strong è stata pubblicata sia su Spotify che su Youtube. 

 

Giuseppe Binetti nel 2006 e' stato premiato da Diego Spagnoli, braccio destro di Vasco Rossi, con la tribute band "Siamo Solo Noi". A seguire, l’incontro di due manager hanno portato alla realizzazione di due CD (“Solo Rock” e “Oltre il Confine”) distribuiti da Self Italia e alla partecipazione ad un programma nazionale “Talent1” risultando primo in classifica nella Webchart Italia.


Successivamente è stato pubblicato il suo primo lavoro in lingua internazionale "Dangerous", presentato nel dvd degli Iron Maiden e classificatosi al 50esimo posto nella classifica europea. 
https://www.cgentertainment.it/film-dvd/iron-maiden/f34536/

Video
Vincitore WEB CHART ITALIA SEZIONE MUSICA
https://www.youtube.com/watch?v=lT5JVsChCuE

Vincitori VASCO Cover Festival 2006 - (premiati da Diego Spagnoli)

https://www.youtube.com/watch?v=fhW-NVO41WE

Spotify
https://open.spotify.com/album/7zsr9EN44hKN3gNq2VNYSr
Officialwebsite
https://www.rockit.it/thewrath

Youtube
https://www.youtube.com/user/GiuseppeBinetti

Facebook
https://www.facebook.com/TheWrathMetal/

Instagram
https://www.instagram.com/thewrath74/

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Un’altra estate, Piero Mazzocchetti
in promozione radiofonica il nuovo singolo pop del tenore crossover 

 

Un’ altra estate il nuovo singolo Pop del Tenore crossover Piero Mazzocchetti.
Un’altra estate…se ne va… il nuovo tormentone settembrino, sigla malinconica ma positiva, della normalità che riprende il sopravvento. 

Dedicata a chi riprende la quotidianità dell’ufficio o della scuola e a chi l‘estate ce l’ha sempre nel cuore durante tutto l‘anno.

Un brano di Massimo Telli, Giuseppe Concettini e Piero Mazzocchetti. La regia del video è stata curata dalla giornalista Federica Peluffo. Edizioni Musicali Flender Produzioni.

 

Piero Mazzocchetti nasce a Pescara nel 1978. A 7 anni inizia a studiare pianoforte al Conservatorio di Pescara ed a 13 anni inizia a studiare canto lirico a Pesaro.

A 16 anni inizia la sua attività di pianobar. Terminati gli studi non si iscrive all’Università e contro il volere dei genitori, accetta un contratto in un pianobar di Monaco di Baviera. Il locale dove si esibisce, è frequentato dai più importanti giocatori del Bayern Monaco e dai dirigenti della stessa Società, Karl Heinz Rumenigge e Franz Beckenbauer.

In breve Piero Mazzocchetti diventa un idolo: il locale è sempre esaurito, proprio per la presenza dell’artista ed il più importante manager tedesco di grandi calciatori, Roger Wittmann, lo scrittura in esclusiva. In pochi mesi registra il suo primo album in Germania, con la Universal: L’Eternità.

Registra quindi il secondo album, sempre con la Universal, “Parole Nuove”, poi un terzo questa volta con la EMI, dal titolo “Amore Mio”, arrivando ad esibirsi negli stadi tedeschi.

Nel 2007 il ritorno in patria: Maurizio Fabrizio gli ha propone una canzone, scritta come sempre insieme a Guido Morra, da presentare al Festival di Sanremo 2007: Mazzocchetti partecipa quindi alla gara con “Schiavo d’amore”, che è anche il titolo del suo primo disco italiano. La canzone si classifica terza nella graduatoria finale della sezione "big".

 

Bio Completa

 

 

 

 

 

Discografia
1999 L’eternità
2002 Parole nuove 2004 - Amore mio
2007 Schiavo d’amore
2008 Tribute to Luciano Pavarotti
2013 Parlami d’amore Mariù Live 

2014 Parlami d’amore Mariù 2 Live
2016 Istanti
2017 Un attimo lunghissimo 

 

https://www.facebook.com/Piero-Mazzocchetti-43818762711/

https://open.spotify.com/album/4Bs39Yb4E8KersSsz1LscK

https://music.apple.com/it/album/unaltra-estate-single/1475108344

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Crabby’s, I was born yesterday 

in radio e sui digital store il nuovo singolo della band 

 

I Crabby’s in promozione con un nuovo brano dal titolo I was born yesterday.

Dietro questa canzone d’amore si cela il tema di un rapporto tormentato tra una donna, un bimbo immaginario e l’uomo della sua vita.

 

Il brano tratta in modo molto delicato, a tratti evocativo, un tema molto complesso, conducendo l’ascoltatore a volteggiare in aria con la leggerezza di un aquilone invece di sprofondare negli abissi di un amore mai espresso.

Arrangiamenti raffinati, che danno al brano un vestito perfetto. Musica mai banale che nasce da esperienze suonate e studiate per trovare la formula giusta . 

Oltre al buon lavoro fatto dalla band, altro punto di forza a dare un valore aggiunto è rappresentato dalla produzione. 

 

I Crabby's Nascono nel 2014 dalla collaborazione di Giuseppe D'Alonzo (Voce e chitarre), e Domenico Di Michele (Batteria) che iniziano a lavorare su primi brani inediti in lingua inglese.

 

Negli anni si sono aggiunti Pierluigi Di Cesare al basso e Manuela Limina alle voci.

Lo stile dei primi EP e' un Rock Classico che affonda le radici nel Blues.

Man mano la Band matura verso uno stile Rock/PoP cantautorale strizzando sempre l'occhio al sound anglosassone/americano che è poi la grande passione dei Crabby’s.

 

https://soundcloud.com/crabbys
https://www.youtube.com/c/CrabbysMusic
https://www.facebook.com/crabbysItalia/
https://www.instagram.com/crabbysmusic/
http://www.crabbysmusic.com

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

Emily Rinaldi , “Polvere”

In promozione radiofonica il singolo della giovanissima artista 

 

Sguardo vispo e disincantato tipico dei suoi 13 anni, Emily Rinaldi, da  Ceccano, Frosinone, è un volto già noto alle tv nazionali. In promozione il suo primo singolo “Polvere” anche se i suoi esordi sono da attrice.

Ha debuttato infatti, sul grande schermo nel 2015,nel film “Il Camionista”,  con Giorgio Tirabassi e Simona Borioni.

 

Un film drammatico, che affronta temi sociali, e che l’ha vista recitare con  grande naturalezza e padronanza sul set. Ma Emily ha  sempre amato cantare. “Tra sogno e realtà”, “Sanremo Junior”, “Iband”, sono solo alcuni dei talent che hanno ufficialmente sigillato la sua passione: il canto. “Canta a tutte le ore, dalla mattina alla sera – dice il padre Massimo – non ha perso la sua semplicità, è una figlia studiosa, mi da soddisfazioni ed è una buona forchetta. Nella vita di tutti i giorni è una ragazzina semplice, si relaziona con i suoi coetanei, mantenendo l’ingenuità dei suoi anni,  ma quando sale sul palco e ha davanti  a sé un microfono,  non canta ma interpreta come una donna”.

 

E oggi, il suo primo lavoro discografico con l’etichetta Royal Music; un progetto curato dal Maestro Vincenzo Sorrentino,  che le permetterà di farsi conoscere al grande pubblico anche come cantante. “Polvere”, un testo che richiama fortemente alle emozioni più pure dei giovanissimi che si approcciano all’amore. Il mood sognante delle ragazzine,  dei primi batticuori, dei timori e le delusioni  provate. Delusioni che, quando il sentimento si rompe, tutto sembra insuperabile, e l’entusiasmo cede il posto alla consapevolezza di riappropiarsi della “smarrita libertà”, come suggerisce il testo della canzone. Il videoclip realizzato a Napoli fa da sfondo ai primi piani di Emily che viene fuori prepotentemente e con tutta la grinta che la contraddistingue.


Dal disco di prossima pubblicazione, sono stati già selezionati dei brani che saranno riproposti in un importante film in uscita nella prossima stagione invernale.

(Fonte Gazzetta di Napoli)

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Kris “Vado al mare”
in radio il singolo interpretato dal cantante italo ungherese 

 

Vado al Mare” è uno slogan emotivo che appartiene a noi tutti: staccare la spina, nell’era della globalizzazione, per disconnettersi dallo stress, dalla routine quotidiana, al fine di ritrovare nuove energie dalla positività che il mare può dare. Il brano, dal sapore pop/rock italiano, esce fuori dagli schemi e dai canoni voluti dalla musica che attualmente si veste della sua, scontata, moda estiva, legata a ritmi e suoni caraibici, e si propone di arrivare, nel cuore di chi l’ascolta, nella sua trasparente e naturale verità. “Vado al Mare”, interpretato da Kris, è stato registrato c/o la C&C Multimedia di Napoli, arrangiamenti del M° Ciro Barbato, su testo e musica del cantautore e produttore Michele Bucci.

Cristian Jacobelli, in arte Kris, italo-ungherese, nato a Cagli (PU) il 18/07/1995, risiede a Piobbico (PU). Diplomato all’istituto agrario, in qualità di agrotecnico, gestisce, unitamente al padre, un’azienda zootecnica, anche se, sin dall’infanzia, la sua grande passione è la musica. Appassionato di equitazione, adora i cavalli. I nomignoli o aggettivi che gli hanno attribuito amici e parenti sono: Tempesta, Vulcano e Saltapicchio, Nell’album “Vado al Mare”, il singolo omonimo è stato scritto dal cantautore e produttore Michele Bucci, mentre Kris è l’autore dei brani “Anima mia”, “Credi in te” e “Nell'aria”. 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

“Per l’amor del cielo ” Iacopo  Ligorio e le Canzoni Giuste

Un disco tragicomico. La fotografia di una società barzelletta.

 

Dialoghi surreali e personaggi bizzarri .

“Per l’amor del cielo” è un concept album grottesco e fortemente ironico che racconta le peripezie dell’uomo fra dialoghi, ipocrisie e situazioni paradossali, in una società che assume sempre più le sembianze di una barzelletta.

I protagonisti del disco sono Dio e l'uomo, con quest'ultimo che tenta di aiutare l'Altissimo a comprendere e salvare l’umanità, ormai persa tra guerre sui social, foto ai tortellini postate su Instagram e insignificanti problemi quotidiani.

Un viaggio metaforico all'interno di una società bizzarra, litigiosa ed esibizionista costruita sull'immagine e su contenuti effimeri; una società che ha perso il contatto con la sua natura umana.
Il disco è stato pubblicato a fine Maggio 2019 per la label
 World Fonogram Records  distribuito da Believe.

 

Chi  Sono Iacopo Ligorio e le Canzoni  Giuste?

"Canzoni demenziali per persone intelligenti, canzoni intelligenti per persone demenziali."

Iacopo Ligorio nasce ad Ostuni, Puglia, nel Maggio del 1994. Il suo rapporto con la musica comincia sin da bambino. Polistrumentista e ispirato dalla musica dei grandi cantautori italiani, dai maestri del teatro canzone, sceglie di dedicarsi in toto ai suoi progetti cantautorali. 

 

Nel 2017 la famiglia si allarga: dall’incontro con Umberto Matera (batteria), Daniele Mammarella (chitarra), Bruno Contin (tastiere) e Flavio Piermatteo (sax) nasce una vera e propria band dal nome “Iacopo Ligorio & Le Canzoni Giuste”.

Con il nuovo nome, la band partecipa per la prima volta ad “Area Sanremo” con il brano “Nanni” e arriva in Semifinale.

Il testo della canzone “La Ballata Degli Sconosciuti” viene inserito nella terza raccolta “C.E.T. Scuola Autori di Mogol”. I testi de “La Ballata Degli Sconosciuti” e de “L’Odore Del Silenzio” sono tra i finalisti del concorso “Va In Scena Lo Scrittore”.

Da quel momento la band colleziona ottimi risultati in festival e concorsi: secondi classificati alla 25ma Finale Nazionale del “Festival della Melodia” con il brano “Nanni” e, ancora, finalisti FIM 2017 “Fiera Internazionale della Musica” ad Erba (Como).


La preziosa collaborazione con il cantautore Alberto Bertoli, figlio di Pierangelo, e l’esibizione in trio con Maurizio Solieri alla chitarra (storico chitarrista di Vasco Rossi) arricchiscono il ricco bagaglio di esperienze del progetto che, seppur giovane, ottiene in poco tempo degli ottimi riscontri.

 

Nel 2018 Iacopo Ligorio e band vincono la Finale Nazionale del 26° “Festival della Melodia” svoltasi al Rolling Stone di Sanremo, raggiungono la finale del premio “Pierangelo Bertoli” 2018 e vincono il concorso nazionale “Va in scena lo scrittore”.

Poco dopo pubblicano l’album “Talentopoli”, prodotto dall’etichetta MEA Recording Company e seguito da un tour ricco di date.

 

Gli ultimi mesi del 2018 vedono Iacopo e tutta la band approdare alla finale del programma TV IBAND (Mediaset), in onda su La5.

 

Il nuovo album “Per l’amor del cielo” è anticipato dai singoli “Ma perché mi insulti su Facebook? Comprati una macchina” e dall’omonima traccia “Per l’amor del cielo”.

 

Riferimenti musicali: Elio  e le Storie Tese, Caparezza, cantautorato italiano. 

 

Iacopo Ligorio e le Canzoni Giuste sono:

Iacopo Ligorio – Voce, testi, musiche, arrangiamenti, chitarra, basso.

Bruno Contin – Musiche, arrangiamenti, pianoforte, synth, cori.

Flavio Piermatteo - Sax, cori. Daniele Mammarella – Chitarre, cori.

Umberto Matera – Batteria, percussioni, octapad.

Andrea De Felicibus – Basso.

 

"Ma perché mi insulti su Facebook? Comprati una macchina" 
 https://www.youtube.com/watch?v=LslsjOlxzH8

"Per l'amor del cielo”

https://www.youtube.com/watch?v=xiC8Q5qhwpM 

Facebook:

https://www.facebook.com/Iacopoligorioellecg/

Instagram:

 

https://www.instagram.com/iacopoligorioellecg/

 

Paper Walls “Stringimi”
la giovane band torna in radio con un nuovo singolo 

 

 

Ritrovarsi nell’abbraccio di qualcuno anche quando ci si sente fragili, confusi e indifesi può fortificare. “Stringimi” racconta il bene e la sua capacità rigeneratrice. In un momento come questo  in cui si parla troppo spesso di amori malati, c’è la necessità di rievocare la bellezza di un sentimento, che mai dovrebbe essere causa di sofferenza e dolore. Ma che al contrario, nella sua forma più pura, è il rifugio per tutti i mali di questo mondo.  

 

Provenienti dalla soleggiata Puglia, quattro ragazzi sbadati ma pungenti, intraprendenti osservatori, simpaticamente critici, completamente differenti tra loro, accomunati dalla stessa passione, quella per le "note musicali". 

I Paper Walls nati nel 2010 da un’idea del chitarrista Nicola Renigaldo,  muniti di fantasiose melodie, accompagnate da testi realistici e irriverenti, raccontano le stranezze della società attuale lasciando trapelare nelle loro canzoni sempre risvolti profondi ed emotivi. Nonostante la loro giovane età riescono a dipingere un quadro chiaro e nitido della realtà' adoperando però sottili e divertenti sfumature. Hanno all’attivo più di duecento concerti. La loro uscita discografica datata Luglio 2018 con il brano “Senza uscita” ha raccolto numerosi consensi restando in rotazione radiofonica per sei mesi.

 

I Paper Walls:

Sonia Belvedere: Voce
Nicola Renigaldo: Chitarra
Antonio Di Lauro: Basso
Fabio Conoscitore: Batteria 

 

Facebook: https://www.facebook.com/paperwallsrock/
YouTube: https://www.youtube.com/user/PaperWallsMusic
Instagram: https://www.instagram.com/paperwallsrock/

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Rick Wesley, “Give me the night”

il sesto singolo dell’artista in promozione radiofonica

 

Give me the Night” è il sesto singolo di Rick Wesley prettamente in stile anni '80, scritto dallo stesso nel 2017 e realizzato in due versioni: Radio Edit e Extended Version. Il testo parla di un amico conosciuto in discoteca, ancora minorenne, con il quale aveva intrecciato un rapporto fatto di complicità e goliardia per condividere una vita un po' dissoluta e alternativa. Dopo un iniziale periodo di diffidenza, l'amico sembrava essersi adattato allo stile di vita che gli aveva proposto ma poco dopo, l'intervento della famiglia fece sì che si allontanasse da Rick.

 

 

Rick Wesley nasce nel 1980 sotto il segno dei Gemelli, nel sud Italia. Nel 2006 esordisce nel panorama della musica italiana con il singolo “Joseph in the Space”, seguiranno altri quattro cd singoli quali “Can you Feel” nel 2007, “Fallin in Love” nel 2008, “Together in Summer” nel 2010 e “Axel F” nel 2016.

Attualmente i singoli di Rick sono disponibili in oltre mille canali digitali in più di cento paesi nel mondo. Nel 2004 una comparsa nel film “Le Bande” del regista Lucio Giordano. Nel 2011 diventa concorrente ufficiale del reality show “La Masseria” in onda su Canale Italia Uno. Mentre nel 2013 diventa concorrente ufficiale del talent show “Sing Of Win Talent” in onda su Blustar TV. Nel 2019 Rick torna con un nuovo disco, il sesto, dal titolo “Give me the Night”.

 

https://www.facebook.com/rick.wesley.official.page/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Paola iezzi esce con il  suo  nuovo singolo

Un nuovo brano dall’enigmatico  titolo Gli Occhi Del Perdono

 

Gli occhi del perdono”, contenuto in un Ep dall’omonimo titolo, in uscita il 10 Giugno 2019 sul mercato digitale, è un brano electro-funk molto melodico di matrice pop, ed un beat dance estivo e incalzante che fa subito venire voglia di ballare.

L’Ep, disponibile per il mercato digitale, contiene anche la versione spagnola del brano dal titolo “Con mis ojos te perdono” e una versione ‘chitarra, voce e sax’ della celeberrima “Festival” del duo Paola & Chiara, ex duo della iezzi. Completano l’Ep tre fantastici Remix, genere “Deep House” pensati per il dancefloor ad opera della coppia di Dj e producer Atrim & Frankie Mancuso e dal team di Dj Hiisak (H Studio).

 

"Gli occhi del perdono" è scritto insieme agli autori Andrea Mariano (in arte “Andro”, noto componente e tastierista dei “Negramaro”) che è anche produttore della traccia insieme a Paola e al valente e talentuoso musicista Emiliano Pepe.

 

E’ un brano il cui testo piuttosto enigmatico, racconta e tratta il tema del perdono e del perdonarsi (tema già molto caro a Paola iezzi quando scrisse e pubblicò, nel 2009, il brano “Alone (io mi perdono)”.  

“Gli occhi del perdono” parla di una persona che sprona un’altra (oppure se stessa) a rialzarsi da un momento difficile, utilizzando la propria forza interiore e il credere in sé e nel proprio talento e potenzialità. Evitando di cadere nelle solite “cattive” abitudini che spesso ti allontanano dal senso che ciascuno di noi dovrebbe dare al proprio percorso di vita e al proprio futuro, carriera compresa.

 

Il ritmo e il ‘groove’ sono ‘disco’, incalzanti e, le armonie, nei ritornelli, sono aperte e  giocano quasi un accattivante contrasto con il canto che, invece, è sensuale, sommesso e sussurrato, come se una persona svelasse un segreto inconfessabile nell’orecchio a un’altra. “Non parlare con nessuno, non rispondere a nessuno…” recita il testo, come a non volersi fare troppo sentire dagli altri. Perché le persone, intorno, spesso non sono realmente interessate al tuo benessere, ma vogliono solo fare “gossip” vogliono solo sapere “perché diavolo stai male”. Il testo è come un invito a tenere per sé le proprie fragilità e a non raccontare troppo in giro i fatti propri con le proprie debolezze. Un tema oggi molto attuale, per via dei social network, dove spesso si dà sfoggio di qualunque tipo di emozione e sentimento, debolezza o forza, esponendo la propria interiorità alla mercé del mondo intero, spesso commettendo un errore imperdonabile. Perché forse certe cose vanno protette con cura.

 

A proposito invece della versione chitarra, voce e sax di "Festival" Paola dice: “Ho una grande voglia e necessità di ricantare e reinterpretare parte dei brani del mio “vecchio” repertorio con Chiara. Ho inaugurato questa ‘buona abitudine’ nel mio scorso progetto “Ridi” dove ho ricantato “Amoremidai” e ora, pian piano vorrei riaccostarmi con amore e rispetto a canzoni che ho scritto con mia sorella e che amo moltissimo. E sento che ora, a distanza di sei anni dalla chiusura del progetto ‘Paola & Chiara’, è arrivato per me il momento di farlo.”

 

La produzione esecutiva dell’Ep è di Paola iezzi

La produzione artistica è appunto affidata ad Andro insieme alla stessa Paola.

E’ mixato da Gianni Bini (Bini & Martini), già co-produttore in passato dell’album “Milleluci” di Paola & Chiara.

La copertina dell’Ep è come sempre firmata dal fotografo di moda Paolo Santambrogio e la parte grafica affidata allo studio milanese Monkey Business Creative Studio.

 

Bio dettagliata:

https://www.paolaiezzifanclub.com/bio/

Spotify

https://open.spotify.com/album/4fR6Hdm2X0LluQDJ6tTJFt

Links ufficiali:

http://www.paolaiezzi.com

https://www.instagram.com/paolaiezzireal/

https://www.facebook.com/paolaiezziofficial/

https://www.youtube.com/user/paolaiezzi

https://twitter.com/paolaiezzi

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

I Fall Has Come, l’internazionale band di rock alternativo 

 

“Main support” per il live dei Disturbed 

nella cornice dell’Arenile Romane di Bucharest.

 

 

I Fall has come è una band italiana di rock alternativo formata alla fine del 2014 da Enrico Bellotta (voce), Enrico Pascarella (chitarra) e Raffaele Giacobbone (chitarra),Mirko Nastri (basso),Salvatore Laurella(Batteria).

Nel 2015  registrano il loro primo album "Time to Reborn" che raggiunge ottimi feedback dai professionisti del settore.

Nel Febbraio 2016 hanno iniziato il loro tour in Spagna seguito poi da un tour in Italia e In Austria come supporto ai gallesi TigertailZ.

In ottobre 2016 inizia la loro prima tourne come headliner in Scozia.

In Novembre,supporto a Kiev in Ucraina ai KONGOS e a Dicembre in Russia a Mosca e San Pietroburgocome supporto agli YELLOWCARD.

Nel Giugno del 2017 opener della band storica gothic metal “Evanescence” a Bucharest.

Nel Dicembre dello stesso anno esce il secondo album dal titolo “Nowhere”.Da li seguirà un tour in Russia di spalla ai “Vanilla Sky” e svariati live in tutta Italia.

Attualmente confermati come “Main support” per il live dei Disturbed nella cornice dell’Arenile Romane di Bucharest.

 

https://www.facebook.com/fallhascome/

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Risposte è il nuovo singolo delle Dianime 

in promozione radiofonica e su tutti i webstore il nuovo singolo
delle tre ragazze dall’animo elettro-pop

 

Risposte” è il nuovo singolo delle DIANIME, tre ragazze che a colpi di chitarra, basso e synth mettono in musica le discussioni che non portano a niente, di quelle che capitano un po’ a tutti. Una canzone elettro-pop dal sapore eighteen che vede la produzione artistica di Marco Di Nardo, chitarrista e compositore della band Management (ex “del dolore post operatorio”), Universal Music Italia.

 

Registrato nel cuore delle montagne abruzzesi, all’interno dell’ex Convento delle Clarisse di Caramanico (PE) nell’ambito del progetto multidisciplinare “ControConvento”, il brano è impreziosito dal mastering di Giovanni Versari.

 

DIANIME è un progetto nato nel 2014.

Nel 2015 la band pubblica un EP dal titolo "Rivoluzione dell'anima".
Le sonorità delle sei tracce del disco spaziano dal rock all'elettronica, complici le molteplici influenze musicali dei componenti.
Dopo aver mosso i primi passi nel circuito musicale abruzzese, il gruppo colleziona la vittoria di 3 contest musicali locali (On The Rock Contest 2014, Pinetnie Moderne Music Contest 2014 e Summer Voice 2015), la partecipazione allo storico evento Rockascalegna 2014 e un primo tour tra Abruzzo, Lazio, Puglia e Marche.

Hanno diviso il palco con artisti di calibro nazionale (Diaframma, Umberto Maria Giardini, Giorgio Canali & Rossofuoco, Ex-Otago, Giuliano Palma, Margherita Vicario, Blastema, Sick Tamburo, Bugo, La Menade, Management del dolore post-operatorio) e internazionale (Alcest, Clan of Xymox).

Nel corso del 2016 sono stati inseriti in manifestazioni come il Maremoto Festival, nella stessa edizione di Lacuna Coil e Sud Sound System; il festival Mazzumaja, i cui protagonisti sono stati nomi di spicco del panorama musicale indipendente (Il Teatro degli Orrori, Giorgio Canali), “L’arte non è acqua” con i Marlene Kuntz e la Notte dei desideri di Ascoli Piceno, che ha registrato oltre ventimila presenze.
In quest'ultima occasione la band ha ottenuto una menzione tra le tre migliori esibizioni della serata.
Nel 2017 sono stati selezionati per le finali regionali di Arezzo Wave Love Festival. 
Il 12 Ottobre 2017 pubblicano in anteprima esclusiva per Roockerilla il videoclip del singolo "La Parte Peggiore", che anticipava  l'uscita del nuovo disco.
A Gennaio 2018 ottengono il primo posto tra le migliori band emergenti selezionate dalla redazione di Classic Rock Italia.
Attualmente il gruppo è al lavoro ad un nuovo album, che sarà realizzato in parte grazie ai contributi dei fan che hanno finanziato il progetto attraverso il crowdfunding sulla piattaforma Musicraiser.
La campagna di fundraising, infatti, è terminata con successo, raggiungendo il 124% dell’obiettivo.

 

Il 31 maggio 2019, dopo una lunga pausa dovuta ad un cambio di line up, pubblicano il nuovo singolo Risposte, che vede la produzione artistica di Marco Di Nardo (Management).

 

 

Ascolta il brano su Spotify
https://open.spotify.com/album/7jk692DbeSyK7lFqDGvcTQ

 

https://www.facebook.com/DianimeBand/

https://www.instagram.com/dianime_/

 

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Marco De Annuntiis
(Interbeat/ distr. Cinedelic)

 

Il nuovo singolo estratto dall’album Jukebox All’Idroscalo è Shavette

 

E a proposito di cinema e citazionismi “Shavette” è il rasoio che passa le vittime dei gialli di Dario Argento (“nessuno ci crederà ma ho cominciato a canticchiarla proprio mentre mi radevo”) e incastona il riff di “Enola Gay” degli Orchestral Manoeuvres in the Dark. I gialli che erano il pane dell'outsider per eccellenza creato dalla penna di Arthur Conan Doyle, di cui si narra una “Vita privata di Sherlock Holmes” con echi yéyé e gustosissima rotondità pop…

 

'Jukebox all’Idrogeno' di Allen Ginsberg è il libro che fu capace di ispirare Guccini da noi e continua a ispirare i Black Rebel Motorcycle Club nella California di oggi; l’Idroscalo di Ostia è il luogo del massacro di Pier Paolo Pasolini, ma anche quello in cui muoiono i protagonisti di 'Amore tossico' di Caligari. L’Idroscalo sta a Ostia come Ostia sta a Roma, come Roma sta a New York… è, simbolicamente e geograficamente, il luogo estremo, la periferia delle periferie delle periferie.

Ci si potrebbe fermare qui nel presentare “Juke Box all'Idroscalo”, il primo disco di Marco De Annuntiis. Ma ci perderemmo tutta un'epica stradaiola e citazionista, una mitologia alcolica, drogata, tabagista – ma pure eretica, colta e maudit – che fa di questo cantautore demodé un autentico outsider del tempo presente, in apparenza fuori tempo massimo, in realtà ipertestuale come pochi.

R moscia da nobile decaduto, inflessione romana che si accentua nei passaggi più emotivi, la produzione di un altro personaggio decisamente obliquo come Luigi Piergiovanni Rosybyndy e la pubblicazione inevitabilmente in vinile per la cinefila Cinedelic (“penso di essere l'unico cantautore dell'etichetta”): il tutto a sorreggere le dieci canzoni di un ragazzo di strada che la strada la conosce bene e ne canta i margini, ma senza tragedie, e la poeticità cruda, talvolta ripassata d'ironia.

La tracklist si apre con una riscrittura programmatica di un brano di Serge Gainsbourg (“Jukebox”), ad anticipare la magnifica “Come De André”, “non una canzone contro il cantautore genovese ma contro il 'deandreismo', lo svuotamento delle frange più estreme delle  sue canzoni”, nella quale l'intelaiatura di citazioni da Faber e l'innesto nel ritornello di “Psycho Killer” dei Talking Heads spiega al meglio tutto l'immaginario e il metodo De Annuntiis, il “Dandy di città”, come canta in un brano che è una vera e propria autobiografia fuori dai denti. Un dandy innamorato dei Sessanta, del beat, delle chitarre acidule a dodici corde dei Byrds e soprattutto dei Farfisa e degli organi dei Doors, che fanno da ossatura agli arrangiamenti “sostituendo pad, sintetizzatori, archi, e tutti quei tappeti da cui volevo emanciparmi”. Il tutto pensato perché possa essere ripreso integralmente dal vivo, “come se il produttore non abbia fatto altro che premere rec e stop sulla consolle”.

Sto male / male come un maiale / ed è sensazionale / la mia verticale / Sto male / ma mi sento speciale / quando bevo un cordiale / e torno normale” verseggia “Borderline”, anthem disperato e vitale in coppia con Ilenia Volpe fra omaggi agli amici scomparsi (“Conigli dappertutto”) e richiami all'“Amore Tossico” di Caligari in un “Blues della Renault” da manuale – “non è una canzone autobiografica, nel senso che non ho mai rubato né automobili né altro e non sono mai stato un tossico di strada a tempo pieno. Tuttavia conoscendo quel mondo non potevo non restituirlo e cantarlo”. E a proposito di cinema e citazionismi “Shavette” è il rasoio che passa le vittime dei gialli di Dario Argento (“nessuno ci crederà ma ho cominciato a canticchiarla proprio mentre mi radevo”) e incastona il riff di “Enola Gay” degli Orchestral Manoeuvres in the Dark. I gialli che erano il pane dell'outsider per eccellenza creato dalla penna di Arthur Conan Doyle, di cui si narra una “Vita privata di Sherlock Holmes” con echi yéyé e gustosissima rotondità pop.

 

Tuttavia se il citazionismo è sempre stato il tic nobilitante dei cantautori storici (“ho letto tutti i libri come De André”) ciò non vale per De Annuntiis, che prova a decostruire laddove la decostruzione non è solo un'intenzione musical-letteraria ma un marchio esistenziale e anti-borghese. “Ciò che cerco di fare io è smontare un linguaggio e rimontarlo in modi differenti, senza fare differenza fra segmenti lirici e musicali, per reinventare queste tessere in altri nuovi puzzle”. Così come si reinventano lui e i personaggi delle sue canzoni ricomponendo un repertorio di biografie distrutte in canzoni da opporre alla normalità e all'ordinario. Lasciando a chi ascolta la vibrazione e il lucore di vite morse fino in fondo.

 

 

Contatti:

 

Link video SHAVETTE

https://www.youtube.com/watch?v=MfmbD9xA7bo

 

INTERBEAT RECORDS

http://www.interbeat.it/

https://it-it.facebook.com/interbeatrecords/

https://www.youtube.com/channel/UCq2xKWDGTsnC8OP4Zn5nAvg

mail@interbeat.it

 

PROMOBEAT

https://www.facebook.com/promobeatitalia/

promobeat@mail.com

 

 

Mimosa Quello che più mi stupisce 

in radio il singolo che lancia l’Ep della giovane artista

 

In promozione radiofonica il brano tratto dall’Ep che porta lo stesso titolo.
Un brano essenziale che mette in risalto la ottima interpretazione e le doti della giovane interprete. 

Testo importante che si integra alla perfezione con un arrangiamento efficace e coinvolgente. 

Sicuramente un bel biglietto da visita per l’inizio di una nuova storia musicale del nostro panorama musicale italiano.

Mimosa, all’anagrafe Rachele Di Vaia, 21 anni, napoletana, studia teatro e canto

Prodotta da Gino Magurno, che scrive e arrangia le canzoni, esordisce con l’Ep Quello che più mi stupisce pubblicato dalla Interbeat. Oltre l’omonimo singolo, l’Ep contiene i brani, Non mi fermare, Sole e More music. 

 

Spotify
https://open.spotify.com/album/1WLPeyWcQ1SGf2q3KNui7E

 

Interbeat Records

Facebook
https://www.facebook.com/interbeatrecords/

Official Page
http://www.interbeat.it/

Contatti
mail@interbeat.it 

Promobeat

 

Giuseppe Novelli, Trentotto

 

Il medico cantautore che scrive di vita e di possibilità

di amore e di umanità

 

Le domande senza risposta ed i desideri che affiorano proprio il giorno del tuo compleanno. Il bilancio senza filtri di un ragazzo di 38 anni con la barba “sale e pepe” a cui iniziano a dare del “lei”.

In promozione il brano dal titolo Trentotto estratto dall’album Alti e colorati un disco di un pop d'autore pulito e sincero.

In rete anche il videoclip.

 

Chirurgo e cantautore. E la formula torna a ricordarci i grandi professionisti della storia della canzone d'autore italiana. Lui, marchigiano di nascita e di origini gelosamente custodite in ogni parola che canta, è Giuseppe Novelli, medico chirurgo ma anche e soprattutto cantautore per devozione. Ed è la devozione alla sua terra e alla vita in se che non risparmia tempo e spazio per concedere voce alla poesia che ha di dentro. Il suo terzo lavoro è “Alti e colorati” pubblicato la scorsa primavera per la Interbeat. E sono canzoni che a loro modo indagano sulle origini ed è proprio dalle origini dell'arte italiana di fare pop leggero si innalzano le le strutture portanti di questi 10 inediti anticipati dalla title track “Alti e colorati” .

 

Un disco a cui restituire il tempo dell'ascolto, che cura e coccola il significato delle parole e godere a pieno di quel piglio leggero con cui Novelli sa incastonarle dentro melodie pulite e senza presunzione di suono e di voce.

Nell'era dell'indie digitale tornano a restituire aria fresca e depurata dischi come questo che cercano nella semplicità il vero valore del peso poetico e cantautorale.

 

 

 

Facebook
https://www.facebook.com/GiuseppeNovellicantautore/
Official Page
http://giuseppenovelli.it/
Interbeat Records
Facebook
https://www.facebook.com/interbeatrecords/
Official Page
http://www.interbeat.it/
Contatti
mail@interbeat.it 

 

Promobeat

 

BIZZARRO"Amarsi a Tel Aviv”

il singolo in promozione radiofonica 


Viene dalla periferia romana. Ex pizzaiolo o pizzettaro, come dicono a Roma, si mette in gioco come un supplì in cerca d’autore. “Amarsi a Tel Aviv” è il suo secondo singolo ma già sta lavorando al suo album di inediti. Le sue influenze vanno dall’asiatica del ‘58 a Rino Gaetano, da Carlo Verdone ai Muppet’s, passando attraverso la serie TV Black Mirror. Scanzonato, trasandato, erotico (lo crede lui), divertente e depresso. In una parola sola: BIZZARRO. In poche parole: un trentenne di (su)ccesso.

Lui non esiste, oppure c'è ma non lo vedi, ama la pasta cacio e pepe e questo dovrebbe bastarti per sapere com'è; sei curioso? Lascia stare! Cos'è che ti fa star bene? L'idea di essere come vuoi? Perché non lo fai allora? Dipende da te! È Bizzarro? Tel Aviv è su Spotify, raggiungila all'indirizzo! Non cercarmi se non vuoi! Scrivimi, scrivimi, scrivimi...

Nel frattempo partira’ il 19 maggio dal “Marmo” di Roma, nell’ambito del prestigioso Spaghetti Unplugged, il suo primo minitour.

 

Facebook:
https://m.facebook.com/Bizzarro-2517536588263754/

Instagram:
https://www.instagram.com/bizzarro_official/

Trapano Dischi:

http://www.trapanodischi.it/

https://www.facebook.com/trapanodischi/

 

 

Promobeat 

 

Ruggero, Benedetta Musica 

 

in radio e sui principali webstore il quarto singolo estratto dall’album
“La Gente mi chiama Ruggero” 

 

 

Dopo “Il mio giorno fantastico”,“Canzone in La” e “Faccio Superman” arriva "Benedetta Musica”, il personale inno alla musica di Ruggero. Sostanza salvifica, terapeutica, onnipresente, multiforme, divina ed allo stesso tempo umana: benedetta. Il brano si fonda su una chiara ritmica funky e ricercati giochi di parole. 

 

Eclettico brano che, come ci ha già abituato Ruggero lascia un sorriso stampato sulle labbra, rimarcando la grande vena compositiva del cantautore non allineato alle logiche dell’industria discografica italiana, coerente con un  personale filo conduttore fatto di ironia e messaggi sottili all’interno di composizioni stilisticamente accattivanti e carichi di una coinvolgente forza . 

Il brano è accompagnato da un originale videoclip tutto da guardare e riguardare senza mai annoiarsi. 

 

Ruggero, al secolo Filippo Lazzari, nasce a Cremona il 3 gennaio 1993. A 19 anni, dopo aver conseguito il diploma di liceo scientifico si trasferisce a Firenze per frequentare l’università. Contestualmente approccia da autodidatta il pianoforte per poi prendere lezioni, qualche anno dopo, dal maestro Walter Savelli. Parallelamente agli studi universitari comincia a farsi notare esibendosi dal vivo in alcune feste private ed allo storico “Paszkowsky” di Firenze. Nel 2015 è la voce delle tappe toscane del tour del batterista internazionale Will Hunt, insieme alla band “Ossigeno”. Nel 2016 è ideatore e promotore dello spettacolo di beneficenza presso il teatro- cinema Sala Esse dal titolo “L‘isola che c’è”, che ha totalizzato il tutto esaurito. Contestualmente scrive e pubblica “Sassi turchini”, canzone che tratta il tema della disabilità. Da qualche anno anima i locali più esclusivi della Versilia e di Firenze con il suo One Man Show. Il 25 novembre 2017 fa uscire il suo primo singolo intitolato “Il mio giorno fantastico”. Il 17 febbraio 2018 esce il suo secondo singolo, dal titolo “La mia bambina”. L'11 Giugno 2018 esce "Canzone in la", tormentone suonato da molte radio nel corso dell'estate 2018. L'11 Gennaio 2019 è uscito "La Gente Mi Chiama Ruggero", il suo primo album di inediti. 

Facebook : https://www.facebook.com/lagentemichiamaruggero/?ref=bookmarks

Instagram:  https://www.instagram.com/spesso_ruggero/?hl=it

Youtube:     https://www.youtube.com/channel/UCtB4FTWRb7K6Mfb5E956_kg/featured?view_as=subscriber

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
 

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcocommunication.it

 

I Crabby’s , L’Uomo di Ieri, un brano per ognuno di noi 

Il nuovo singolo della band in radio e sulle piattaforme digitali 

 

L'uomo di ieri è un colloquio tra un soggetto e la sua anima. 

In un periodo storico in cui l’ansia e l’insoddisfazione raggiungono chiunque scalzando riflessione, meditazione e spesso anche la felicità, l'autore ha voluto rallentare il tempo per ristabilire la giusta via di comunicazione tra il soggetto e la sua spiritualità.

Il testo potrebbe essere interpretato come una storia d’amore tra due persone, in realtà evoca un ritrovato amore per se stessi.

Il brano è accompagnato da un Videoclip che sottolinea ancor di più il significato latente del testo.

L'ingresso nell'edificio dell'ex Aurum a Pescara, attraverso il suggestivo tunnel rappresenta l'inizio del viaggio introspettivo. 

Il cinema, che proietta le immagini del suo viaggio, rappresenta l'aspetto meditativo trascendentale, in cui l'essenza dell’uomo esce dal corpo e assiste da spettatore al viaggio rivelazione.

A metà del percorso il soggetto si riflette sullo schermo del cinema, divenuto uno specchio,  metafora dell'io riflesso, che lo assorbe e lo trasporta in una nuova dimensione, una dimensione artistica che rappresenta una delle personalità del soggetto.

In questo nuovo luogo il soggetto è libero di esprimere la propria creatività risolvendo in un urlo liberatorio che porta il brano verso la conclusione.

Il finale è un ricongiungimento con l'io bambino, che lascia aperta la porta alla speranza, alla possibilità di tornare a vivere il mondo come i bambini privi di sovrastrutture.

 

I Crabby's Nascono nel 2014 dalla collaborazione di Giuseppe D'Alonzo (Voce e chitarre), Daniele Gomena (Tastiere) e Domenico Di Michele (Batteria) che iniziano a lavorare su primi brani inediti in lingua inglese.

Negli anni si sono aggiunti Pierluigi Di Cesare al Basso e Manuela Limina alle voci.

I primi EP sono usciti in lingua inglese Rock Classico che affonda le radici nel Blues.

Man mano la Band matura verso uno stile Rock/PoP cantautorale che strizza sempre l'occhio al sound anglosassone/americano che è poi la grande passione dei Crabby’s.

In fase di realizzazione un EP tutto in lingua Italiana.

 

https://www.facebook.com/Crabbysmusic
http://www.crabbysmusic.com
https://www.instagram.com/crabbysmusic/
https://www.youtube.com/c/CrabbysMusic

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

I Metanoia  “L’equilibrio dei numeri primi”

dal 5 aprile sui principali digital stores l’album d’esordio della giovane band pop/rock 

Lanciato dal nuovo singolo L’arte di essere stessi, in  promozione radiofonica, arriva sulle principali piattaforme digitali e a breve , in formato cd, nei negozi di musica e dischi, l’album d’esordio dei Metanoia. Una giovane band che ha immediatamente suscitato interessi di pubblico ed addetti ai lavori già dall’uscita del primo singolo dal titolo Colombo. Un sound che abbraccia la scena indie-pop con i  piedi saldi su un indi rock dalle venature British. Strutture efficaci, ritmo che fa venir voglia di muoversi, una geniale e giovane energia con una brillante capacità compositiva. Un modo di fare musica bello e spensierato.


L’album è composto da otto brani, attuali ed interessanti che mettono in luce la passione e la modernità della band, capace di attrarre non solo un pubblico giovane ma chiunque percepisce all’interno delle composizioni una accattivante venatura rock.
Il disco vede la luce anche grazie ad una campagna di crowdfounding sulla piattaforma Musicraiser dove l’obbiettivo preposto, è stato raggiunto dopo una sola settimana a dimostrazione del grande affetto di fan ed amici . 

 

Sogni in un cassetto che non vorresti più aprire per paura che qualcuno te li possa rubare. Bisogna trovare una soluzione e quale migliore cosa se non quella di non sognare più, ma non sognare significa vivere una vita che non volevi, una vita che hanno scelto gli altri per te senza valutare i tuoi bisogni. Allora basta, non si può più rimandare. Alziamo la voce, gridiamo più forte contro chi ci vuole diversi .
Questa è L’arte di essere se stessi, il  singolo estratto  dal nuovo album dei Metanoia in rotazione su un ampio circuito radiofonico italiano. 

 

I Metanoia sono un gruppo Pop Rock nato e formatosi nel 2014 in Abruzzo.

Dopo l'uscita del loro primo EP, nel 2015, dal titolo “Metanoia”, una serie di brani cantati in italiano con influenze di carattere rock internazionale, pubblicano nel 2016 il singolo 

"I Postumi del Rock", brano strumentale della band con venature post rock e psichedeliche.

Tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017 la band cambia volto. Viene pubblicato il secondo singolo dal titolo "Aiuto" ed escono di scena lo storico chitarrista e bassista per far spazio a due nuovi componenti: il chitarrista Giuseppe Genua ed il bassista Riccardo Pizzuti.

I Metanoia iniziano così un nuovo percorso che li porterà ad un cambio di genere, dirigendo le loro sonorità verso il Pop Rock internazionale cantato in italiano. Il loro primo album, ”L'Equilibrio dei Numeri Primi”, pubblicato da  Artis Records Edizioni  Cramps Music


I Metanoia sono:
Voce: Enrico Romagnoli

Basso e cori: Riccardo Pizzuti

Chitarra, cori e tastiere: Giuseppe Genua

Batteria: Federico Capuani

 

https://www.facebook.com/Metanoiaitalia/

https://www.instagram.com/metanoiaitalia/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

 Experimental Jazz – The new classjazzpo, 

 nuovo album di  Marianna Fasone in arte Maryanna Phasone

 

L’album distribuito su tutti i principali digital stores accompagnato dal videoclip Rebirth su You Tube

 

Experimental Jazz – The new classjazzpo, il nuovo album della cantautrice e compositrice palermitana Marianna Fasone in arte Maryanna Phasone. Accompagnato  su YouTube dal  videoclip del brano “Rebirth”.

 

Prodotto dalla stessa Maryanna (FaMa Music International), e distribuito da Wondermark Advertising e The Orchard Music Distribution, è composto da sette braniquattro inediti e tre cover, “A night in Tunisia”, Round midnight” e “Crystal silence”, riadattate ed arrangiate da lei. 

 

Un disco in cui la cantautrice  ha voluto sperimentare e creare un jazz rivoluzionario rispetto al tradizionale, dando vita al ‘classjazzpo’, un ‘genere’ con cui si è rivolta  ad un pubblico più ampio, con l’obiettivo di avvicinare al jazz anche le persone che non amano particolarmente questo genere. Un insieme di conoscenze dalla  musica classica orchestrale, al jazz ed alle sonorità pop. Un bagaglio di esperienza musicale, recepito in tanti anni di studi e di pratica.

Il disco ha una doppia destinazione , il fisico sarà  venduto in Europa su Amazon completo delle cover, mentre l’album in digitale è distribuito in tutto il mondo in formato Ep contenente esclusivamente gli inediti.

 

Rebirth  è il singolo estratto  scelto intenzionalmente, per uscire in concomitanza con il nuovo lavoro discografico . Il titolo del singolo, e quindi l’album, evocano la rinascita, il cambiamento di stile, la rivincita. Purtroppo in ambiente musicale, e ancor di più in quello che riguarda prettamente il jazz, si assiste spesso a “deliri di onnipotenza” e ricerca esasperata di perfezione musicale, ben nascosti da una sottile finta umiltà; caratteristiche che Marianna  non tollera  e da cui prende  le distanze. Ma in tutto questo trambusto di emozioni, sentimenti contrastanti, rancori, rabbie, maldicenze, terre bruciate, e chi più ne ha più ne metta, può nascere anche l’amore, la forza per combattere e una nuova speranza. 

Facebook:
https://www.facebook.com/MariannaFasoneInternational
YouTube:
https://www.youtube.com/user/maryannaphasone
Twitter:
https://twitter.com/MariannaFasone
Blog/Altro Canale:
https://www.instagram.com/mariannafasoneofficial/

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
 

promoradio@dcodcommunication.it

 promostampa@dcocommunication.it

 

Pronti a vivere, il secondo album di Luca Mancino 

disponibile in tutti i principali digital stores

 

Arriva Pronti a vivere, il secondo disco del cantautore Luca Mancino ed è subito grande emozione.

 

Preceduto dai singoli che hanno fatto da apripista Pronti a vivere, Lasci sempre un segno , Nessuno che lo sa ed in ultimo Senza fiato, attualmente in promozione radiofonica, vede la luce questo progetto di altissima qualità sia per i contenuti dei testi che per gli arrangiamenti oltre che per l’accurata produzione. 

Il nuovo disco, si caratterizza per la sua eterogeneità dove ogni pezzo possiede una sua identità e un suo suono ben preciso.
“Pronti a vivere “ è un album che racchiude al suo interno brani con arrangiamenti qualitativamente elevatissimi con una particolare attenzione anche alla musica suonata ed ai testi tutti in italiano.
L'album è composto da 15 tracce, già disponibile  su tutti i webstore ma presto anche su cd fisico  in tutti i negozi di musica e dischi . Un prodotto che, proprio nella sua versione fisica, è stato oltremodo curato in tutti i dettagli in maniera quasi maniacale a dimostrazione di come fare musica sul serio porta a prodotti di livello assoluto.

Tracklist:

  1. Pronti a vivere
  2. Forse cambierai
  3. Baciami
  4. Cercati dentro
  5. Nessuno che lo sa 
  6. Lasci sempre un segno
  7. Con me davvero
  8. Oltre i limiti
  9. Ti ci vedi tu su un palco 
  10. Mi mancherai 
  11. Un nuovo giorno arriverà 
  12. L’ Amore
  13. Senza fiato 
  14. Sei 
  15. Il nome che hai

Prodotto da Domenico Pulsinelli , produzione esecutiva Luca Mancino, Etichetta Artis Records, Edizioni Cramps Music Srl

 

NEL WEB:

Facebook: https://www.facebook.com/LucaMancinoOfficialPage/

YouTube: https://www.youtube.com/user/LucaMancinoVideo

 

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
 

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcocommunication.it

 

Dario Margeli e le sue “Nuove prospettive”
in radio e sui principali digital stores il nuovo singolo del cantautore

 

Nuove Prospettive” è un brano in cui il chitarrista Phililp Ochelford, di Cambridge, suona la parte di chitarra in stile “The Cure” con una linea di basso molto intrigante, suonata da Yhousel Gonzalez. L'arrangiatore musicale, Fabrizio Selli, ha creato una bella sezione di archi con violini dal suono dolce che danno brio alla registrazione. La canzone parla degli sforzi da compiere per raggiungere quel che è positivo e buono per noi e rendere il cervello abituato a questo tipo di impegni, visto che tende a voler rimanere nelle situazioni che conosce meglio. Così dobbiamo convincere il nostro cervello ed incoraggiarlo ad immaginare prospettive migliori e risultati piacevoli, dobbiamo dire al nostro cervello che il nostro lavoro e la nostra vita ci piace

Il testo del ritornello cita: “Datti una mossa e assaggia la vita, cambia idea e prospettiva. Un nuovo mondo ti aspetta, se ti centri sulla bellezza”.

Link artista Sptotify
http://open.spotify.com/artist/7mxNhEknpLj1TyWByXLrlt
Su Youtube un simpatico lirico video. Il ritratto astratto della copertina è opera del pittore Prince Olick.

Dario Margeli è un cantautore la cui passione per la raccolta di rari dischi a 45giri ha fatto nascere un grande interesse per gli artisti italiani della fine degli anni '60 e dei primi anni '70. Si è emozionato ascoltando "Ancora Tu" di Lucio Battisti, ha pianto ascoltando le canzoni degli "Alunni del Sole", ha cantato nella doccia "Buona Domenica" di Antonello Venditti, e ha preso lezioni di cantautorato dall'ascolto di Lucio Dalla. Ha amato la delicata fragilità mediterranea delle registrazioni di Mango e Pino Daniele. Dario ha iniziato a scrivere canzoni e nel 2011 ha pubblicato il suo primo singolo "Quell'allegro Calore". Ha avuto successo con oltre 23000 visualizzazioni su YouTube con la sua canzone Buongiorno Fino A Quando Servo sull'essere insoddisfatti del sistema economico nella società di oggi. Nel 2013 si è interessato al miglioramento personale e agli insegnamenti del monaco buddista Pema Chodron e dell'insegnante spirituale Eckhart Tolle. Questa trasformazione si riflette nella sua musica, che diventa più calma e più spirituale e contiene messaggi positivi. Grandi chitarristi hanno partecipato alle sue registrazioni, come l'incredibile chitarrista inglese Philip Ockelford e ai sintetizzatori e polysynth il musicista Chippy e molti altri. Recentemente Dario Margeli ha pubblicato la sua musica su vinile sul sito discogs.com. Un sogno che si avvera dopo 10 anni di musica. Ora presenta la sua nuova canzone “Nuove Prospettive” che veicola molti messaggi positivi sull'essere coraggiosi e familiarizzare con ciò che non è consueto, avvalendosi di un sound rock indie moderno con suoni di batteria e chitarre in stile anni '80.

Facebook:
http://facebook.com/margelimusic
Instagram
http://instragram.com/dariointernet2
YouTube
https://www.youtube.com/user/dariomargeli

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play
 

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcocommunication.it

 

Emilio e il suo “Dico Bye Bye”

il nuovo singolo del cantante  siciliano Emilio Bellina in arte Emilio 

 

Emilio ritorna con un mood decisamente fresco per il suo nuovo singolo "Dico bye bye" brano che questa volta non porta la sua firma nel testo ma di due bravissimi cantautori (S.Magnani,S.Sacchi).

Il brano esprime voglia di evadere di staccare la spina dalla routine quotidiana e vivere a 360° lasciandosi dietro pensieri negativi e tutto ciò che non ci fa bene.

Il suo ritornello è molto semplice e melodico rimane facilmente in testa cosi da poter essere subito canticchiato , insomma il brano ha le potenzialità per poter essere un classico tormentone.

"Dico bye bye" ha anche un suo videoclip molto divertente in cui si è cercato di mettere in mostra il lato ironico del testo creando quasi una parodia della canzone stessa, il video interamente girato nella provincia di Palermo è stato realizzato da G. Gigliorosso (Regista), U.Flandina (Operatore video), M.Bellina(Aiuto Regista).

 

 

Emilio Bellina in arte Emilio nasce a Palermo (Sicilia) il 09/04/1982, la sua predisposizione per la musica e in particolare per il canto, si manifesta precocemente fin dai primi anni, comincia così la sua passione per la scrittura iniziando a  creare i suoi primi testi. 

La formazione è principalmente autodidatta solo in età più adulta decide di iniziare a prendere lezioni di canto.

Nel 2014 entra in contatto con un rappresentante dell' etichetta discografica Trecords con cui inizia a collaborare e a novembre del 2015 esce il suo primo inedito "Stai con me".

Nel maggio del 2016 esce il suo secondo inedito "Dove si va" un brano dal ritmo molto spedito,  una strofa decisamente movimentata che sfocia un un ritornello solare e orecchiabile.

Nel 2017 il suo primo Album "Atomi" dove l' artista si racconta in ogni singola traccia, Atomi brano che da titolo all' album entra in classifica Airplay come più trasmesso dalle radio nei mesi di marzo/aprile dello stesso anno.

Il 2018 è l' anno di due singoli e di collaborazioni per Emilio a febbraio esce "Tutto è possibile" in featuring con DoppiaElle rapper e amico .

Tutto è possibile è un brano molto solare in cui traspare tutta la voglia di "...non mollare mai...",di lottare sempre per quello in cui si crede anche se questo sembra irraggiungibile.

A distanza di pochi mesi esce "Mi viaje y mi destino" in duetto con Carla Andaloro cantautrice di Messina, un brano dalle sonorità dance/pop con un' influenza latina visto il ritornello in spagnolo.

 

              Inediti pubblicati :

• Stai con me (single 2015)

• Dove si va (single 2016)

• Atomi (Ep 2017)

• Tutto è possibile (single 2018) ft DoppiaElle 

• Mi viaje y mi destino (single 2018) ft Carla Andaloro

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Ruggero, un nuovo singolo da un nuovo album 

“Faccio Superman“ il brano che lancia il primo album  dal titolo 

“La gente mi chiama Ruggero”

 

In promozione radiofonica  “Faccio Superman” il nuovo singolo di  Ruggero.

Qualsiasi cosa tu faccia ci sarà sempre qualcuno che ti critica o cerca di smontarti: fregatene di quello che la gente dice o se non ti senti capace di fare qualcosa. Fai quello che ti fa stare bene e ti fa sentire realizzato. Ti senti Superman? Fai Superman!

 

Il brano fa parte del primo album del cantautore dal titolo "La gente mi chiama Ruggero”, otto brani che sono otto mondi apparentemente diversi tra loro, ma collegati da un filo conduttore che esamina i vari aspetti della personalità dell'artista: ironico, sognatore, romantico, talvolta malinconico.

 

Ruggero, al secolo Filippo Lazzari, nasce a Cremona il 3 gennaio 1993. Sin da piccolo dimostra una grande passione per la musica con un’ attitudine al canto. All’età di 12 anni frequenta un corso di chitarra classica, per poi abbandonare e dedicarsi personalmente allo studio dello strumento. In quegli anni inizia a comporre le sue primissime canzoni. A 19 anni, dopo aver conseguito il diploma di liceo scientifico si trasferisce a Firenze per frequentare l’università. Contestualmente approccia da autodidatta il pianoforte per poi prendere lezioni, qualche anno dopo, dal maestro Walter Savelli. Parallelamente agli studi universitari comincia a farsi notare esibendosi dal vivo in alcune feste private ed allo storico “Paszkowsky” di Firenze. Nel 2015 è la voce delle tappe toscane del tour del batterista internazionale Will Hunt, insieme alla band “Ossigeno”. Nel 2016 è ideatore e promotore dello spettacolo di beneficenza presso il teatro-cinema Sala Esse dal titolo “L‘isola che c’è”, che ha totalizzato il tutto esaurito. Contestualmente scrive e pubblica “Sassi turchini”, canzone che tratta il tema della disabilità. Da qualche anno anima molti locali della versilia con il suo pianobar. Il 25 novembre 2017 fa uscire il suo primo singolo intitolato “Il mio giorno fantastico”. Il 17 febbraio 2018 esce il suo secondo singolo, dal titolo “La mia bambina”. Il suo ultimo lavoro è "Canzone in la", tormentone suonato da molte radio nel corso dell'estate 2018. 

 

Link Social

FB: https://www.facebook.com/lagentemichiamaruggero/

IG: https://www.instagram.com/spesso_ruggero/

YT: https://www.youtube.com/channel/UCtB4FTWRb7K6Mfb5E956_kg?view_as=subscriber

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

Chrysarmonia: è uscito il video/singolo "I Know Who I Am"

 

I Chrysarmonia sono una band alternative rock/hard rock della Lombardia (Pavia, Milano). Il loro nome cerca di fondere le due parole chrysalis (crisalide) e armonia, “per simboleggiare una crescita artistica”. La band è formata da Vania Guarini (lead vocals), Davide Paggiarin (chitarra), Simone Pampuri (basso) e Fabio Chiappella (batteria).

Prossimamente uscirà l'EP della band dal titolo “Metamorphosis”, il quale contiene 5 tracce, 4 sono inediti e 1 cover degli Alter Bridge. Il 23 gennaio 2019 la band parteciperà al contest “Emergenza Festival” al Legend Club di Milano.

 

 

 

Presentazione del singolo "I Know Who I Am":

"I Know Who I Am" fa parte dell’EP “Metamorphosis”. Il singolo parla della rivalsa dell’essere umano, della libertà di espressione, del riuscire ad esaudire i propri sogni nonostante la società ci trattenga per renderci conformi agli standard.

È nato così di getto, durante un giorno in cui camminavo e il mio passo ha creato la ritmica del riff iniziale. Subito dopo ecco che cantavo “I know Who I Am”, secondo le parole della lead vocalist Vania Guarini.

 

 

Link al video: https://www.youtube.com/watch?v=xZmV0JOIkYs

 

 

 

 

Credits:

Produzione: After Life Music Dimension

Music and Lyrics: Vania Guarini

Videomaking: Silvia Carotti – ImagoEdit

 

Line up:

Vania Guarini (lead vocals)

Davide Paggiarin (chitarra)

Simone Pampuri (basso)

Fabio Chiappella (batteria)

 

 

https://www.facebook.com/chrysarmonia/

 

I nostri giorni migliori, il nuovo singolo di Nero 

dopo “Anche solo un secondo” continua la promozione radiofonica per il cantautore di Modena

 

Il nuovo singolo di Nero celebra un inno alla vita che si contrappone alla velocità e alla manifesta brama di popolarità dei nostri giorni.

Le immagini del video che accompagna il brano “I nostri giorni migliori” raccontano come nella nostra epoca sia difficile vivere con naturalezza, lasciando sempre più che siano i “numeri” a rappresentarci piuttosto che la nostra vera natura. 

Le bombe e i sogni non sono sempre prevedibili e, così come ci si alza la mattina e ci si accorge che il mondo ha un atteggiamento inatteso nei confronti di persone o cose, inizia per Nero la consapevolezza di cosa sia davvero l’amore e la possibilità di poter cercare nella semplicità delle cose l’essenza della felicità (“ ma ricreo la notte in camera ogni santo giorno’’).

Questo il senso della vita, il dinamismo che ci da la speranza e ci può aiutare a capire meglio il nostro tempo.

A volte basterebbero poche singolari caratteristiche , dal senso di appartenenza alla terra di origine all’idea di rendere ogni giorno “quello migliore” per godere a pieno di quei piccoli - ma fondamentali - dettagli che nel quotidiano tendiamo a dimenticare.

 

Francesco Ruggeri in arte NERO è uno studente modenese, nato nel 2000 sotto il segno del capricorno. Decide di seguire la propria passione musicale in giovane età, con lo studio della chitarra, presso l’Accademia di musica moderna a Modena. L’occasione di esibirsi con i fratelli Alessandro e Riccardo Bagagli, lo ha spinto a studiare canto.

L’incontro ad un’assemblea studentesca e la partecipazione ad uno stage musicale, cambiano radicalmente l’animo del neo cantautore iniziando un progetto musicale che sta costruendo “step by step”. Questo percorso lo ha portato alla produzione del suo primo singolo inedito:’’ Anche solo un secondo’’ prodotto da Ivan Russo & Michele Cammarota che ora  ha un seguito con un nuovissimo brano dal titolo I nostri giorni migliori.

 

https://www.instagram.com/nerofficialmusic/

 

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it
 

 

Fuoricentro “Piedi Gonfi”

un singolo sul tema della violenza #NESSUNOESCLUSO 

 

I Fuoricentro tornano con un singolo dal titolo “Piedi gonfi” (radio date: 13 dicembre), che ancora una volta tocca un argomento sociale importante, ovvero la violenza. Il brano della band milanese è stato anche scelto come colonna sonora del seminario “Violenza di genere e...in genere #nessunoescluso”, organizzato da FIRST CISL (Federazione Italiana Reti dei Servizi del Terziario), che si è tenuto nel capoluogo lombardo il 29 novembre e ha avuto tra i relatori l'atleta Ivana Di Martino. 

 

Con l'occasione è stato anche presentato ufficialmente il videoclip di “Piedi gonfi”, che viene così raccontato da Maurizio Camuti, frontman dei Fuoricentro: “È un brano che vuole mostrare la violenza sotto molteplici aspetti: psicologica, fisica, verbale. La violenza può colpire tutti, #nessunoescluso. Nessuno è escluso che sia gay, etero, donna, anziano, di colore, altre religioni: la violenza è circolare. Ognuno di noi percorre una strada che nel tempo ci porta ad avere 'i piedi gonfi': quest'ultima è una metafora che riassume le fatiche che dobbiamo affrontare costantemente nel gestire ciò che per alcuni è 'diverso' e crea talvolta rabbia e violenza negli stessi. La dignità di molti porta a camuffare con del 'profumo' tante sofferenze che all' olfatto spesso non vengono percepite. 

Basterebbe poco per respirare altro se solo ci ricordassimo come eravamo da bambini!”.

 

Band orbitante nel panorama rock milanese da parecchi anni con a capo il frontman  Maurizio Camuti che oltre che cantautore , di fatto, e' impegnato attivamente nell'attività sindacale,  attento e sensibile alle tematiche sociali odierne di maggiore attualità. 

 

Nel tempo citati con grande attenzione  dalla stampa nazionale e non solo  che si e' voluta occupare di un progetto musicale che vuole sperimentare attraverso testi e musiche tematiche che vengono sempre piu' spesso lasciate ai soli tavoli politici.

Con Pia Contessa hanno voluto parlare di Omofobia mentre con Milano (Patrocinata dal Comune stesso) hanno voluto rendere  omaggio ad una città laboriosa e bella da un punto di vista poco usuale  secondo gli stereotipi vigenti ed in ultimo "VALIGIE DI CARTONE" hanno voluto parlare di emigrazione da sud a nord. 

Il tutto attraverso una commistione di "colorate, emotive, spensierate, allegre, tristi, melanconiche, irriverenti" melodie miste a quei nostalgici, ironici, preoccupati ma speranzosi pensieri tipici di questo momento storico.

 

Provenienti da svariate esperienze musicali propongono e ripropongono un repertorio che li ha sempre distinti per originalita' e creativita'. 

 

https://www.facebook.com/fuoricentrofficial/

https://www.fuoricentrofficial.com

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

I Robin , Fammi volare
in radio il primo singolo del duo. Un brano che affronta  una vera storia di bullismo  

 

Il brano Fammi volare parla di una storia vera, di bullismo, quello che si innesca nelle parole crude dei leoni da tastiera, quello con cui tutti gli adolescenti più deboli ogni giorno combattono entrando nei loro canali social. Parla della voglia di realizzare i propri sogni che però svaniscono a causa di un dito puntato contro; della voglia di potersi sfogare con la persona più importante della vita, una madre, ma si ha paura che possa soffrire per il proprio male e quindi si preferisce scrivere tutto in un diario. 

Non si deve impedire a nessuno di provare a realizzare i propri sogni né tantomeno a lasciarli chiusi in un cassetto. “Mai, un cuore può restare chiuso in gabbia... MAI!”

 

Il duo Robin è composto da Antonino e Pasquale.

 

Antonino nato a Taranto, si avvicina alla musica fin da bambino partecipando alle selezioni dello zecchino d'oro e prendendo parte a cori ecclesiastici. In seguito entra a far parte come frontman di due cover band (MODA', MUSE). Il percorso si arricchisce nell'ambito del musical prendendo parte nei panni di Benvolio nella rivisitazione in chiave rock del ROMEO E GIULIETTA.

 

Pasquale nato a Matera, cresciuto a Gravina in Puglia. Amante dell’arte in generale scrive la sua prima canzone a 15 anni usando una chitarra e delle pentole come batteria registrando il tutto su una musicassetta. Col passare degli anni continua a scrivere canzoni e conservandole nel cassetto per dedicarsi ad un’altra arte, quella della danza, dove trova molte soddisfazioni lavorative. Nel 2014 conosce Antonino durante la produzione di un musical, dove debutta come cantante. Decide di far ascoltare i suoi brani ad Antonino e di farli cantare in diversi concorsi, riscontrando pareri positivi dalle giurie e ricevendo premi della critica e podio in classifica. 

Nel 2018 durante le prove di un brano inedito, Pasquale decide di cantarlo insieme ad Antonino così per gioco e da lì nascono i Robin. 

 

Essendo Pasquale un grande fan di Cesare Cremonini, l’idea del nome Robin nasce ascoltando una delle sue canzoni “Nessuno vuole essere Robin”. In questa canzone l’uomo si ostina a voler essere protagonista e a doversi comportare in un certo modo, quello imposto dalla società, come se fosse un copione, indossando una maschera, senza mai ammettere delle volte, di essere inadeguati, di essere soli. 

Una frase dalla canzone dice “Ti sei accorta anche tu che in questo mondo di eroi nessuno vuole essere Robin”, noi siamo pronti ad essere Robin e a far uscire tutte le nostre fragilità, delusioni ed emozioni, senza aver paura di sbagliare perché non siamo invincibili. 

 

Le influenze musicali sono differenti, Pasquale è amante della musica italiana, Cesare Cremonini, Carmen Consoli, Tiziano Ferro, Fiorella Mannoia, Franco Battiato ecc... Antonino invece, è influenzato dalle musicalità anni ‘80 quali i Toto, Duran Duran, Dead or Alive, Sandra ecc… 

 

https://www.facebook.com/robin.official.ita

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Francesco Curci – Non lasciarmi, il regalo di Natale 2018

 

Si intitola Non lasciarmi il brano inedito che Francesco Curci regala al pubblico per questo Natale 2018, disponibile in digital download e streaming dall’8 dicembre. Una canzone tenuta nel cassetto per molto tempo, di cui l’artista firma musica e testo, che racconta il dolore spesso provocato dal distacco da una persona che abbiamo amato, distacco «non solo fisico», ma anche «emotivo», perché «le relazioni iniziano e finiscono, ci si separa, ci si allontana, ma i ricordi restano indelebili dentro di noi, belli o brutti che siano».

Quale miglior occasione se non il Natale per lanciare un brano come questo: «Il Natale non è solo un momento di gioia, di euforia, ma anche di bilanci, di resa dei conti» ha dichiarato l’artista.

Una ballata tenera e nostalgica, a tratti struggente, che si muove su sonorità r’n’b/soul ed un sound anni ’60 classico ma contemporaneo.

«È stato un modo per ingannare l’attesa dei nuovi progetti che vedranno la luce il prossimo anno, una decisione presa in accordo con la mia casa discografica, un regalo per chi ha la pazienza di aspettarmi».

Non un nuovo singolo, dunque, che uscirà invece il prossimo anno, ma un progetto a sé, un omaggio, che accompagnerà le vacanze natalizie di tutti coloro che vorranno inondare i propri cuori d’amore. Impossibile non innamorarsene!

 

Cantautore e scrittore, Francesco Curci si affaccia al mondo della musica sin da bambino. Studia canto e pianoforte e partecipa e numerose kermesse nazionali. Nel 2013 vince il Premio della Critica “Miglior brano radiofonico” al Festival Estivo di Piombino con il brano Capirai, che resta stabile per un mese nella top ten della Absolute Beginners Radio Airplay Chat, la classifica dei brani più trasmessi dalle emittenti radiofoniche degli artisti emergenti italiani. Pubblica il romanzo La vita tra le dita e nel 2014 vince il Premio Letterario Internazionale città di Arona G.V.O.Z. con il racconto Volare. A gennaio 2018 pubblica il suo nuovo singolo, La gente che piace, e nell’estate firma un contratto di esclusiva discografica ed editoriale con Show in Action, con cui è attualmente a lavoro sul suo album di debutto. È laureato in Lettere Moderne e specializzato in Informazione, Editoria e Giornalismo. 

 

Ascolta “Non Lasciarmi” su Spotify:

https://open.spotify.com/album/1TJNhJICnyU53wqCejhsEr#upsell


Ascolta “Non Lasciarmi” su Apple Music

https://itunes.apple.com/it/album/non-lasciarmi-single/1445174897?app=music&ign-mpt=uo%3D4

 

Riferimenti social

FB: https://www.facebook.com/francescocurciofficial

IG: https://www.instagram.com/francescocurciofficial/

 

Tendenze social

#francescocurci #nonlasciarmi

 

Label e Management

Show in Action

Piazza Borgo Pila 40-52, Corte Lambruschini Torre B, 

16129 Genova

www.showinaction.it

info@showinaction.it

General Manager: Anna Maria Grassi

 

 

 

 

 

E’ uscito “Ok silenzio”, il nuovo album di Max Deste

 

Dal 3 dicembre 2018, “Ok silenzio” è stato pubblicato in forma digitale in tutte le piattaforme online. Il cd fisico lo si può ordinare sul sito dell’autore (www.maxdestefanis.ch) e nei principali punti vendita musicali.

Spotify:

https://open.spotify.com/album/3jiRWRZz3Au26nJG1itt6O?si=5SUuSHrjSdyCftH_isgNIQ

AppleMusic/iTunes:

https://itunes.apple.com/ch/album/ok-silenzio/1445550418?l=it

Deezer:

https://www.deezer.com/album/81035702?utm_source=deezer&utm_content=album-

81035702&utm_term=2303125084_1544000886&utm_medium=web

Amazon:

https://www.amazon.it/dp/B07L3Y3FRW/ref=sr_1_3?ie=UTF8&qid=1543936101&sr=8-

3&keywords=max+deste

Googleplay:

https://play.google.com/store/music/album?id=Bbmuofqmzpopc622tauyp3gpidi&tid=song-

Talafn4njlvsrmvs456kximdt2y&hl=it

 

Presentazione di “Ok silenzio”

L’ultimo lavoro di Max Deste, ispirato dalla pratica della meditazione, è dedicato a Chögyam Trungpa Rinpoché, uno dei più celebri lama tibetani, fuggito avventurosamente dalla sua terra natale durante l’occupazione cinese nel 1959, che ha adattato i preziosi insegnamenti della sua cultura a quella occidentale, dando vita al lignaggio Shambhala, di cui l’autore è membro, oltre che direttore di un centro molto attivo nella Svizzera italiana.

In questo concept album sulla condizione di crisi antropologica dell’uomo contemporaneo, in cui vengono cristallizzati dieci momenti della sua quotidianità, Max prende in esame la realtà per come essa si presenta ad una mente che per qualche attimo è sveglia, vale a dire pienamente presente e consapevole, non distratta da pensieri, ricordi e sentimenti negativi. In questi stati di “illuminazione”, seppure discontinui e di brevissima durata, il praticante intuisce la natura impermanente, illusoria e ciclica della vita, sperimentando l’emergere di uno stato di gioia primordiale, incondizionato, duraturo.

L’approccio meditativo del “toccare e lasciare andare” permette poi di scandagliare più in profondità sia le relazioni interpersonali che vanno dagli slanci romantici alle chiusure a riccio, sia la sfera più intima della persona, caratterizzata da emozioni che spesso ci avvelenano, non permettendoci di vivere in modo sereno. In questo personale manifesto per il nuovo millennio, il cui titolo “Ok silenzio” si configura come una sorta di mantra/password per accedere ad uno stato di benessere (inteso come assenza di sofferenza), l’artista denuncia quindi le logiche del consumismo compulsivo e del costante intrattenimento virtuale, alimentate da algoritmi sempre più potenti e invadenti.

Difatti, ogni giorno non solo corriamo assorbiti dalle nostre responsabilità sempre più incalzanti, ma ci vediamo anche sommersi da milioni di input ai quali non sappiamo più rispondere se non in modo superficiale, cerebrale, nevrotico. La frenesia e le distrazioni tendono dunque ad intrappolarci in un labirinto dal quale l’unico modo per uscirne e ritrovare una dimensione più umana è quello di rallentare e coltivare di nuovo il proprio cuore.

L’autore propone, nel susseguirsi delle canzoni, due possibili scenari per non diventare schiavi del materialismo e delle distrazioni che ci rendono analfabeti emozionali: il primo è quella di provare a fermarsi, ascoltare il proprio corpo e meditare, instaurando un legame di amicizia con sé stessi, apprezzandoci per quello che siamo. Il secondo è quello di amare il prossimo senza riserve, uscendo fuori dal proprio bozzolo che attutisce le nostre percezioni creando cortocircuiti mentali.

Sul piano musicale, infine, la generale impostazione elettropop d’autore risulta sapientemente contaminata da venature dance, folk, rock, funk e gipsy, in un costante dialogo tra brillanti chitarre e sintetizzatori analogici, che accentuano le molteplici atmosfere evocate dai testi.

Se vivessimo il quotidiano con meno distrazioni e più presenza mentale nelle cose che facciamo, e più consapevolezza nei confronti di tutto ciò che ci ruota attorno, la nostra esistenza risulterebbe certamente più piena, serena e amorevole”, secondo le parole di Max Deste.

Track list:

01 La ruota del tempo

02 Leggero

03 L’ombra della rete

04 Ok silenzio

05 Dove finisce il giorno

06 Sotto il letto

07 Nato in tibet

08 Disconnessa

09 Ancora estate

10 Danzare tra le nuvole

Canale Youtube:

https://www.youtube.com/channel/UCgKBLuRAh2IOPk1ju0x8zkg?view_as=subscriber

Weblinks:

Booking: mdestefa1@me.com

Management: info@maxdestefanis.ch

Testi e info: www.maxdestefanis.ch

Credits:

Testi, musiche e voce: Max Deste

Arrangiamenti: Roberto Colombo e Riccardo Di Filippo

Chitarre, basso e cori: Riccardo di Filippo

Batteria: Cristian Daniel

Tastiere e programmazioni: Roberto Colombo

Mix e master: Roberto Colombo @ Heaven Recording Studio

Foto copertina: www.fotolocatelli.ch

® Suisa

Line up live:

Max Deste (voce, chitarra/basso)

Roberto Panzeri (batteria)

Fabrizio Brioschi (chitarre)

Social:

Facebook profilo: Max Deste

Facebook pagina ufficiale: Deste

Youtube: Max Deste

Instagram: #maxdestefanis

Twitter: #maxdestefanis

Discografia:

. Ok Silenzio (album, 2018)

. Disconnessa (singolo, 2018)

. Dove finisce il giorno (singolo, 2018)

. Ancora estate (singolo, 2018)

. Danzare tra le nuvole (singolo, 2018)

. Segui il tuo respiro (reading musicale live, 2017)

. Show Suprise (reading musicale live, 2013-14)

. Neverdie, con i My Dead Mind (Ep, 2013)

. We are the same, con i My Dead Mind (singolo, 2013)

. Il tuo cigno è morto (Ep, 2013)

. Rumore primo (Colonna sonora teatrale, 2011)

. Solitaire, con i Bruit de Fond (Ep, 2009)

. Borderline, con i Bruit de Fond (Album, 2008)

Bibliografia:

Segui il tuo respiro (Romanzo, 2017)

Show Surprise (Romanzo, 2013)

Soldi (Pièce teatrale, Dvd, 2012)

Le metamorfosi (Trilogia teatrale, 2008-2011)

I giochi pubblici nella Roma imperiale (Saggio storico-pedagogico-didattico, 2007)

Chiarori in una notte senza stelle (Raccolta di poesie, 2006)

 

Una lettura di Fontamara (Saggio letterario, 2004)

 

Dario Margeli “Fluido"

il cantautore pubblica la sua  nuova canzone

 

Fluido è un brano pop-rock con un tono allegro e spensierato, ma con un testo edificante e motivazionale. Incoraggia l’ascoltatore a non avere un atteggiamento troppo rigido nei confronti nel mondo esterno. Più siamo flessibili verso le circostanze della vita, meglio possiamo reagire alle situazioni che dobbiamo affrontare.

 

La canzone ha un ritmo sostenuto. Le chitarre sono in stile new wave dei primi anni ’80, con una atmosfera mistica. Il ritornello è molto orecchiabile e fa venir voglia di essere cantato appena lo si ascolta.

 

Dario è stato costantemente presente nella scena musicale italiana sin dal 2011 quando ha pubblicato la sua prima canzone Quell’Allegro Calore. Nelle sue registrazioni ha sempre lavorato con i migliori chitarristi professionisti provenienti dagli Stati Uniti e dall’Inghilterra. I suoi testi parlano di miglioramento personale e hanno attratto su Facebook un buon seguito, soprattutto composto dalle persone che hanno trovato i suo messaggi molto utili e di ispirazione. Con il tempo ha dimostrato di essere un buon cantautore, in grado di trovare uno stile unico e inconfondibile. Ha avuto un breve successo in Italia dove il suo brano è stato usato in una campagna pubblicitaria della Sisley (Benetton) e di cui si è scritto sul sito Vice magazine, oltre ad essere passato in Radio sui canali più importanti, tra cui quelli della RAI.

 

Pagina Facebook: 

http://www.facebook.com/margelimusic

Canale YouTube

http://www.youtube.com/user/dariomargeli

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

 

 

 

Kory Walt Blek: è uscito il nuovo album “Moon"

 

Kory Walt Blek è un cantante, compositore, produttore e musicista di Campobasso. Il suo lavoro spazia tra il rock, il progressive, lo space rock con una forte influenza di musica classica.

Ispirato da artisti come David Bowie, Queen, Rolling Stones, The Who, Muse, Led Zeppelin, Pink Floyd e molti altri, inizia a comporre seguendo tali influenze. A Gennaio 2017 è uscito il suo primo lavoro in studio "Timeless", seguito dal secondo “Lu – The Album” disponibili su Itunes, Tim Music, Amazon, Google Play e in streaming su Spotify.

Presentazione di “Moon”

 

Moon” è il terzo lavoro in studio di Kory Walt Blek, un album con sonorità più pop/elettroniche, con influssi di musica alternative rock e progressive, per poi arrivare ad assaporare musica classica nella sinfonia finale. Un album dalle mille sfaccettature, nel quale si coglie a pieno il magico, strano e surreale mondo di Blek, con le sue atmosfere fiabesche.

“Moon”, come i predecessori, è un album in cui Blek fa tutto da solo, dalla composizione, agli arrangiamenti, alla produzione. Un mondo a parte, dove perdersi per non ritrovarsi più.

 

Ascolta adesso “Moon” in streaming su Spotify:

Spotify: https://open.spotify.com/album/0LxxElCIbeIJhzl9oWFSyz

 

Weblinks:

facebook:

https://www.facebook.com/realkorywblek/

iTunes:

https://itunes.apple.com/it/album/moon/1437667612

Youtube:

 https://www.youtube.com/watch?v=sjAh3Vv3yeg&list=PLUDLP07H9IFxcAmawd7eHNoiKloStsmTW

 

I Metanoia con il singolo Colombo 

in radio  il brano  del giovane gruppo pop rock italiano 

 

Colombo. Ha ll nome del più famoso degli esploratori  il singolo in versione radio edit dei Metanoia e  non poteva che avere come tema centrale il viaggio.  

Un Viaggio  come momento che segue  una partenza che porta ad una destinazione, ad un mutamento e ad una evoluzione, ma anche come un passaggio interiore attraverso se stessi. In ogni caso ad una crescita.

Un brano carico di freschezza che racchiude la filosofia del quello che si è fatto, di quello che si farà e di quello che sarà, insomma vivere davvero.
“non importa dove vai, l’importante è andare; per un altro mare, per un altro cielo, vivere davvero…”  

 

Con  le sue incursioni di testiere  abbraccia la scena indie-pop ma  tiene i piedi saldi in un indie-rock, con venature British, dal carattere internazionale.

Struttura efficace, così che tutti possano ricordarla, ritmo che fa venir voglia di cantare, una geniale energia e una chiara maturità compositiva.
Lampante esempio di  quando si  crede in qualcosa avendo la certezza che facendo musica  si  riesce a vedere la bellezza del mondo.


I Metanoia
sono un gruppo Pop Rock nato e formatosi nel 2014 in Abruzzo.

Dopo l'uscita del loro primo EP, nel 2015, dal titolo “Metanoia”, una serie di brani cantati in italiano con influenze di carattere rock internazionale, pubblicano nel 2016 il singolo 

"I Postumi del Rock", brano strumentale della band con venature post rock e psichedeliche.

Tra la fine del 2016 e l'inizio del 2017 la band cambia volto. Viene pubblicato il secondo singolo dal titolo "Aiuto" ed escono di scena lo storico chitarrista e bassista per far spazio a due nuovi componenti: il chitarrista Giuseppe Genua ed il bassista Riccardo Pizzuti.

I Metanoia iniziano così un nuovo percorso che li porterà ad un cambio di genere, dirigendo le loro sonorità verso il Pop Rock internazionale cantato in italiano.  In dirittura d’arrivo il loro primo album che ha già un titolo, ”L'Equilibrio dei Numeri Primi”, per Artis Records Edizioni  Cramps Music. 

 


I Metanoia sono:
Voce: Enrico Romagnoli

Basso e cori: Riccardo Pizzuti

Chitarra, cori e tastiere: Giuseppe Genua

Batteria: Federico Capuani

https://www.facebook.com/Metanoiaitalia/

https://www.instagram.com/metanoiaitalia/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Vanterrania: il suo album "Galaxies" fonde industrial, electro e rock

Giovanni Brancati "alias" Vanterrania, nato a Scicli (RG) il 14 Ottobre 1975, vissuto nel Catanese, diede inizio al proprio percorso artistico come chitarrista alla fine degli anni 80 collaborando con varie rock band.

 

La voglia di creare e sperimentare nuovi suoni ha portato l’artista a comporre diversi album che sono come “colonne sonore”(“Mysterious” ed “Electronix” entrambi del 2016). In questi album Vanterrania ha fatto prevalere un uso dell’elettronica alquanto psichedelico, un uso dell’elettronica tanto contaminato dall’influenza di diversi stili musicali, ossia punk, rock ed industrial.

Presentazione di "Galaxies"

Vanterrania compone, suona e produce l'album "Galaxies". Questo album è stato suonato con sequencer, synth e chitarra. Nel proprio studio nel Catanese Giovanni Brancati inizia e conclude l'intero lavoro ed il 01 Settembre 2017 tale disco viene pubblicato e distribuito nei principali store digitali.

“Galaxies"

 

Release date: 1/09/2017

Genere: industrial, alternative rock, ambient, electro

link per l’ascolto in streaming:

Spotify: https://open.spotify.com/album/7I0w9wPXuF8oXxCurjxWoU

Soundcloud: https://soundcloud.com/vanterraniaofficial/sets/galaxies-5

 

 

 

 

 

 

Track list:

01) Space

02) Galaxies

03) Clouds

04) System

05) Fires

06) Dark Dreams (Remix)

07) The Fox

08) Carillon

09) Green

10) Wonderland

weblinks:

 

iTunes: https://itunes.apple.com/us/album/galaxies/1279604889

Google play: https://play.google.com/store/music/album/Vanterrania_Galaxies?id=Bf45hyealpfimykogeve62ktlha

Amazon music: https://amzn.to/2CaRFEr

Facebook: https://www.facebook.com/GiovanniBrancatiOfficial/

Twitter: https://twitter.com/Vanterrania

Google+: https://plus.google.com/u/0/+GiovanniBrancatiVanterrania

Website: http://vanterrania.altervista.org/

 

Official blog: http://giovannibrancati-vanterrania.blogspot.com/

 

Fre e il suo singolo Da grande 

in promozione radiofonica il brano dell’artista modenese 

Fre (Francesca Salvati) è nata il 19 Aprile 1978 a Modena. Fin da piccola era evidente la forte passione per il disegno e la musica. I genitori pasticceri, pur non avendo dimestichezza negli argomenti, assecondarono positivamente le sue attitudini mandandola a undici anni a lezioni private di pianoforte e a quattordici all’Istituto d’Arte della sua città. 

Le due strade artistiche proseguono parallele. Durante l’adolescenza disegna, impara ad amare la musica sempre più ed inizia a scrivere, più che canzoni, pensieri in rima.
A 19 anni, immediatamente al diploma, Fre trova lavoro come grafica pubblicitaria che, condita con altre specializzazioni come illustratrice, video maker, character designer, ecc…, rimane tutt’ora la sua professione ufficiale.
Sempre in quell’anno, insieme a tre amici, fonda una band in cui decide di suonare il basso elettrico. La curiosità diventa subito amore e in poco tempo impara tecniche e dinamiche dello strumento.

Dopo un paio d’anni di covers rock soprattutto italiano, alcuni membri cambiano, il gruppo si trasforma e decide di scrivere pezzi inediti…  nascono i Tiratori Scelti.
Pur non essendo la cantante (la voce è maschile) e rimanendo sempre sul genere rock italiano, Fre scopre con piacere di cavarsela bene come autrice e di avere un sacco di cose da dire, quasi metà del repertorio è di sua produzione ma ogni arrangiamento è comunque sempre frutto dell’estro di ogni membro della band.
Per quattro anni cercano di far conoscere la propria musica tra esibizioni e concorsi, in cui spesso e volentieri ottengono primi posti e riconoscimenti. Si ritrovano alle selezioni di San Remo Giovani, San Remo Rock e Castrocaro, ma come purtroppo spesso accade, nel momento di maggior impegno qualcosa si rompe e il gruppo si scioglie.

Fre passa una decina d’anni in cui esce un po’ dal giro, continuando comunque ad ascoltare, suonare e scrivere. Lo fa puramente per se stessa, perché ne ha bisogno, perché quando le accade qualcosa di forte e importante invece di raccontarlo o di scriverlo in un diario lo esprime col disegno e le canzoni. E qualcosa di importante le è accaduto: è diventata mamma di due maschietti e loro sono diventati una delle sue maggiori ispirazioni. Il modo di scrivere e gli argomenti cambiano, si evolvono e maturano con lei.
Ma la musica le scoppia dentro e non riesce più ad accontentarsi di scrivere, arrangiare e registrare in solitudine, quindi torna allo scoperto e si rimette in gioco. Prende lezioni di canto,  si diletta interpretando brani Blues/Soul internazionali, e intanto realizza due video casalinghi, li mette su internet e a ormai quarant’anni torna in pista per far conoscere la nuova Fre e la sua nuova musica.

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

STEVE, il nuovo bassista della punkabilly band Nikk & The Bad Boys

 

Steve, personaggio di spicco della scena underground veneta, già membro di altre band locali entra come bassista nella line-up della punkabilly band Nikk & The Bad Boys. Sarà impegnato con la band nella stesura e nella registrazione del nuovo lavoro discografico che sarà anticipato da serie di concerti e da un tour che vedrà la band esibirsi in tutta la penisola e oltre i confini nazionali. Il video singolo estratto sarà “Party Into The Crypt” regia di Tobia Berti.

 

Biografia:

Nikk & The Bad Boys è il progetto di Nikk Reds e M rock nato a Venezia 2017. Un mix di Punk/Rock’n’Roll, una macchina del suono che non lascia scampo. La musica Nikk & The Bad Boys ricorda band come "The Cramps", "Dead Kennedys", "The Ramones”. La loro sezione ritmica è formata da un pesante suono di batteria proveniente dalla scuola Stray Cats con linee di basso dall’atteggiamento punk. Riff di chitarra pieni, un sound scuro new vintage ti introdurrà in una dimensione horror creando un pad perfetto per la voce melanconica di Nikk Reds.

 

Nikk& The bad Boys” il primo Ep omonimo di debutto è uscito a Marzo 2018. I testi fanno riferimento alla realtà contornata da feste alcohol e divertimento ma allo stesso tempo dagli incubi e incertezze della vita stessa. Contiene quattro tracce, di cui un tributo ad una delle più celebri canzoni di Eddie Cochran “C’mon Everybody”,il tutto registrato mixato e masterizzato presso il Sonic Box Recording Studio. La band sta attualmente suonando per promuovere il nuovo disco in concerti prenotati per tutto il 2018. Sono stati scelti come Band di apertura per il tour italiano delle Australiane Tequila Mockingbyrd maggio 2018. Ma la storia continua !!!

 

Imminenti concerti:

17/10 Live Monfalcone (Gorizia)

https://www.facebook.com/events/466178150569856/

27/10 Live Krach Club (Monastier Treviso)

https://www.facebook.com/events/206021540146562/

31/10 Live EL NUEVO MUNDO (Marcon Venezia)

https://www.facebook.com/events/1954694928163034/ 

 

Line up:

NIKK: voce, chitarra

M ROCK: batteria

STEVE: basso

Miss VIOLENT VICKY: cori

weblinks:

facebook:

www.facebook.com/NikkandTheBadBoys

youtube:

NIKK & THE BAD BOYS "Horror With The Phantom":

 

https://youtu.be/dZZyT4MD-JI

 

Nero, Anche solo un secondo 

in radio il primo singolo del cantautore modenese 

 

In promozione radiofonica il singolo dal titolo “Anche solo un secondo” di Nero

Un brano  che racconta  una storia d’amore passata, terminata bruscamente che ha portato l’artista a esternare tutto il suo animo sensibile in queste dolci parole che, passo dopo passo raccontano come ci si può sentire a seguito di un cambiamento.

Il videoclip che accompagna il brano è di grande impatto emotivo e mette a fuoco quella illusione, oramai solo un amaro ricordo. 

 

 

Francesco Ruggeri in arte NERO è uno studente modenese, nato nel 2000 sotto il segno del capricorno. Decide di seguire la propria passione musicale in giovane età, con lo studio della chitarra, presso l’Accademia di musica moderna a Modena. L’occasione di esibirsi con i fratelli Alessandro e Riccardo Bagagli, lo ha spinto a studiare canto.

L’incontro ad un’assemblea studentesca e la partecipazione ad uno stage musicale, cambiano radicalmente l’animo del neo cantautore iniziando un progetto musicale che sta costruendo “step by step”. Questo percorso lo ha portato alla produzione del suo primo singolo inedito:’’ ANCHE SOLO UN SECONDO’’ prodotto da Ivan Russo & Michele Cammarota.

 

https://www.instagram.com/nerofficialmusic/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

La mia fortuna , il singolo di Borasio 

in radio il singolo dell’artista piemontese 

 

La mia fortuna è il singolo di Borasio. Con la sua voce incisiva ed un brano fresco e coinvolgente, l’artista si presenta al mondo radiofonico. Un brano pop colorato ed istantaneo che mette in risalto le caratteristiche di Borasio e la sua notevole preparazione canora. Serietà e passione per la musica nella sua eccezione più genuina , naturale e viva. 

 

 

Giuseppe Borasio nasce a Torino , il suo amore per la musica inizia alla giovane età di 14 anni, periodo in cui prenderà lezioni di chitarra subito seguite da quelle canore. Nella sua carriera artistica vanta collaborazioni e apparizioni televisive considerevoli. Si esibisce nel programma canoro ''Sogni'' in onda su Rai1, e appare in qualità di corista in programmi noti come ''Che tempo che fa''. Giuseppe un'artista a tutto tondo, inoltre consegue il diploma presso l'Accademia Attori di Rivoli incominciando a recitare in varie commedie. Nel settembre 2011 frequenta il corso di perfezionamento di canto presso la ''The Collective School'' a New York con la performer internazionale Susan Didrichsen. Successivamente partecipa ad una tournée gospel facendo tappa in tutta Italia. Nel Gennaio 2017 incontra il noto produttore italiano David Marchetti e proprio con lui da inizio ad un progetto musicale comprendente la pubblicazione di tre singoli.

 

https://www.facebook.com/giuseppe.borasio

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Parte il Tour Europeo degli Ummo!
Dal 26 Settembre la band varcherà i confini italiani

 

 

Al via il Tour Europeo 2018 degli Ummo. La band presenterà in otto date (Repubblica Ceca-Slovacchia-Polonia-Ungheria) il proprio repertorio con in aggiunta i brani inediti del secondo album in uscita nel prossimo autunno. Per questo importante appuntamento gli Ummo saranno accompagnati dalla giovane band pugliese pop/rock Paper Walls

 

Gli Ummo sono un gruppo fondato nel 2012 con la volontà di sperimentare attraverso i “melmosi” territori rock con l'obiettivo di proporre la propria creatività con forza ed accattivante genialità. 

 

Questa è la line up della band :

Cristiano Romanelli (voce-tastiere-pianoforte)

Davide Colleluori (chitarra-cori) 

Federico -“Bubba”- Di Simone (batteria-cori)

Gregory Coniglio (basso)

 

Il suono degli Ummo è vigoroso e soprattutto creativo, un percorso che con il nuovo singolo Plastica, (https://youtu.be/RiNoGuwIDBE) in promozione sul circuito radiofonico italiano dal mese di giugno, evidenzia ancora una volta l'idea di base del gruppo: creare musica che abbia la capacità di andare oltre, fondendo influenze ed essenze rock con il risultato di un prodotto singolare che li contraddistingue in modo chiaro ed univoco. 

Assolutamente tra i gruppi più interessanti del panorama indipendente italiano gli Ummo ruotano attorno ad un perfetto amalgama di musicisti provenienti da diversi generi: pop,  rock, metal e addirittura classico, un vero esempio per tutti coloro che si confrontano con le contaminazioni. Il nuovo disco, in fase di missaggio, è un disco dalle larghissime vedute, guarda al futuro ma si “avvinghia” essenzialmente al rock, dove il rock è in grado di diventare qualsiasi cosa, libero da ogni tipo di preconcetti, con irruenza e passionalità.

 

Dal vivo tutto il valore della band acquista maggiore potenza, soprattutto creativa, portando l'ascoltatore fino all'apice e poi oltre di esso. Un vero stato mentale art-rock.

 

I Paper Walls, che apriranno i concerti, si sono formati nel 2010 da un’idea del chitarrista Nicola Renigaldo. Muniti di fantasiose melodie, accompagnate da testi realistici e irriverenti, raccontano le stranezze della società attuale lasciando trapelare nelle loro canzoni sempre risvolti profondi ed emotivi. Nonostante la loro giovane età riescono a dipingere un quadro chiaro e nitido della realtà, adoperando però sottili e divertenti sfumature. Hanno all’attivo più di cento concerti ed attualmente sono in studio per il loro primo album. 

 

I Paper Walls:
S
onia Belvedere (Voce)
Nicola Renigaldo (Chitarra)
Antonio Di Lauro (Basso)
Fabio Conoscitore (Batteria)

http://www.ummoband.com
https://www.facebook.com/ummoofficial
https://www.youtube.com/channel/UC6DbkLzxa50bhEcbpMiK9UA

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

Fermare il mondo ” il nuovo singolo  di Giulia Provvidenti  

 la cantante friulana torna in radio con un nuovo brano 

Giulia Provvidenti approda in radio con “Fermare il mondo”, singolo che porta la sua firma  per il testo e quella di David Marchetti per la musica. Prodotto dalla Ghiro Records è uscito con il videoclip ufficiale già in dicembre 2017. Una sfida lanciata dalla giovane interprete di Gorizia che si mette in gioco con la sua energia la sua voglia e la sua grande passione per la musica. 

 Giulia Provvidenti nasce a Gorizia il 10/02/1999. Proviene da una famiglia di musicisti e all'età di 6 anni inizia a frequentare la scuola di musica Roland (attuale GoMusic) suonando musica classica al pianoforte con il M° Giorgio Magnarin. A 10 anni abbina al pianoforte anche il canto, ampliando il repertorio anche con la musica moderna. Canta per diversi anni con il coro sloveno e si sono perfeziona con l'insegnante Lisa Salustri cantando sia canzoni italiane sia inglesi. 

 A febbraio del 2014 ho fatto il mio primo piano bar da solista in cui si diletto tutt'ora con canzoni dagli anni '60 fino ad arrivare ai giorni nostri e partecipa a diverse manifestazioni per varie raccolte fondi. 

Nel ottobre 2016 esce il primo singolo “Dimmi chi sei” con il videoclip ufficiale. La canzone è stata trasmessa in più di 20 emittenti radiofoniche italiane ed è stata nella top 30 dei brani più trasmessi da radio Margherita. 

Nel febbraio 2017 ha tenuto un concerto a Roma, dove è stato presentato ufficialmente il primo singolo. 

Da maggio 2017 segue le selezioni di Miss Alpe Adria come accompagnamento musicale, la finale si è svolta al casinò Perla di Nova Gorica. 

Durante il tempo libero scrive anche poesie e testi. Ha partecipato al concorso letterario “Voci di donna 2016” organizzato dalla provincia di Gorizia vincendo il premio come migliore del mio polo.

https://www.facebook.com/GiuliaProvvidentiOfficial/

Videoclip 

https://youtu.be/5qbn3c6AKNA


Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcocommunication.it

 

Alexis, è uscito il nuovo singolo “I Need You Tonight ”

 

Dopo il lancio del nuovo progetto di Alexis esce il nuovo inedito dal titolo I need you tonight. Questo forse è il pezzo più completo di un artista che si sta facendo notare per l’originalità, la freschezza e l’energia genuina che propone. I need you tonight propone linee melodiche ammalianti, linee melodiche che hanno il sapore del dream pop, tra l’altro. Infatti, quello che Alexis propone con questo singolo è un pop rock che sembra tendere verso il dream pop con sonorità alquanto luminose che abbracciano letteralmente l’ascoltatore.

 

Alexis propone continui step evolutivi, pubblicando una serie di singoli, prodotti insieme a Lu Sardellitti, Gio Dwane Compagnone e Nick Watson, tre dei produttori più talentuosi e meno inflazionati della Penisola (Ricordiamo le produzioni dell’ultimo con artisti del calibro di Coldplay, Iron maiden e Radiohead).

Link al video: https://www.youtube.com/watch?v=exRVIMhM8kA


Credits:

Video subject: Alexis

Regia e montaggio: Iris Film Production

Testi e musica: Alexis / Gio Dwane Compagnone

Prodotto da: Art space studio Brixton, UK

Mix & Master: Nick watson

Female Actor : Federica Fanella

Bikers : The Criminals

 

 

 

 

Biografia:

Alexis è un cantante pop rock dalle molteplici contaminazioni. Questo artista trae ispirazione dalle nuove influenze pop rock elettroniche coadiuvandone l’utilizzo di chitarre e amplificatori vintage, oltre a tastiere Rhodes, sintetizzatori e altri strumenti electro. Alexis ha registrato il suo primo EP contenente quattro brani a Londra, Brixton, nel Regno Unito presso lo studio Artspace nel febbraio 2018.

Line up:

Alexis

Lu Sardellitti

 

genere:

pop rock/dream pop

Contatti:

 

Facebook: https://www.facebook.com/OfficialpageAlexis/ 

Youtube: Alexis Official

Info Live&ookng : info.aflive@gmail.com

 

AF live Management : 348.6558586

 

Come altalene è il singolo di Erica 

in radio il coinvolgente brano della cantautrice toscana 

 

“Come altalene” è la rappresentazione di momenti di vita quotidiana dove le persone si incontrano e si scontrano con le proprie personalità, da ciò la necessità talvolta di rifugiarsi in un proprio mondo (Albero) da cui riflettere e guardarsi intorno.

 

“…come altalene a due posti si alternano e oscillano a volte si incontrano si scontrano e siamo l’incastro perfetto in questa realtà… “ .

 

Un brano  per chi non ha fretta, da ascoltare con luce  fioca e ambrata, comodamente, prendendosi tutto il tempo necessario  Una canzone intima  che scivola all’ascolto  ed entra  nella mente dell’ascoltatore. Una delicata capacità creativa accompagnata da una voce calda ed accogliente .

“…e se viviamo su un albero è perché c’è un mare di ghiaccio che copre i rumori lontani da qua…”. 

 

Erica Taci, in arte Erica, nasce a Firenze il 06/11/1998, avendo avuto una vita difficile dopo la brusca separazione dei suoi genitori si rifugia in un mondo fatto di parole e suoni, da cui scaturisce la sua passione per la musica. Dai 6 anni inizia a comporre testi di canzoni che col trascorrere del tempo  rispecchiano una visione più matura della propria realtà. 

Dai 13 ai 18 frequenta corsi di canto e scrittura. 

Scrive musica e testi in inglese e italiano accompagnandosi al pianoforte. 

 

https://www.facebook.com/musicerica/

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Cherry e il suo primo singolo, “Farfalle” 

in radio e sui principali digital store il singolo della giovane artista friulana 

Farfalle” è un brano istantaneo e fresco che contiene un messaggio positivo. Cherry, attraverso la musica, è riuscita a sconfiggere  un grosso problema, l’anoressia. Il testo è scritto da  Cherry con la  musica di  David Marchetti, mentre  l’arrangiamento è opera di Massimo Passon. Con questo brano Cherry vuole dare un messaggio di speranza e positività a tutte le persone che soffrono di questa drammatica patologia e si augura che attraverso questa canzone qualcuno riesca a guarirne. Il brano ha dato anche il via ad un progetto Editoriale con la pubblicazione, prevista per il prossimo Natale, di un libro  scritto da Cherry dedicato alla sua vita e alla problematica  molto presente nella società odierna.

 

Chiara Toso, in arte Cherry, nasce 26 anni fa a Udine. Cresce in un paesino del medio Friuli e fin da bambina sviluppa una particolare attitudine per l’arte. All’età di 11 anni inizia a suonare da autodidatta il pianoforte, insieme alla sorella Greta. Attratta anche dal mondo dell’arte figurativa disegna spesso a mano libera anche sulle pareti di casa. Da ragazza simpatica e sportiva all’età di 14 anni viene colpita da una importante forma di anoressia nervosa. Trascorre gli anni dell’adolescenza e della prima giovinezza frequentando il liceo scientifico, ma nel frattempo la malattia peggiora. Verso i 17 anni inizia lentamente a sentirsi meglio, anche se il disturbo è ancora presente. Grazie alla sua bella presenza viene richiesta per vari servizi fotografici come fotomodella. All’età di 25 anni venne notata dal produttore David Marchetti in  un karaoke mentre cantava. Il produttore viene colpito particolarmente dal timbro vocale e dalla capacità di interpretazione. Su richiesta del discografico, inizia a registrare dei provini in studio e alla fine nasce in lei l’idea di poter realizzare qualcosa di suo. Finalmente attraverso la musica incomincia a sentirsi meglio e così l’artista decide di impegnarsi e scrivere raccontando la  sua triste esperienza. 

 

 

 

 

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

promostampa@dcodcommunication.it

 

Max Deste, è uscito il nuovo singolo “Dove finisce il giorno”

 

Dal 5 settembre 2018, Dove finisce il giorno è su tutti gli stores online. Il nuovo singolo del cantautore Max Deste, con il quale partecipa alle selezioni di Eurovison song contest 2019, anticipa l’uscita dell’album “Ok Silenzio” il 24 novembre (in prevendita sul suo sito).

Il testo, ispirato dalla mindfulness, è un invito a vivere il presente con meno disattenzione, in una fase storica in cui la tecnologia sembra prendere rapidamente il sopravvento, tendendo ad allontanarci da noi stessi e dagli altri.

Non va certamente condannato il progresso, anzi, ma dovremmo ricordarci costantemente che la tecnologia è un mezzo, e non un fine, che purtroppo crea sempre più dipendenza, alienazione e analfabetismo emozionale. Se vivessimo il quotidiano con meno distrazioni e più presenza mentale nelle cose che facciamo e più consapevolezza nei confronti di tutto ciò che ci ruota attorno, la nostra esistenza risulterebbe certamente più piena, serena e amorevole”, secondo l’artista.

Link per lo streaming su Spotify:

https://open.spotify.com/album/41muY8igoVbAxaovBlL49M?si=I5-MFNvuRpGx6AINk1s-Ew

Biografia:

Max De Stefanis, in arte Max Deste, è uno scrittore e cantautore svizzero, nato a Schönenwerd nel 1973. Ha pubblicato due romanzi, una trilogia teatrale per ragazzi, una raccolta di poesie, alcuni saggi e numerose produzioni musicali, in ambito indie pop e alternative rock.

Per approfondimenti: www.maxdestefanis.ch

Prevendita album:

http://www.maxdestefanis.ch/431238860/product/3554149/ok-silenzio-album-cd-o-usb-prevendita?catid=1232334

Distribuzione del singolo:

Su tutte le piattaforme online.

Booking/info: mdestefa1@me.com

Crediti:

Testi e musiche: Max Deste (brano iscritto alla Suisa)

Arrangiamenti: Roberto Colombo e Riccardo Di Filippo

Chitarre e basso: Riccardo di Filippo

Batteria: Cristian Daniel

Tastiere e programmazioni: Roberto Colombo

Mix e master: Roberto Colombo @ Heaven Recording Studio

genere:

synthpop

Social:

Facebook profilo: Max Deste

Facebook pagina ufficiale: Deste

Youtube: Max Deste

Instagram: #maxdestefanis

Twitter: #maxdestefanis

Discografia:

. Ok Silenzio (album, autunno 2018)

. Dove finisce il giorno (singolo, settembre 2018)

. Ancora estate (singolo, giugno 2018)

. Danzare tra le nuvole (singolo, aprile 2018)

. Segui il tuo respiro (reading musicale live, 2017)

. Show Suprise (reading musicale live, 2013-14)

. Neverdie (Ep, 2013)

. We are the same (singolo, 2013)

. Il tuo cigno è morto (Ep, 2013)

. Rumore primo (Colonna sonora, 2011)

. Solitaire (Ep, 2009)

. Borderline (Album, 2008)

Videoclip:

Corpi violati (2013)

Neverdie (2013)

Bibliografia:

Segui il tuo respiro (Romanzo, 2017)

Show Surprise (Romanzo, 2013)

Soldi (Pièce teatrale, Dvd, 2012)

Le metamorfosi (Trilogia teatrale, 2008-2011)

I giochi pubblici nella Roma imperiale (Saggio storico-pedagogico-didattico, 2007)

Chiarori in una notte senza stelle (Raccolta di poesie, 2006)

 

Una lettura di Fontamara (Saggio letterario, 2004)

 

E’ uscito “L’amore in tempo di crisi"

 

“L’amore in tempo di crisi” ci offre un folk rock dai tratti ora grunge ora post punk/new wave ora alternative rock. Il nuovo album di inediti in italiano di Enrico “Maio” Maiorca rappresenta l’esordio da solista per il cantante e leader della stoner band “Il Vile”.

“L’amore in tempo di crisi” è composto da otto tracce che hanno come tema racconti di vita personali sintetizzati da frammenti sonori, scuri, malinconici ma allo stesso tempo tesi e vibranti. “Questo disco” - racconta Maio - “è una raccolta di canzoni rimaste nel cassetto per anni. Ognuna di esse fotografa un preciso momento della mia vita, frammenti che necessitavano di un lavoro di rifinitura per essere terminati e pubblicati. Tenuto conto che le canzoni risalgono a epoche differenti, è stato opportuno scegliere quelle che potevano essere ricondotte ad un medesimo filone musicale”.

Le canzoni che compongo l’album sono frutto del lavoro svolto con la produzione artistica di Michele Mick Anelli e pubblicato dall’etichetta discografica Alma Music/Ossigeno s.r.l. L’incontro con Michele Anelli è servito per ridefinire i contorni delle canzoni. Un lungo lavoro, seppur non continuativo, che ha coinvolto sia la parte musicale che testuale di ogni brano.

Sonorità cupe, sonorità volte taglienti, che rispecchiano alcune passioni musicali dell’autore quali il primo Mark Lanegan, echi di Tom Waits e Nick Cave che si mischiano con l’approccio garage-punk che ha unito e unisce Maio e Michele.

Per la registrazione dei brani, avvenuta presso lo Stayfree64, home studio di Michele Anelli, è nata la collaborazione con il batterista Andrea Cocco, che si è occupato anche delle percussioni.

 

Formazione live Sonic Maio Revue:

Enrico Maio Maiorca – voce, chitarra acustica ed elettrica

Michele Mick Anelli – chitarra elettrica ed acustica, cori, armonica

Paolo Castelletta: basso elettrico

Andrea Cocco – batteria e percussioni

 

 

L’amore in tempo di crisi” - 2018

genere:

folk rock, grunge, post punk, new wave, alternative rock

Etichetta:

Alma Music/Ossigeno s.r.l.

link streaming su Spotify:

https://open.spotify.com/album/1mK1OY8UWH3VaQsVECy58t?si=FpP3H5VGT

 

Track list:

1. L’amore in tempo di crisi

2. Notturna

3. L’assassinio di Emily

4. Giuda( la condanna)

5. Ombra

6. Lettera (che non vi ho mai scritto)

7. Sulla riva dell’ago

8. La menzogna del tempo che guarisce

 

weblinks:

Facebook: https://www.facebook.com/MaioBand

Instagram: https://www.instagram.com/maioband/

i-tunes:

https://itunes.apple.com/it/album/lamore-in-tempo-di-crisi/1403352380

Amazon:

https://www.amazon.com/Lamore-tempo-crisi-Maio/dp/B07G1Q9MLM

Deezer:

http://www.deezer.com/album/69396842

Google play:

https://play.google.com/store/music/album?id=Buumy4omjqujsguikp5oguy3uzm

 

 

 

Keplero, è uscito il nuovo singolo “Aileen

 

A distanza di 6 mesi dal lancio di Dreams Beyond, i Keplero questa volta raccontano una storia, quella di Aileen. Una sorta di invito a tenere sotto controllo le proprie paure, la malinconia, la tristezza, che molto spesso ci rendono schiavi...Liberamente ispirato al racconto breve "Intreccerò la mia tristezza", di Paola Klug, scrittrice messicana:

Quando ti sentirai triste, intreccia i capelli: intrappola il dolore nella matassa e lascialo scappare quando il vento del nord soffia con forza...Bisognerà stare attente che la tristezza non raggiunga gli occhi, perché li farà piangere e sarà bene non lasciarla posare sulle nostre labbra, perché ci farà dire cose non vere. Che non entri nelle tue mani perché tosterà di più il caffè o lascerà cruda la pasta: alla tristezza piace il sapore amaro. Non farti trovare impreparata dalla malinconia, bambina, anche se hai il cuore spezzato o le ossa fredde per ogni assenza... Non lasciarla in te, perché fluirà come una cascata per i canali che la luna ha tracciato nel tuo corpo. Intreccia la tua tristezza, intreccia sempre la tua tristezza. E domani, quando ti sveglierai, la troverai pallida e sbiadita tra il telaio dei tuoi capelli"

Link al video: https://www.youtube.com/watch?v=WU46mVPS61Q&t=128s

Crediti:

Registrato da Keplero presso Jafar Studios

Mixato e masterizzato da Antonio Cassinese presso Jafar Studios

Testo: Sergio Valerio, Michele Perrella

Musiche/arrangiamenti: Sergio Valerio, Michele Perrella, Costanzo Martino, Luca d'Altilia

Riprese e post-produzione: Valentina Festa, Jafar Studios

Interpreta Aileen: Chiara Fantetti

Biografia:

Il progetto Keplero nasce nel 2013, ispirato dalla figura di questo astronomo/fisico/matematico che per primo si chiese quale fosse la musica che risuona nello spazio, cimentandosi nel riprodurre l'armonia dei pianeti. Dopo un primo periodo trascorso tra numerosi locali di provincia, tra sala prove e studi di registrazione, i Keplero avranno modo in breve tempo di raggiungere risultati e riconoscimenti importanti.

 

Line up:

Sergio Valerio - vocals & guitar
Luca d'Altilia - bass, ukulele bass & baritone guitar
Costantino "Mcmartin" - drums,electric drums,percussion
Michele Perrella - keyboards & vocals

 

genere:

Post-rock/elettronica/synth-pop/ambient

 

curriculum:
- 2014 : Unitamente ad un numero spropositato di live, pubblicano il loro primo Ep "Keplero" dalle sonorità indie-rock, cantato rigorosamente in lingua inglese.

-2015 : Sarà un anno molto prolifico per loro. Partecipano infatti al contest barese per band emergenti "Essere Perfetto", portandosi a casa il primo posto tra numerosissime band della Puglia e non solo. Si aggiudicano così la produzione di un Ep in collaborazione con l'etichetta discografica "Otium Records" e con lo studio di produzione "OWT Garage sound".

Partecipano e vincono nell'estate 2015 il premio Morris Maremonti tenutosi in Polignano a mare, che da loro la possibilità di partecipare all' evento di musica indipendente più importante della penisola, il MEI di Faenza, tenutosi ad Ottobre 2015. Inoltre, hanno la possibilità di salire sul prestigioso palco de "L'acqua in testa festival" presso la Fiera del Levante a Bari, esibendosi al fianco di altri numerosi artisti provenienti dalla scena musicale italiana ed internazionale (tra cui Ghostpoet, Subsonica).

-2016: Pubblicano il loro secondo Ep "Vanità microscopica" un lavoro definito da alcuni più maturo e dalle intensità sonore più consistenti, nel quale Sergio per la prima volta sperimenta la scrittura dei brani anche in italiano. Partecipano e portano la propria musica su diversi palchi e festival pugliesi.

-2017: Si classificano al terzo posto alla nona edizione del premio MimmoBucci, nella suggestiva cornice del Teatro Petruzzelli di Bari. Esce il loro terzo Ep "Maluma live session" con inediti registrati rigorosamente in presa diretta.

-2018: Pubblicano il singolo "Dreams Beyond", un viaggio introspettivo attraverso i sogni, che segna una vera e propria rivoluzione stilistica e sonora da cui emerge una vocazione "ambient", intima della band. Vincono il premio come miglior band emergente al FIM contest (Fiera Internazionale della Musica) e si esibiscono nell'auditorium Testori di Milano.

 

Contatti:

Facebook: https://www.facebook.com/kepleroband/
Instagram: https://www.instagram.com/keplero_music/
Twitter: https://twitter.com/BandKeplero

 

Sergio Valerio: 3206378596

 

Senza uscita è il singolo dei Paper Walls

in radio e sui principali digital stores il brano  del giovane gruppo pugliese 

La sonorità rock si fonde con la dolcezza della poesia concedendo istanti di serenità intervallati da momenti di intensa passione, l’equilibrio fragile e vitale che caratterizza l’amore.

Senza uscita affronta il difficile test radiofonico, ma sicuramente dimostra con quanta passione e con quanta cura i giovani intraprendono un cammino difficile, senza passare per i talent televisivi, partendo da quella “cantina” da dove, la storia ne è testimone,  sono nati artisti e progetti che hanno segnato il  tempo . 

Provenienti dalla soleggiata Puglia, quattro ragazzi sbadati ma pungenti, intraprendenti osservatori, simpaticamente critici, completamente differenti tra loro, accomunati dalla stessa passione, quella per le "note musicali". 

I Paper Walls nati nel 2010 da un’idea del chitarrista Nicola Renigaldo,  muniti di fantasiose melodie, accompagnate da testi realistici e irriverenti, raccontano le stranezze della società attuale lasciando trapelare nelle loro canzoni sempre risvolti profondi ed emotivi. Nonostante la loro giovane età riescono a dipingere un quadro chiaro e nitido della realtà' adoperando però sottili e divertenti sfumature. Hanno all’attivo più di cento concerti ed attualmente sono in studio per il loro primo  album.

I Paper Walls :
Sonia Belvedere Voce
Nicola Renigaldo Chitarra
Antonio Di Lauro  Basso
Fabio Conoscitore Batteria 

 

https://www.facebook.com/paperwallsrock/

Spotify
https://open.spotify.com/album/0jKsZh4CwWBkLDzdKM8NTH?si=T7VezQcfTbaM-W1vcykUAw

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

Masstang, è uscito il nuovo singolo “Il giorno”

 

A distanza di 4 mesi dal lancio di Perle Nere, esce un nuovo inedito, forse il pezzo più completo dei Masstang, una band che si sta facendo notare per l’originalità, la freschezza e l’energia genuina che propone. La band propone continui step evolutivi, pubblicando una serie di singoli, prodotti insieme a Bonnot, uno dei produttori più talentuosi e meno inflazionati della Penisola (Ricordiamo le sue produzioni per artisti del Calibro di Snoop Dog, M1 Dead Prez, Caparezza, Assalti Frontali, Galup e mlti altri).

Dopo una notte folle arriva “il giorno” dei Masstang. “Questa notte ci ha fatto a pezzi fino all’ultimo respiro…”, secondo le parole della band. Il racconto comincia con questa frase che racchiude in se 1000 storie. La notte è appena passata con il suo strascico di cuori e nasi rotti, bottiglie finite e spaccate, sigarette, cartine, banconote e lenzuola stropicciate.

In un modo o nell’altro è stata una notte folle che ci ha lasciato i segni addosso, un’immagine dove tutti, chi in un modo chi in un altro, possono rivedersi. Ma siamo sopravvissuti ancora una volta… L’alba del giorno che si affretta ad arrivare è come una promessa, una continua seconda occasione, una nuova chance per i nostri sogni. La luce brucia negli occhi socchiusi, la testa pulsa e proietta flashback delle ore appena passate e guardando la propria faccia allo specchio cerchiamo di catturare quegli attimi che sono già un ricordo… forse! Un nuovo giorno è arrivato, un nuovo giorno da vivere tutto d’un fiato. Dedicata a tutti quelli che vivere il giorno non basta!”, secondo la band.

Link al video: https://www.youtube.com/watch?v=TqB6tm6zGGU&feature=youtu.be

Crediti:

Video subject: Masstang & Francesco Agostini

Regia e montaggio: Francesco Agostini

Testi e musica: Masstang

Prodotto da: Bonnot Music & Masstang

Recording: Bonnot Studio

Mix & Master: Bonnot Studio

Artwork: Delli

Biografia:

Dirompente e visionario. Masstang è un progetto assolutamente trasversale, è un sapido mix delle nuove influenze della club culture, un bel crossover di generi di musica eletronica, rap, pop e un richiamo alle origini Rock. Di chiara ispirazione british a band come Rudimental, Nero, Chase n Status e a quello spaccato musicale che sta letteralmente spopolando in altri lidi (in primis Inghilterra).

Ogni canzone diventa un viaggio, passando dalle nebbiose atmosfere autunnali, alle calde vibrazioni della musica da club, rispecchiando la personalità di ognuno dei componenti, che apporta il proprio background musicale.

Line up:

MARI / Marica Bacciardi (Voce)

DELLI / Dante Saudelli (Chitarra + Voce)

MAS JD / Samuele Bozzi (Macchine + Programs)

genere:

Elettronica / Alternativo

curriculum:

• Best Arezzo Wave band Marche 2017

• Vincitori concorso Play Marche 2017

• Un EP remix prodotto nel 2017 “Remix1” (Bonnot Music)

• Un disco prodotto nel 2016 “Visioni” (Bonnot Music Good Fellas)

• Attività live continua

• In programma 2 uscite con nuovi inediti per marzo e giugno 2018

Contatti:

www.masstang.com

Facebook: Masstang band

Youtube: Masstang band

Spotify: Masstang

Soundcloud: Masstang band

Instagram: #Masstang

masstang.band@gmail.com

 

Dante Saudelli 329.5655833

 

E’ uscito Barracuda, il nuovo video dei Laederbraun

 

 

I Laederbraun sono un progetto hard rock italiano che affonda le radici nella pittoresca provincia di Lecco. Il gruppo nasce da un idea di Simone Goretti (chitarrista compositore) affiancato dall'inseparabile batterista Antonio Romano, che riunisce intorno a sè alcuni artisti per dare corpo al tutto. Infatti, a far parte della band “entrano” la voce della poco più che ventenne Isabella Conca, il basso di Gionata Montanelli e il violoncello di Michele Nasatti.

Presentazione di “Barracuda”

Barracuda è un video oltraggioso, senza mezzi termini e pieno di metafore. La band ha cercato di sintetizzare “il marcio odierno” parafrasandolo in una sorta di cannibalismo metafisico.

“Oggi il mondo è pieno di falsi amici, di gente che ti vuole fuori dal coro, vuole isolarti, per spolparti fino alle ossa, senza limiti, è quotidianità la notizia di gente truffata, aggredita, “violentata” anche psicologicamente da persone per bene che in realtà sono lupi vestiti da agnello”, secondo le parole della band.

Link al video: https://www.youtube.com/watch?v=eciYeFBd160

Line Up:

Isabella Conca (voce)

Antonio Romano (batteria)

Gionata Montanelli (basso)

Michele Nasatti (violoncello) Simone Goretti (chitarre)

 

Genere:

Hard Rock

Weblinks:

www.facebook.com/laederbraun

www.laederbraun.com

 

https://www.instagram.com/laederbraun/

 

Ruggero e la sua  “Canzone in la” 

in radio il “tormentone” estivo per sentirsi liberi 

 

Scrivere una canzone non è mai facile, scrivere una bella canzone ancor meno. "Canzone in la" descrive la continua lotta contro l'ispirazione, una bestia crudele che arriva inesorabile e ti mette continuamente alla prova. Essere artisti non significa necessariamente essere sempre pronti a contrastarla. Talvolta però riesci a fare pace con te stesso, a prendere l'ansia per le corna e a ballarci insieme. E scopri che basta un'atmosfera spensierata e una sonorità anni Ottanta per sentirti libero, per sentirti al mare. Scopri che basta semplicemente una "canzone in la". 

 

Ruggero, al secolo Filippo Lazzari, nasce a Cremona il 3 gennaio 1993. Sin da piccolo dimostra una grande passione per la musica con un’ attitudine al canto. All’età di 12 anni frequenta un corso di chitarra classica, per poi abbandonare e dedicarsi personalmente allo studio dello strumento. In quegli anni inizia a comporre le sue primissime canzoni. A 19 anni, dopo aver conseguito il diploma di liceo scientifico si trasferisce a Firenze per frequentare l’università. Contestualmente approccia da autodidatta il pianoforte per poi prendere lezioni, qualche anno dopo, dal maestro Walter Savelli. Parallelamente agli studi universitari comincia a farsi notare esibendosi dal vivo in alcune feste private ed allo storico “Paszkowsky” di Firenze. Nel 2015 è la voce delle tappe toscane del tour del batterista internazionale Will Hunt, insieme alla band “Ossigeno”. Nel 2016 è ideatore e promotore dello spettacolo di beneficenza presso il teatro-cinema Sala Esse dal titolo “L‘isola che c’è”, che ha totalizzato il tutto esaurito. Contestualmente scrive e pubblica “Sassi turchini”, canzone che tratta il tema della disabilità. Da qualche anno anima molti locali della Versilia con il suo pianobar. Il 25 novembre 2017 fa uscire il suo primo singolo intitolato “Il mio giorno fantastico” ( https://youtu.be/sLqAbrbeJf4 ). Il 17 febbraio 2018 esce il suo secondo singolo, dal titolo “La mia bambina” (https://youtu.be/ORzJpgBHIgE).

Il nuovo singolo si intitola “CANZONE IN LA”: ha un sapore tipicamente estivo con sonorità anni Ottanta. 

 

https://www.facebook.com/lagentemichiamaruggero/?ref=bookmarks

https://www.instagram.com/spesso_ruggero/

 

Press, radio, Tv Agency
DCOD Communication By GB Play

promoradio@dcodcommunication.it

 

promostampa@dcodcommunication.it

 

“Plastica” la malata frenesia di un meccanismo cinico

Gli Ummo tornano in radio con un singolo che anticipa l’uscita del nuovo album 

 

Le nostre emozioni, i nostri corpi e le passioni  sono diventate di Plastica Riciclati in ogni momento per essere riutilizzati in maniera fredda e vuota. Calpestati e schiacciati come della Plastica al macero. Nessuno più è disposto a donarsi realmente, a combattere per l’unicità della nostra anima.

Veniamo presi e gettati via come nulla fosse, come Plastica. Ridotti a oggetti da depositare  in un cassonetto per il riciclo. E poi di nuovo, all’infinito.

La malata frenesia di un meccanismo cinico che “fotte” la nostra mente distruggendola a colpi di ansia. Ansia per qualsiasi cosa, ansia per essere diventati di Plastica.

Unica soluzione: dire basta a tutto, non credere più a nulla, resettare la nostra vita e iniziare davvero ad amare noi stessi. Ognuno è speciale a suo modo e se la persona al tuo fianco non lo comprende… fottitene e mandala via!

 

Gli Ummo si ripresentano con un brano forte e coinvolgente,  per aprire la strada ad un nuovo album  in arrivo pieno di sorprese.  Tanto rock e tanta maturità artistica e compositiva.